Come fare il pane di spezie

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il pane di spezie o pain d'èpices è un dolce tipico della tradizione culinaria francese che negli ultimi anni sta spopolando anche nel nostro paese. Solitamente viene preparato dalle mamme e dalle nonne durante le feste natalizie e si mangia a colazione o per merenda, accompagnato da un buon thé caldo. È una ricetta molto semplice da preparare, salutare e molto gustosa tanto da essere apprezzata da adulti e bambini senza distinzione alcuna. Con pochi semplici passaggi e con un budget ridotto, si può ottenere un prodotto dal sapore e dalle caratteristiche organolettiche eccezionali. Tante sono le storie che girano intorno all'origine di questa ricetta, ma ciò che sappiamo per certo è che davvero molto antica e che era diffusa, in varianti meno esotiche e speziate, già a partire dal XVII secolo in tutto il territorio francese. Vediamo quindi come fare il pane di spezie a casa nostra.

25

Occorrente

  • 250 grammi di miele
  • 250 grammi di farina
  • 100 grammi di zucchero di canna
  • 1 bustina di lievito
  • 1 cucchiaino di zucchero vanigliato in polvere
  • 1 cucchiaino di anice
  • 1 cucchiaino di noce moscata grattugiata
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 2 uova
  • 10cl di latte
35

Preparazione

Iniziate riscaldando 250 grammi di miele in un pentolino o se preferite nel forno a microonde. Nel frattempo mescolate insieme la farina, tutte le varie spezie, lo zucchero di canna e quello vanigliato in una terrina, assicurandovi che tutti gli ingredienti si amalgamino bene tra loro. La ricetta originale prevede l'utilizzo di farina 00, ma può essere tranquillamente sostituita da quella integrale.

45

Amalgamiamo gli ingredienti

Quando il composto di farina, zucchero e spezie sarà ben omogeneo potremo cominciare ad aggiungere il miele caldo mescolando lentamente con un cucchiaio di legno, così come vuole la tradizione francese. Sempre continuando a mescolare, aggiungiamo anche le uova e il latte tiepido. Questa è la fase più importante nella preparazione del nostro pane di spezie: più gli ingredienti saranno amalgamati tra loro, più il risultato finale sarà buono.

Continua la lettura
55

La cottura

A questo punto versate il composto in uno stampo ben imburrato e infarinato e lasciatelo riposare per almeno mezz'ora. Nel frattempo preriscaldate il forno e cuocete il nostro pan di spezie a 160° per circa un'ora e mezza. Dopo la cottura avrete due alternative: servire il nostro dolce non appena sarà tiepido, o seguire la tradizione francese e lasciarlo riposare a temperatura ambiente fino al giorno successivo, per una deliziosa colazione. In Francia infatti il pane di spezie viene cucinato la sera della vigilia di Natale e consumato la mattina successiva appena svegli. Se avvolto nella carta d'alluminio si conserva ottimamente anche per un'intera settimana e infatti viene riproposto tutti i giorni a colazione fino alla vigilia di Capodanno!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Menù di Natale low cost

Come ogni anno, con l'arrivo del Natale, ci si prepara ad affrontare la notte della vigilia e il giorno di festa vera e propria. In genere questa festività si passa insieme alla famiglia, e molto si preparano ad affrontare i banchetti della vigilia e...
Pesce

Come cucinare il capitone

Il capitone è un pesce mangiato a Napoli durante la Vigilia di Natale, perché è il simbolo di buon augurio e di prosperità. La ricetta è semplice da preparare, quindi anche coloro che non sono abili in cucina possono provare a realizzare questo specifico...
Primi Piatti

Come preparare i tortelloni alla zucca

In questa nuova ricetta, illustrerò come preparare i tortelloni alla zucca nel modo più semplice e rapido possibile. I tortelloni di zucca sono una ricetta tipica della regione lombarda, soprattutto della città di Mantova. La tradizione vuole che vengano...
Antipasti

Come preparare le crocchette di ricotta

Le più famose crocchette che si conoscono sono senza dubbio quelle di patate, ma queste possono avere molte varianti, tra le quali le crocchette di ricotta. Nel napoletano, si usa preparare le crocchette con la ricotta come antipasto nel cenone della...
Dolci

Ricetta: maccheroni dolci

La pastasciutta è il piatto per eccellenza della tradizione italiana. Di solito la pastasciutta viene condita con una semplice salsa al pomodoro; ma tra le varie ricette regionali esiste anche una variante piuttosto curiosa. I maccheroni dolci sono tipici...
Antipasti

Ricetta: i cardi in pastella

I cardi fritti sono una ricetta tipica di varie regioni italiane: a Roma vengono ad esempio chiamati "gobbi" mentre in Sicilia sono noti come “carduna”. Serviti solitamente in occasione del cenone della vigilia di Natale, i cardi sono i protagonisti...
Pesce

Ricetta: anguille in agrodolce con noci tostate

Preparare ricette saporite con pesci e frutti di mare sembra un'impresa complessa ai più. Generalmente, il pesce ha bisogno di cotture precise per esaltarne davvero il gusto. Anche gli abbinamenti tra aromi e profumi sono fondamentali in un'ottima ricetta....
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi al salmone

La ricetta che andremo a valutare nei passi che seguiranno avrà come ingrediente fondamentale il salmone, in quanto, come avrete potuto comprendere dal titolo che abbiamo inserito nella guida, ora andremo a spiegarvi come preparare gli gnocchi al salmone....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.