Come cucinare la torta al formaggio umbra

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare la torta al formaggio umbra
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti voi, cari lettori, a capire come poter cucinare la famosa torta al formaggio umbra, davvero molto buona ed anche molto appetitosa.
La torta al formaggio umbra può anche essere detta "torta di Pasqua". Alcuni la chiamano comunemente solo in questo modo, nonostante sia talmente buona che viene in realtà mangiata durante tutto l'anno. Infatti, nel periodo pasquale è molto ricorrente nelle tavole umbre, accompagnata spesso dalle fave, o affettati tipici (ad esempio, si sposa divinamente con il Capocollo). Questa torta sarà perfetta da cucinare come antipasto e non solo.  

26

Occorrente

  • 10 uova intere
  • 1kg di farina 00
  • 150 g di parmigiano reggiano
  • 150 g di groviera
  • 130 g di burro
  • 2 cucchiai d'olio extravergine di oliva
  • 35 g di sale
  • 60 g di lievito di birra
  • 100 ml di latte parzialmente scremato
36

Il lievito

Per prima cosa, si mette a sciogliere il lievito nel latte tiepido, ed il burro. Nel frattempo, si grattugia il parmigiano e si fa il groviera a pezzettini (non troppo piccoli perché è importante che non si sciolgano del tutto, ma alcuni rimangano all'interno della torta, come pepite, una volta cotta). Si impasta dunque la farina con le uova, aggiungendo a mano a mano l'olio ed il burro precedentemente disciolto e infine il sale, il parmigiano ed il groviera. Per ultimo si aggiunge il lievito, e si continua ad impastare energicamente, bene e piuttosto a lungo.

46

La consistenza

Quando il nostro impasto avrà raggiunto una consistenza morbida ed un po' appiccicosa, disponetela in un recipiente abbondantemente imburrato ed infarinato (per evitare che si attacchi, poiché il rischio con questo tipo di pasta è molto alto). Riempitelo a metà, e, mi raccomando, è importante non andare oltre la metà, poiché la torta crescerà molto, nel forno. Per ottenere una forma perfetta, quella tipicamente tradizionale, visto che non è comune avere in casa recipienti di quelle fattezze, un trucco potrebbe essere utilizzare una marmitta di quelle per cuocere la pasta.

Continua la lettura
56

La cottura

Preriscaldate il forno per pochi minuti a 50°, affinché sia soltanto tiepido. Infornate quindi il vostro recipiente a forno spento, e aspettate che l'impasto raddoppi. A questo punto, la vostra torta al formaggio è pronta per essere cotta. Riaccendete il forno a 180° e lasciate cuocere, finché il colore non si avvicinerà al classico marroncino. Per accertarvi però che sia ben cotta, e asciutta anche dentro, prima di smettere definitivamente di cuocerla infilate dalla sommità uno stecchino per controllare. Se non dovesse ancora essere asciutta, ma la sommità vi sembra stia prendendo un colore troppo simile al bruciato, non preoccupatevi, perché questo può accadere con questo tipo di torta. Vi basterà continuare la cottura per un altro po' coprendo la vostra torta con la carta da forno.
Ed ecco che in poche mosse, anche noi, potremo preparare insieme questa buonissima torta al formaggio umbra, che piacerà a tutti i nostri ospiti, amici o parenti che siano.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La torta al formaggio umbra è una torta unica e speciale da assaggiare quanto prima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come cucinare la ciaramicola umbra

La Ciaramicola risulta essere una torta a forma di ciambella, che presenta nella pasta in rilievo, esattamente una croce al centro, di colore rosso, interamente ricoperta di glassa bianca e confettini colorati. La pasta in superficie forma cinque montagnole,...
Antipasti

Come preparare i mini soufflé al prosciutto cotto

Il soufflé è una caratteristica pietanza dalle origini francesi, che si presta ad essere preparata sia nella versione dolce che in quella salata. La parola "soufflé" indica la condizione di "soffiato", ossia gonfiato, che acquisisce il composto una...
Carne

Come preparare la faraona alla leccarda

La gallina faraona è un animale domestico allevato soprattutto nella regione della pianura padana, le cui carni pregiate sono note sin dall'antichità. Attualmente è possibile reperirla già priva di penne e pronta da cucinare. Alcuni allevamenti biologici...
Pesce

Come fare il carpaccio di trota alla crema di limone

Il carpaccio di trota è un antipasto gustoso e leggero di pesce crudo di origine umbra, opportunamente marinato per renderlo saporito e più sicuro da consumare. Affiancato ad una crema di limone, diventa un piatto perfetto per introdurre portate a base...
Primi Piatti

Ricetta: parmigiana con i cardi

Propongo una ricetta per chi ama magiare sano e genuino, sappiamo che le verdure sono fonte di proprietà benefiche. Oggi prepariamo una ricetta: parmigiana con i cardi. Il cardo ha un gusto particolarmente amarognolo si avvicina molto al carciofo come...
Carne

Ricetta: cotiche al sugo con fagioli

Le cotiche al sugo con fagioli sono una pietanza povera ma sostanziosa, fatta con ingredienti semplici ed economici. È una ricetta che ha le sue radici nella tradizione contadina di varie regioni: da quella calabrese a quella laziale, da quella toscana...
Carne

Ricetta: polenta con sugo di cinghiale

La polenta con il sugo di cinghiale è una ricetta tipica della zona appenninica e precisamente molto diffusa nelle regioni della Toscana e dell'Umbria. Si tratta di un piatto tipicamente invernale e ricco di calorie, che può essere presentato in tavola...
Primi Piatti

5 ricette con la polenta

La polenta è un classico della tradizione del Nord Italia. Ogni regione ha la sua ricetta, ma ciò che le accomuna tutte è la farina di mais. La polenta può essere mangiata da sola oppure utilizzata come contorno, resta comunque un piatto completo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.