Come fare il cavolo fritto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come fare il cavolo fritto
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo dare una mano in ambito culinario cercando d' imparare per bene come poter fare il cavolo fritto nella maniera più semplice, sana e veloce possibile. Il cavolo è un alimento ricco di sostanze nutritive per il benessere del nostro organismo e dobbiamo ricordarlo sempre ed in qualunque momento. Frutta e verdura sono alla base di una corretta e salutare alimentazione, ma in natura esistono ortaggi particolarmente ricchi di proprietà benefiche per il nostro organismo. Il cavolo è senza dubbio il vegetale maggiormente ricco di proprietà utili al nostro benessere. È un antinfiammatorio naturale, ricco di fibre, fonte di calcio, ferro e omega 3 e 6 insomma un piccolo scrigno verde di benefici! Per mantenere intatte le sue proprietà organolettiche è consigliato consumarlo cotto al vapore.

26

Occorrente

  • 1 cavolfiore
  • Olio di semi di arachidi per friggere
  • 2 uova
  • Mezzo litro di acqua frizzante
  • Farina 00 q.b.
  • Sale q.b.
36

Pulitura

Iniziamo col pulire in modo accurato il cavolo, privandolo delle foglie e risciacquandolo abbondantemente sotto l'acqua corrente. Lasciamolo quindi in ammollo per circa mezz'ora, aggiungendo un cucchiaino di bicarbonato di sodio per igienizzarlo. Poniamolo poi in uno scolapasta per far si che l'acqua in eccesso venga eliminata.

46

Cottura

Per una cottura ottimale sarà sufficiente mezzo litro di acqua, in questo modo non si disperderanno le proprietà organolettiche di questo prezioso ortaggio.
Quando l'acqua avrà raggiunto il bollore, immergiamo il cavolo in pezzi e scottiamolo per circa dieci minuti per evitare che possa sfaldarsi.

Continua la lettura
56

Frittura

Andiamo quindi a scolare il cavolo e asciughiamolo delicatamente con della carta assorbente. Per una frittura perfetta e croccante, andiamo a realizzare una semplice pastella. Procediamo sbattendo le uova intere in una terrina di coccio, aggiungiamo una presa di sale e una spolverata di pepe. Amalgamiamo il tutto utilizzando delle fruste. In alternativa andrà benissimo una forchetta. Mescoliamo fino a rendere la pastella liscia e omogenea, senza grumi. Aggiungiamo anche dell'acqua frizzante, per rendere ancora più croccante la panatura.

66

Infarinatura

Andiamo ora ad unire la farina setacciata al composto. Versiamola a pioggia, mentre continuiamo a mescolare. Nel frattempo poniamo a scaldare dell'olio di semi in una padella antiaderente. Quando l'olio sarà ben caldo, iniziamo a passare i pezzi di cavolo nella pastella e friggiamoli. Lasciamoli dorare perfettamente per qualche minuto, quindi scoliamoli e sistemiamoli su della carta assorbente. Aggiungiamo un pizzico di sale e gustiamo in nostro cavolo fritto ben caldo e fragrante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come cucinare il cavolo viola

Il cavolo viola è una delle piccole meraviglie vegetali che la natura ci offre: ricco di antiossidanti e di importantissime sostanze nutritive, questo particoalre tipo di cavolo è ottimo da mangiare e bellissimo da vedere. Una piccola opera d'arte di...
Consigli di Cucina

Cavolo cappuccio: 10 ricette per gustarlo al meglio

Il cavolo cappuccio è uno degli ortaggi più utilizzati nelle ricette di cucina, sia Italiane sia Europee. Queste ricette vanno a costituire primi piatti sfiziosi oppure secondi piatti, dove il cavolo viene gustato crudo. In questa lista andrò ad illustrarvi...
Consigli di Cucina

Consigli per riconoscere un cavolo maturo

L'autunno è un'ottima stagione per raccogliere alcuni tra i migliori frutti della terra. Da Settembre/Ottobre fino al pieno inverno i nostri orti offrono doni deliziosi. Gli ortaggi autunnali, infatti, sono tra i più saporiti e ricchi di sostanza. La...
Antipasti

3 ricette con il cavolo viola

Se si vuole provare un ortaggio diverso dal solito, che può essere cucinato in tante maniere differenti, ecco proposto il cavolo viola. Si tratta di una variante del cavolo cappuccio, che di solito viene adoperato per la preparazione dell'insalata. In...
Antipasti

Come usare il cavolo nero in cucina

Il cavolo nero è una delle tante varietà del cavolo cappuccio, ricco di principi nutritivi, ferro, vitamina c e sali minerali; questo giustifica che è ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale. In cucina il cavolo nero è ingrediente colorato...
Consigli di Cucina

Come cucinare il cavolo rosso

Esistono vari modi per cucinare il cavolo rosso (conosciuto anche come cavolo viola), ma spesso non si sa come farlo e si finisce sempre per lessarlo. In realtà è un vegetale ricco di proprietà, poiché ricco di vitamine A e C. Queste vitamine sono...
Antipasti

Ricette per un'insalata di cavolo

Se volete preparare una ricetta salutare a base di cavolo fresco, potete cimentarvi nella realizzazione di diverse e gustosissime ricette di insalate a base di cavolo fresco e di qualche altro ingrediente sfizioso e genuino. Se non sapete quali ingredienti...
Consigli di Cucina

3 ricette con il cavolo nero

Il cavolo nero è una varietà di cavolo molto antica, appartenente alla famiglia delle crucifere, che ha in se molte proprietà, tra le più importanti c'è sicuramente un'alta capacità anti-tumorale. Nota fin dall'antichità per il suo profumo forte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.