Come cucinare la zuppa di agnello

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare la zuppa di agnello
15

Introduzione

L'agnello, la pecora e l'abbacchio sono lo stesso animale; il nome dipende dalla differenza di età. L'agnello è un animale intermedio tra l'abbacchio (animale giovanissimo) e la pecora che è l'adulto. Questo animale si gusta generalmente arrosto, con costine e bistecche cucinate alla brace ed al forno ed inoltre è ottimo anche in padella. In alternativa si può realizzare una ricetta che è poco conosciuta e che è adatta per la stagione invernale: la zuppa di agnello. In questo tutorial vengono dati alcuni utili consigli su come cucinare questa pietanza.

25

Occorrente

  • 1 kg agnello
  • carote
  • 5 patate
  • cipolla, aglio, peperoncino
  • 100 g prosciutto crudo (gambuccio)
  • olio, sale, pepe, vino bianco
  • 500 g passata di pomodoro
  • pane abbrustolito
35

Questa ricetta può essere realizzata in 2 versioni. In entrambi i casi si utilizzano gli stessi ingredienti, tranne uno: il pomodoro. Quest'ultimo ingrediente fa variare abbastanza il gusto. Secondo i propri gusti e quelli degli invitati si può decidere di scegliere la zuppa di agnello con pomodoro oppure senza. La scelta della polpa d'agnello è certamente la cosa importante; è fondamentale utilizzare la parte della spalla. Occorre circa 1 kg di carne se vogliamo preparare una ricetta per 5/6 persone; inoltre, abbiamo bisogno di diversi odori, qualche patata, della passata di pomodoro e per finire non può mancare l'ingrediente base di ogni zuppa: il pane abbrustolito.

45

Per cominciare la preparazione dobbiamo prendere un tegame in coccio abbastanza ampio in cui mettiamo a soffriggere gli odori insieme al battuto d'aglio e cipolla. Successivamente dobbiamo aggiungere il prosciutto crudo tagliato a dadini che dobbiamo far rosolare in 3/4 cucchiai di olio d'oliva extravergine. Nel frattempo in un contenitore facciamo marinare la carne d'agnello, con olio, sale, pepe, e peperoncino. Se abbiamo lasciato l'agnello in acqua ed aceto è opportuno scolarlo prima di condirlo.

Continua la lettura
55

A questo punto dobbiamo mettere a rosolare nel tegame con gli odori anche l'agnello condito. Questa operazione va fatta a fiamma bassa e dobbiamo far dorare l'agnello per qualche minuto. Successivamente dobbiamo irrorare con mezzo bicchiere di vino bianco che facciamo evaporare. Poi, dobbiamo aggiungere le patate tagliate in pezzi piccoli e la passata di pomodoro. Adesso dobbiamo coprire e far cuocere per circa 30 minuti. Di tanto in tanto dobbiamo aggiungere dell'acqua durante la cottura e dobbiamo aggiustare di sale. Quando la cottura è ultimata dobbiamo servire in tavola mettendo nei piatti le fette di pane abbrustolito. A piacere si possono aggiungere dei funghi con le patate e del pecorino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come preparare l'abbacchio a scottadito

L'abbacchio a scottadito è un secondo piatto gustoso e saporito tipico del periodo pasquale, anche se è ottimo in ogni stagione da gustare in compagnia di amici, per sere particolari e diverse o per gite dove è d'obbligo la grigliata, fatta all'aperto...
Carne

Ricetta: abbacchio alla romana

La ricetta dell'abbacchio alla romana è molto semplice e saporita. Succulenta e gustosa, adatta per le cene importanti e festose come il pranzo o la cena di Pasqua, lascerà ogni vostro ospite soddisfatto. In questa semplicissima e pratica guida vi mostreremo...
Carne

Ricetta: agnello scottadito

Le costolette d'agnello alla scottadito sono un piatto tipico della tradizione culinaria laziale. Il nome è tutto un programma. Infatti, indica che la carne d'abbacchio va mangiata rigorosamente caldissima, appena dopo la cottura. La ricetta originale...
Consigli di Cucina

5 piatti tipici natalizi

Durante le festività natalizie ogni regione è solita preparare piatti tipici anche se, con molta probabilità, il piatto per eccellenza è l'agnello. Inoltre, in molti paesi si è soliti festeggiare con il cenone di Natale, mentre in altri si prepara...
Cucina Etnica

Come preparare la shorba

Tra tutte le pietanze tipiche, quelle della cucina araba sono particolarmente speziate. Un invito già dalle narici ad assaggiare dei gustosissimi ed aromatici piatti. La shorba è una zuppa di origini nordafricane, esattamente algerine. La sua preparazione...
Consigli di Cucina

Come servire le costine d'agnello

Le costine di agnello sono un ingrediente che può essere utilizzato in cucina in moltissime ricette. Grazie alla versatilità di questo alimento, a volte sottovalutato, ed alle sue carni saporite, magre e digeribili è adatto a tutta la famiglia. In...
Carne

Come preparare l'abbacchio alla cacciatora

Con il tutorial seguente vi proponiamo una ricetta molto facile e gustosa che vede come ingrediente principale l'agnello: vedremo quindi la preparazione dell'abbacchio alla cacciatora. Questa ricetta è tipica della regione Lazio e solitamente viene preparato...
Carne

Ricetta: agnello alle mandorle e barbabietola

Se volete preparare una cena diversa dal solito, allora inserite nel vostro menù un secondo insolito. Utilizzando un tipo di carne come l'agnello e condendola con delle salse vegetali. La ricetta che vi suggerisco è l'agnello alle mandorle e barbabietola....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.