5 modi di servire la polenta

tramite: O2O
Difficoltà: media
5 modi di servire la polenta
16

Introduzione

La polenta è una deliziosa pietanza originaria dell'Italia Settentrionale e attualmente diffusa in numerosi Paesi dell'Europa (come l'Ucraina, l'Austria, la Romania, la Svizzera e la Croazia) e nel Sud America (come l'Uruguay, il Cile, l'Argentina e il Messico).
Negli anni passati, questo piatto tipico dell'inverno veniva preparato dentro un paiolo, cucinato nel camino e girato periodicamente con un bastone di legno (denominato cannella): oggi, la sua preparazione avviene in una normale pentola dai bordi alti, la propria cottura viene fatta sul fornello e il suo mescolamento viene compiuto tramite la cucchiarella.
Le operazioni che bisognerà effettuare per ottenere sei porzioni di polenta classica sono fare bollire a fiamma viva "200 cl" di acqua (aggiungendo anche "25 gr" di sale grosso e un cucchiaio di olio extravergine d'oliva), abbassare il fuoco dopo l'ebollizione e unire progressivamente la farina di mais che preferite (mescolando spesso il tutto nel medesimo verso, per evitare la formazione di grumi e finché non si avrà un composto amalgamato bene).
Nella presente dettagliata e interessante guida di cucina che verrà esplicata nei passaggi successivi, vi parlerò dei 5 modi di servire la polenta.

26

La polenta taragna

Uno dei 5 modi per servire una gustosa polenta è tipico della tradizione culinaria presente in Valtellina (Lombardia) e prevede l'utilizzo della farina taragna, la quale viene ottenuta dal mescolamento tra il mais e il grano saraceno integrale.
La polenta taragna deve essere arricchita sia con il burro fatto a dadini che tramite un formaggio di vostra scelta (come la Fontina, la Valtellina Casera, il Gorgonzola o il Branzi) ritagliato a piccoli cubi e privato della buccia: inoltre, questa pietanza sarà possibile consumarla da sola oppure insieme alle deliziose salsicce di maiale, secondo i vostri gusti personali.

36

La polenta fritta

Un'altra maniera per servire la buonissima polenta è quella di friggerla e offrirla agli eventuali ospiti, che resteranno sicuramente molto soddisfatti.
Le operazioni che occorrerà compiere in questo caso sono formare dei quadrati o rettangoli di polenta, bagnarli con l'uovo, passarli nel pangrattato o nella farina di mais, immergerli all'interno di una padella contenente molto olio per friggere (quando esso diventerà bollente), lasciarli cuocere per circa 10 minuti, scolarli perfettamente e asciugarli tramite del rotolo da cucina.
La polenta fritta potrà essere servita in modi differenti: al naturale, arricchita con alcune spezie (come il pepe nero macinato o il rosmarino) e abbinata con qualche formaggio fresco/stagionato (tra cui il Gorgonzola, lo Stracchino e/o il Taleggio) o alcuni salumi.

Continua la lettura
46

La polenta con funghi porcini e gorgonzola

Un terzo modo di servire questa meravigliosa pietanza della stagione invernale prevede l'aggiunta dei gustosi funghi porcini e del formaggio Gorgonzola.
Con riferimento alla preparazione del condimento, le operazioni da eseguire consistono nel lasciare cuocere in padella i porcini affettati con l'olio extravergine d'oliva e uno spicchio d'aglio (aggiungendo anche un bicchiere di vino bianco, ritagliare il Gorgonzola a fettine e farlo sciogliere nel pentolino insieme al latte, collocare la polenta cucinata precedentemente al centro del piatto e mettere i due ingredienti ai lati di quest'ultimo.
Qualora lo vogliate, sarà possibile accompagnare questa ricetta di cucina con un delizioso vino rosso fabbricato in Lombardia.

56

La polenta concia alla Valdostana

La polenta concia alla Valdostana è un piatto estremamente ricco, in quanto utilizza come ingredienti principali:
- le patate;
- i formaggi Asiago e Puzzone di Moena;
- il salame e lo speck.
Per cucinare questa ricetta di cucina, sarà necessario ritagliare a piccoli cubi i salumi, affettare sottilmente la cipolla bianca e soffriggere il tutto all'interno di una padella contenente sia olio extravergine d'oliva che burro: verso il termina della cottura, bisognerà aggiungere entrambi i formaggi spezzettati e lasciare cuocere finché non si formerà una crosticina bruciacchiata.

66

La polenta in carrozza

Infine, vi consiglio di preparare una buonissima polenta in carrozza e il procedimento da seguire prevede l'esecuzione di queste operazioni:
- affettare la polenta, metterci sopra sia un pezzo di formaggio (la Provola o la mozzarella) che una fetta di prosciutto cotto e ricoprire il tutto con un'altra fetta di polenta;
- passare i panini cosi ottenuti prima in un piatto dove avrete sbattuto l'uovo con il latte e poi nel pangrattato;
- immergere quest'ultimi in una padella con molto olio extravergine d'oliva bollente, lasciarli cuocere uniformemente da entrambi i lati e asciugarli con della carta assorbente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come condire la polenta

La tradizione gastronomica italiana si compone di differenti ricette, tutte tipiche di una particolare zona della nostra nazione. La polenta è uno di questi. In tempi lontani era il pasto di allevatori e contadini, che usavano farine di diversi cereali....
Primi Piatti

Ricetta: polenta con gorgonzola

La polenta è una ricetta tipica della tradizione italiana. La polenta è un composto a base di farina di cereali. Sin dall'antichità veniva utilizzata la farina di mais per riprodurre questo piatto povero e gustoso. Oggi, ci sono molte rivisitazioni...
Primi Piatti

Come preparare la polenta taragna

Con l'arrivo del freddo un buon piatto di polenta è un toccasana da non sottovalutare. In particolare la polenta taragna è una specialità valtellinese e non solo. Il perfetto connubio tra la farina di mais e il grano saraceno. Il condimento più conosciuto...
Antipasti

Come preparare degli antipasti con la polenta

La polenta è un piatto tradizione della parte settentrionale dell'Italia e in particolare della Valtellina. Generalmente, la polenta viene definita il "piatto dei poveri" proprio perché è molto economico e formato da acqua e farina di cereali. La polenta...
Antipasti

Ricetta: polenta alla piastra con gorgonzola

La polenta è uno dei piatti più antichi della cultura culinaria italiana. La polenta è un alimento a base di cereali. In particolare l'ingrediente più utilizzato e che la caratterizza è la farina di mais. Questa ricetta in passato era uno degli argomenti...
Antipasti

Ricetta: tortini di polenta e gorgonzola

La tavola invernale è spesso arricchita dalla presenza di uno dei piatti più poveri, ma anche più buoni, come la polenta! Anche se spesso viene accompagnata da un corposo sugo arricchito dalla presenza delle salsicce, la polenta è un piatto che si...
Primi Piatti

Ricetta: polenta con gorgonzola

Oggi vi spiegherò passo dopo passo l'esecuzione di una ricetta davvero deliziosa. Sto parlando della polenta con gorgonzola. Si tratta di una ricetta della polenta rivisitata che prevede l'utilizzo del gorgonzola al posto di un qualunque altro tipo di...
Primi Piatti

Ricetta: polenta taragna con spezzatino

La polenta come ben si sa è il tipico piatto del nord Italia: si trattava del piatto povero, fatto con farina di grano ed acqua, formando una deliziosa crema piuttosto elastica che poteva essere gustata sia sola che come accompagnamento ad altre pietanze....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.