Come fare il pane lariano

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Lariano è un meraviglioso Comune dei Castelli Romani ed è abbastanza conosciuto grazie alla produzione artigianale del suo delizioso pane, il quale è riconosciuto come un prodotto agroalimentare tradizionale della Regione Lazio.
Adesso che ho cominciato a parlarvi di questo gustoso pane, vi è venuto il desiderio di sapere cosa ha di straordinario e come è il proprio sapore? Qualora vi fosse appunto venuta l'acquolina in bocca e desiderate provarlo, vi suggerisco di seguire attentamente la seguente guida, che vi spiegherà proprio come bisogna fare correttamente il pane di Lariano.

27

Occorrente

  • Primo impasto: lievito naturale "biga" + "400 g" di farina integrale + "200 g" di acqua
  • Secondo impasto: "200 g" di farina 00 + "120 g" di acqua + "25 g" di sale + "6 g" di lievito di birra
37

Innanzitutto, sarà necessario procurarvi la materia prima che rappresenta il trucco del buon pane, ovvero la farina: precisamente, essa deve essere assolutamente integrale mista alla varietà "00".
Il forno per la cottura di questa tipologia di prodotto artigianale dovrebbe essere a legna e alimentato dalle fascine di castagno: comunque, avrete l'opportunità di adoperare anche il vostro forno elettrico o a gas.
Successivamente, bisognerà fornirsi del lievito naturale "biga" e di un pizzico di lievito di birra: adesso, potrete cominciare la lavorazione del vostro pane, collocando la farina all'interno di un enorme contenitore, mescolando e versandoci progressivamente sia l'acqua a temperatura ambiente che entrambi i tipi di lievito occorrenti.

47

Dopo aver mescolato il tutto per almeno 15 minuti (finché l'impasto non diventerà elastico e piuttosto morbido), occorrerà rovesciare completamente il composto ottenuto sopra una spianatoia leggermente infarinata (aiutandovi con una spatola) e lasciare lievitare il pane di Lariano ricoprendolo con un telo (preferibilmente di canapa).
Quando l'impasto sarà lievitato bene, sarà necessario prendere "120 gr" di acqua, "25 gr" di sale, ulteriore farina e un pizzico di lievito di birra disciolto in pochissima acqua: dopodichè, impastate ancora per 15 minuti (sia che il composto venga fatto a mano o mediante l'impastatrice), spruzzandoci sopra una piccola quantità di acqua alternata ad una spolverata di farina.

Continua la lettura
57

Dopo aver messo nuovamente l'impasto sulla spianatoia per 30/40 minuti (coperta sempre con un telo di canapa o lino), dovrete prendere dolcemente il composto, formare le meravigliose pagnotte e appoggiarle sopra un piano leggermente infarinato.
Infine, fate lievitare quest'ultime ancora per circa 120 minuti (coprendole sempre con il telo), infornatele ad una temperatura di 240°C per gli iniziali 10 minuti, abbassate il forno a 200°C e lasciate il vostro pane di Lariano ben cotto nell'elettrodomestico spento per ulteriori 5 minuti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prendete l'impasto dolcemente, allo scopo di non farlo sgonfiare.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Ricetta: pan brioche al Philadelphia

Il pan brioche al Philadelphia è un dolce di facile preparazione, che richiede poco tempo. Gli ingredienti che utilizzeremo per questa ricetta, sono semplici e si trovano facilmente in questo periodo (come i frutti di bosco). E’ un dolce un po’ calorico,...
Antipasti

Panzerotti con ricotta e cime di rapa

I panzerotti fritti sono un'antica ricetta appartenente alla tradizione barese, che si tramanda di generazione in generazione. Chi vive in Puglia o è stato anche per poco in vacanza sa bene che il vero panzerotto risiede in questa regione e nel resto...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane carasau

Il pane carasau appartiene alla tradizione gastronomica sarda. Si compone di ingredienti poveri e facilmente reperibili. Il segreto per preparare l'autentica "carta da musica", sta nella lavorazione e nella cottura, elementi indispensabili per conferire...
Pizze e Focacce

Come fare i grissini di quinoa

I grissini sono degli alimenti, che appartengono alla categoria dei pani. Questi vengono utilizzati per accompagnare i pasti. Oppure, adoperati per servire gli antipasti o buffet. La particolarità dei grissini viene caratterizzata dalla sua speciale...
Dolci

Come far lievitare una torta

La lievitazione di prodotti a base di farina rappresenta un processo al quale non sempre viene riconosciuta la giusta importanza. Il risultato, in molti casi è quello di ottenere una volta terminata la fase di cottura, una torta bella alta e degna della...
Pizze e Focacce

Come fare il pane ai capperi

L'Italia è un paese che vanta una grandissima tradizione nella produzione di pane. Da nord a sud le tavole si imbandiscono e offrono grande varietà sia di forme che di sapori. Rosette, filoni, pagnotte sprigionano un aroma fragrante a cui è impossibile...
Antipasti

Come fare le frittelle di pomodoro

Le frittelle al pomodoro rappresentano un piatto davvero irresistibile, ideale per un antipasto, un buffet, un aperitivo o una cena sfiziosa. Una ricetta semplice e veloce che otterrà di certo il consenso di grandi e piccini; perché questo finger food...
Dolci

Come far lievitare il panettone in maniera naturale

Natale non è ancora alle porte, ma già si avvertono i primi segni di un'estate che sta passando, e nel frattempo molti si proiettano con la mente verso quei dolci che fanno delle feste invernali un motivo di ritrovo e di spensieratezza. E come fare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.