Come classificare vini

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se state pensando che i vini sono tutti uguali, e se credete che, per ciascuna occasione può andare bene qualsiasi tipo di vino basta che si beva, e se ancora credete che l'unica caratteristica di ciascuno sia il sapore e colore, c'è veramente il bisogno di certe delucidazioni maggiori sulla classificazione dei vini! Ecco che in tale tutorial vi spiegheremo come classificare i vini. Buona lettura!

27

Occorrente

  • -
37

Dovrete subito distinguere una cosa importante, che sono due categorie principali, che dovrete chiamare tramite l'uso di abbreviazioni oppure chiamati anche acronimi, e più precisamente "V. C. C." che sono i vini di consumo corrente; "V. Q. P. R. D.": vini di qualità prodotti in determinate regioni. Queste categorie, a loro volta, contengono internamente, delle sotto categorie, che raramente compaiono mediante sigla, sulle etichette dei vini. Per quanto riguarda i vini di consumo corrente, la sigla invece è la seguente: "V. D. T.": vini da tavola, e "I. G. T." che significa indicazione geografica tipica.

47

Nella sezione dedicata ai vini di qualità prodotti in regioni determinate, potrete trovare invece compresi i vini "D. O. C.", cioè denominazione di origine controllata; ed i "D. O. C. G." che significa denominazione di origine controllata e garantita.
Ora andremo a spiegarvi in maniera più dettagliata, ciascun vino singolo, che appartiene alle categorie suddette. I vini "D. O. C. G" appartengono a tal categoria, quei vini che arrivano da aree geografiche molto ristrette. Le procedure per la coltivazione, raccolta e lavorazione del prodotto, sono maggiormente ancora rigorose rispetto a quelle per i vini" D. O. C". Il consorzio di produzione, dovrà infatti essere autorizzato dal Ministero delle Risorse Agricole, a vigilare in modo che tutte le direttive possano essere eseguite con massimo scrupolo, oltre che ad essere garante. Un vino a denominazione controllata diventa un "D. OC. G", quando saranno passati 5 anni circa, e questo periodo dovrà essere raggiunto da un certo prestigio internazionale, implicando i parametri qualitativi, maturati nel tempo per diverse ragioni. Anche tali vini dovranno essere sottoposti ad esame organolettico, specialmente quando vengono imbottigliati. Quasi come ultima cosa occorrerà la degustazione da parte di una commissione adeguata, che ne decreti la qualità, perciò l'approvazione per denominazione opportuna.

Continua la lettura
57

I vini "I. G. T" appartenenti a tal categoria, provengono da regioni o aree ben precise, rispetto a quelli da tavola. I controlli in questo senso sono maggiormente marcati, e sarà possibile, se non opportuno, riportare le informazioni che occorrono sull'etichetta della bottiglia, relativamente all'annata ed ai vitigni."V. D. T" significa che l’uva di questi vini arriva dal paese riportato sull'etichetta. Non ci sono vincoli particolari, oppure restrizioni in merito alla zona oppure all'area di provenienza. Non c'è obbligo di riportare in etichetta i dati relativi ai vitigni né all'annata; questa mancanza però, non dovrà essere considerata come sinonimo di scarsa qualità.

67

"D. O. C": taluni vini provengono da aree geografiche ben ristrette e con vocazione vinicola speciale. Per la coltivazione e la produzione di vini successiva di origine controllata, occorrerà seguire precise linee guida in maniera molto rigorosa, che devono essere approvate da decreto ministeriale. I vitigni dovranno appunto essere autorizzati alla coltivazione; la raccolta dell'uva deve avvenire tramite procedimenti determinati, ed in fasi specifiche. Lo stesso discorso sarà fatto per la lavorazione del prodotto; sarà d'obbligo la degustazione, così come il tasso di gradazione alcolica, dovrà essere controllato.
Il vino "D. O. C", verrà sottoposto infine ad un esame organolettico, che ne certifichi la qualità, in base ai requisiti richiesti.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • -

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come catalogare il vino

Se siete degli amanti del vino sicuramente vi piace avere sempre in casa una vasta scelta di vini buoni, pregiati e di alta qualità. Ovviamente si sa che il vino perché possa conservarsi bene ha bisogno di diverse circostanze atmosferiche, ad esempio...
Vino e Alcolici

Guida ai vini campani

La Campania è nota nel mondo per essere terra di sole, di archeologia, musica e storia. È conosciuta per il Vesuvio, la pizza, il mandolino ma anche per i suoi vini eccellenti. La tradizione dei vini campani risale all'antichità classica quando prima...
Vino e Alcolici

Come leggere l'etichetta di un vino

La Comunità Europea ha introdotto numerose leggi in campo alimentare che tutelano il consumatore finale da prodotti contraffatti, pericolosi per la propria salute e di scarsa qualità inserendo rigide regole. Fra le più importanti si ricordano quelle...
Vino e Alcolici

Guida ai vini rossi italiani

Il vino è tra le bevande più diffuse del mondo e tra i tanti paesi esportatori l'Italia gioca un ruolo da protagonista del mercato mondiale, grazie ai vigneti fertili e produttivi e ai viticoltori che preparano con dedizione e competenza questo gustoso...
Vino e Alcolici

Come riconoscere i vini

Saper riconoscere un vino non è certo cosa facile e per riuscirci solitamente si seguono dei corsi appositi che spiegano in che modo e in base a quali caratteristiche è possibile riconoscere un vino e magari saperlo abbinare ad una pietanza. Acquistare...
Vino e Alcolici

Guida ai vini con bassi livelli di solfiti

I bassi livelli di solfiti naturalmente presenti nel vino sono frutto della fermentazione. Alcuni produttori di vino ne aggiungono ancora di più con lo scopo di migliorarne il sapore,. Invece, nella maggior parte dei paesi produttori, i vini devono riportare...
Vino e Alcolici

I migliori vini da abbinare al salmone

Un noto proverbio recita: "Un pesce deve nuotare tre volte: la prima nell'acqua, la seconda nell'olio e la terza nel vino". È tradizione diffusa, infatti, accompagnare un piatto a base di pesce con un buon vino, che ne sappia esaltare il sapore. Trovare...
Vino e Alcolici

Come consigliare i vini

Alcuni paesi, fra i quali includiamo a pieno diritto l'Italia, possono vantare una tradizione vinicola centenaria e impareggiabile. Quando si tratta di consigliare i vini per un pasto in un ristorante Italiano c'è solo il proverbiale imbarazzo della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.