Come aprire le ostriche

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Conosciuta sin dai tempi più antichi, l’ostrica è un mollusco che vive in tutti i mari europei, solitamente a basse profondità ed ancorato a scogli od altre strutture solide. Oltre a rappresentare un cibo molto apprezzato, le ostriche costituiscono un alimento leggero ed estremamente sano, soprattutto grazie alla presenza della vitamina B12 e di minerali quali zinco e iodio (che rinforzano i capelli e ringiovaniscono la pelle).
Tuttavia, prima di poter gustare questi prelibati molluschi, è necessario svolgere un’operazione per certi versi impegnativa e potenzialmente rischiosa: aprire la conchiglia. In questa guida illustreremo come procedere in modo agevole ed in tutta sicurezza.

27

Occorrente

  • Un coltello appuntito dalla lama corta.
  • Guanto di maglia d'acciaio.
37

Gli strumenti necessari.

Per prima cosa, vediamo quali sono gli strumenti necessari ad aprire le ostriche: innanzi tutto, avrete bisogno di un coltello molto appuntito, preferibilmente dotato di una lama corta e tozza, il cui spessore vada aumentando man mano che si avvicina al manico. È consigliabile, inoltre, impiegare un resistente guanto di maglia d’acciaio ed avvolgere la conchiglia in un panno piegato in 4: in questo modo, scongiurerete il rischio di ferirvi a causa del guscio tagliente dell’ostrica o di tagliarvi nel caso il coltello vi “sfuggisse di mano”.

47

Aprire la conchiglia.

La conchiglia è formata da due valve, quella superiore e quella inferiore, con la prima leggermente più piccola rispetto alla seconda (alla quale è attaccato l'animale). La forma è piuttosto tondeggiante, ovale, ed i suoi margini sono frangiati, così come irregolari sono le valve.
Ponete la valva piatta verso l’alto, in modo che la “cerniera di ripresa” (situata presso la punta dell’ostrica) sia verso di voi, quindi introducete la lama del coltello all’interno della cerniera ed effettuate con decisione dei movimenti rotatori a destra e a sinistra, così da aprire le valve.

Continua la lettura
57

Gli ultimi passaggi.

Continuate ad allargare le valve e quando si saranno separate del tutto, eliminate quella piatta. Il mollusco resterà quindi attaccato alla valva inferiore: utilizzate il coltello per staccarlo dal guscio, prestando attenzione a non far fuoriuscire il liquido in esso contenuto (dal momento che contribuisce ad insaporire l’ostrica). Controllate infine che durante l’operazione residui del guscio od altre impurità non si siano depositate sul frutto ed eventualmente rimuoveteli. A questo punto non resta che gustare le ostriche, rigorosamente fredde, con poco condimento, ed accompagnate da un buon vino!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando aprite l'ostrica, evitate che fuoriesca il liquido in essa contenuto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta per un piatto afrodisiaco

Gli alimenti con poteri afrodisiaci sono molteplici, versatili e ideali per una cena o un pranzo romantico. Volendo si potrebbe anche progettare uno sfizioso menù in cui ogni piatto è un passo in più verso il piacere. Ma in questa guida, in particolare,...
Pesce

Come cucinare le ostriche

Le ostriche sono da sempre considerate i molluschi più nobili del mare e per questo motivo si consumano in grande quantità soprattutto in occasione di sontuosi banchetti. Per cuocerle non è difficile, ma per prepararle in modo gustoso, è necessario...
Consigli di Cucina

Come sbollentare le ostriche

Tra le prelibatezze a base di pesce, sicuramente tutti voi conoscerete le deliziose ostriche. Le ostriche sono dei meravigliosi molluschi molto costosi, considerati un alimento di lusso da abbinare ad un pregiato champagne. Le ostriche possono essere...
Consigli di Cucina

Come servire il pesce crudo

Il pesce crudo è una prelibatezza sempre più diffusa e amata nel nostro territorio. In particolare con la cucina giapponese abbiamo potuto apprezzare tante ricette particolari e gustose che ci permettono di gustare il pesce crudo in mille modi diversi....
Carne

Ricetta: ostriche in tempura di limone e salsa wasabi

Se per una cena tra amici intendiamo sorprendere gli ospiti, possiamo preparare una ricetta orientale, precisamente della tradizione giapponese. Si tratta infatti di un preparato davvero unico e particolare, che consiste nell'utilizzare delle ostriche...
Antipasti

5 antipasti perfetti per una cena romantica

Si avvicina il vostro anniversario? Volete festeggiare il San Valentino in intimità o semplicemente volete dimostrare alla vostra metà quanto l'amate?Uno dei modi migliori è sicuramente preparare con le vostre mani una cenetta romantica, non serve...
Pesce

5 modi per preparare le ostriche

Tra i molluschi più gustosi e più prelibati, non si possono non nominare le meravigliose ostriche. Le ostriche vengono servite crude per le occasioni più importanti insieme ad un fresco e pregiato champagne o vengono accompagnate da altri gustosi ingredienti...
Primi Piatti

Ricetta: riso venere al sugo di ostriche e gamberetti

In questa guida, illustrerò una ricetta molto appetitosa: il riso venere con sugo di ostriche e gamberetti. Il riso venere è un riso integrale che ha origini italiane, ed è caratterizzato dal colore nero dei chicchi. Esso è molto ricco di ferro, antiossidanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.