Come cucinare il fegato di vitello

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il fegato di vitello è un alimento che è ricco di proteine, vitamine A e B e sali minerali. Il suo consumo è consigliato specialmente alle persone che hanno carenza di ferro, alle donne in gravidanza ed ai ragazzi nell'età dello sviluppo. Questo alimento però non deve essere consumato di frequente ed in ampie porzioni in quanto ha un'elevata concentrazione di colesterolo che può alterare la funzionalità dell'organismo. Esso è un ingrediente economico e versatile in cucina. In questo tutorial si possono avere dei consigli su come cucinare il fegato di vitello che sarà sicuramente apprezzato se a tavola ci sono degli ospiti.

25

La prima ricetta è il fegato impanato in padella. Bisogna procurarsi delle fettine di fegato lucide e fresche; esse si riconoscono facilmente dall'aspetto. Poi, si devono mettere in un piatto colmo di pangrattato, sale e pepe e bisogna pressarle con le mani per far attaccare il pangrattato alla carne. Nel frattempo si riscalda per qualche minuto in una padella dell'olio extra vergine d'oliva e si mette il fegato impanato. Per ottenere un cottura uniforme è consigliabile girare un paio di volte le fettine e lasciarle cuocere per qualche minuto. Quando la superficie è diventata dorata si può togliere la padella dal fuoco. È opportuno asciugare un po' dell'olio che è rimasto sull'impanatura delle fettine utilizzando un tovagliolo di carta. Adesso è possibile assaggiare e gustare il fegato impanato.

35

Un altro modo per servire il fegato è quello di accompagnarlo con una salsa a base di aceto e cipolle. La prima cosa da fare è tagliare a cubetti oppure a strisce il fegato fresco. Poi, si devono tritare un paio di cipolle ed uno spicchio di aglio, si mettono in padella con due o tre cucchiai di olio extra vergine d'oliva per qualche minuto e si fanno appassire. A questo punto si aggiunge il fegato, il sale ed il pepe in modo da insaporire ulteriormente. In seguito si sfuma il tutto con due cucchiai di aceto bianco; poi, si aggiunge un cucchiaio di concentrato di pomodoro sciolto in un bicchiere di acqua tiepida.

Continua la lettura
45

Adesso si lascia cuocere fino a quando il fegato non è diventato morbido. Quando è pronto si può servire in tavola; sicuramente gli amici ed i parenti saranno entusiasti di questa pietanza. Queste due ricette sono molto semplici e veloci da realizzare. In questo modo si apprezza maggiormente il fegato di vitello. Quest'ultimo, anche se non è molto utilizzato, è economico e ricco di principi attivi.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non prolungare eccessivamente la cottura. Il fegato tende a diventare duro.
  • Per togliere l'odore pronunciato bagnatelo anche con vino bianco
  • Usate aromi per esaltare il sapore

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: crostini toscani di fegato

I crostini toscani di fegato sono una ricetta tipica della regione Toscana. Si prepararono con i fegatini di pollo cotti insieme ad un soffritto di cipolla. Da questa preparazione si ottiene un patè che poi andrà spalmato su dei crostini di pane toscano....
Consigli di Cucina

Come pulire le frattaglie

Con il termine generico “frattaglie” si intendono le interiora degli animali: dal cuore ai rognoni, dai fegatini alle animelle, trippa inclusa. Impiegate per dar sapore a brodi e consommé, soprattutto quelle di pollo e per dare sapiditá a ripieni,...
Consigli di Cucina

5 ricette con il foie gras

Quando si discute sulla cucina francese si è tutti d'accordo su un alimento particolare: il Foie Gras. Tra gli ingredienti più prelibati, il fegato d'oca, o d'anatra, è il tipico ingrediente da ristorante stellato, ma non è assolutamente detto che...
Primi Piatti

Come cucinare la zuppa Santé.

La zuppa Santé è una pietanza dell'antica tradizione culinaria molisana e tipica del Natale. Originario di Agnone (IS) è un piatto di successo in quasi tutta l'Italia meridionale, acquistando diverse varianti. Infatti, in Campania nel brodo viene cotta...
Carne

Come preparare polpettine di pollo speziate

Le polpettine sono un piatto tradizionale che può essere proposto in tante varianti: polpettine con carne tritata di vitello, di maiale, di pollo, oppure polpettine frutte, arrostite, cotte in salsa, e molto altro ancora. Nell'articolo seguente sono...
Carne

Come scegliere la carne più tenera

La carne, nonostante negli ultimi anni siano aumentati esponenzialmente il numero di persone vegane, vegetariane ed animaliste, atte a sensibilizzare sui problemi provocati dal suo consumo, resta uno degli alimenti più consumati dai cittadini italiani....
Vino e Alcolici

Come scegliere il giusto vino in base al menù

Una cena perfetta consiste in un buon primo, un ottimo secondo e in un bel dolce, ma se il vino non è quello giusto, rischiamo veramente di alterare i sapori e rovinare tutto. L'esperienza di un bravo sommelier potrebbe esserci utile, ma a volte serve...
Pesce

Ricetta: filetto di merluzzo alla mediterranea

Il merluzzo è un pesce marino appartenente alla famiglia dei Gadidi, molto presente sulle nostre tavole, sia per la facilità di preparazione che per la possibilità di reperirlo, sia fresco che surgelato. Le sue proprietà sono molteplici: è ricco...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.