Come cucinare il mucco pisano

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il mucco pisano è una razza bovina, derivante da un incrocio tra la mucca bruna alpina e alcune razze della zona. Dalla carne molto tenera, con un sapore pungente e di colore rosso nel maschio, il mucco pisano costituisce un secondo piatto tipico della cucina toscana. In particolare, è presente nella zona di San Rossore, Migliarino Pisano e San Giuliano Terme, dove è originaria, e dove sono presenti un massiccio numero di allevamenti. Abbastanza introvabile in passato sul mercato, oggi ne sono state riconosciute meritevolmente le caratteristiche di genuinità e gusto. Se siete interessati a questo argomento, qui di seguito vi sarà spiegato in maniera chiara e comprensibile come cucinare correttamente il mucco pisano.

25

Occorrente

  • Bistecca di mucco pisano
  • Verdure
  • Griglia
  • Sale e pepe
  • Aceto
35

Preparazione contorno

Iniziate col preparare il contorno di verdure, visto che vi sconsiglio di prepararle insieme alla carne, che richiede particolare attenzione. Prendete le zucchine, lavatele e tagliatele con lo spessore di circa un centimetro. Poi prendete delle falde di peperoni e privateli dei semi. Successivamente occupatevi del radicchio, lavandolo bene sotto l'acqua corrente e tagliandolo, in fine, in due parti. Mettete ad arrostire sulla griglia o sulla piastra i peperoni, il radicchio, i cipollotti e le zucchine per poco tempo. Una volta pronte, prendete le zucchine e i peperoni e tagliateli a quadretti. Successivamente aggiungete questi ultimi in una padella a fuoco lento, insaporendoli con olio, aglio e prezzemolo. Una volta pronti, sistemate tutte le verdure in un vassoio e mettetele da parte.

45

Cottura carne

Dedicatevi adesso alla cottura della carne, il vostro mucco pisano. Vi consiglio di comprare la carne dal vostro macellaio di fiducia, richiedendo un taglio che si aggira tra i quattro e i cinque centimetri. Prendete la carne e, su una griglia o una piastra, adagiate il grosso pezzo di mucco, e cuocetelo come una normalissima bistecca fiorentina. Fate stare la "tagliata" per circa cinque o sei minuti per lato, ponendo particolare attenzione che, al suo interno, la carne mantenga un bel colore rosato e conservi intatti tutti i suoi succhi.

Continua la lettura
55

Condimento

Nel frattempo versate all'interno di un pentolino una piccola quantità di aceto balsamico con l'aggiunta di un cucchiaino di zucchero. Fate in modo che il fuoco sia abbastanza vivace sotto. Una volta che il mucco sarà cotto, sistematelo su un tagliere e, aiutandovi con un coltello ben affilato, tagliatelo a fette nel senso della fibra. Disponete queste fette a raggiera in un ampio piatto di portata e conditele con sale, pepe, olio e lo sciroppo di aceto approntato. Servite in tavola, accompagnando le fette di mucco con le verdure grigliate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Muffin salati: 10 ricette

Chi l' ha detto che i muffin sono solo dolci? Ne esistono di tanti tipi anche salati. Facili e veloci da preparare, sono ideali per le merende o per i buffet. La ricetta base è sempre la stessa ma cambiando ed arricchendola con diversi ingredienti ne...
Consigli di Cucina

10 modi per cucinare il radicchio

Il radicchio è un'insalata amara, generalmente dal color rosso intenso, molto presente sulle tavole degli italiani e che ben si addice alla preparazione di numerosi piatti. Ne esistono diverse tipologie, come quello allungato di Treviso o quello più...
Primi Piatti

Come preparare il risotto alle alici con peperoni gialli e verdi

Ogni giorno nella casa di tutti gli italiani, e non solo, vengono cucinati numerosi piatti. Infatti la cucina viene sporcata e lavata in continuazione. Le pietanze che vengono preparate sono tantissime, e variano soprattutto dai gusti personale. La pasta...
Cucina Etnica

Peperoni gratinati con tofu e aloe vera

Tra i tanti ortaggi estivi, troviamo i peperoni. Ricchi di vitamina C, hanno proprietà antiossidanti, oltre ad essere diuretici e quindi depurare l'organismo; date le loro proprietà e le poche calorie che contengono sono perfetti anche per chi è a...
Antipasti

Mattonella colorata di peperoni e ricotta

Avete ospiti a cena ed intendete stupirli con una ricetta nuova, gustosa, particolare ed estremamente appetitosa? Bene, allora seguite attentamente questa guida che vi darà alcuni utili consigli su come preparare un piatto da servire come antipasto o...
Dolci

5 modi per preparare uno strudel salato

Tipico dolce austriaco, le origini dello strudel risalgono all'epoca degli Assiri e tracce della sua produzione si ritrovano anche nelle fonti pervenuteci dall'Antica Grecia. Il suo nome in tedesco significa "vortice" ed è difatti una forma di pasta...
Consigli di Cucina

Curry: 5 pietanze per utilizzarlo al meglio

Il curry è una nota miscela di spezie, di origine indiana, che presenta al suo interno ingredienti quali curcuma, cardamomo, zenzero, coriandolo, zafferano e cannella, ma la cui composizione varia a seconda della regione nella quale viene prodotto. Il...
Primi Piatti

Ricetta: insalata di ravioli

Quando le temperature esterne cominciano ad alzarsi, anche le abitudini culinarie cambiano. Con l'arrivo dell'estate, si abbandonano i piatti elaborati e al loro posto, si introducono piatti più leggeri. Questo discorso vale soprattutto per la pasta,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.