Come fare il Vin Santo

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come fare il Vin Santo
14

Introduzione

Il Vin Santo, per dirla come la direbbero gli intellettuali chic, è un vino toscano da meditazione, un vino che accompagna il fine pasto e raggiunge l'apice del suo gusto se accompagnato dai famosissimi cantucci alle mandorle. Infatti, questi sono dei biscotti secchi da inzuppare e assaporare. Il Vin Santo è famosissimo e lo si trova senza difficoltà sugli scaffali di tutti i supermercati, soprattutto sotto le vacanze natalizie. Tuttavia, nel caso in cui si volesse creare da sé questo vino, ecco una guida che fa al caso vostro! Infatti, in questa guida, vedremo proprio come fare il vin santo.

24

Innanzitutto, come prima cosa, occorrerà far rinsecchire l'uva, riponendo queste all'interno di stuoie di canniccio. A questo punto, si potrà procedere con il far riposare l'uva su queste stuoie in un luogo ben ventilato, in modo che l'acino si disidrati. Allo stesso tempo avverrà un ulteriore cosa: lo zucchero riuscirà a concentrarsi bene e a non evaporare. Ora, quando finalmente i grappoli sono ben appassiti, sarà possibile continuare con l'attività della spremitura.

34

Inoltre, dopo aver completato l'operazione dello spremere l'uva, si potrà raccogliere il mosto in piccole botti, con una capacità al massimo di trecento litri, denominate caratelli. Tuttavia, prestate attenzione: i caratelli non vanno riempiti interamente, perché il vino aumenterà il suo volume durante il processo di fermentazione. Dunque, è evidente che, qualora non si dovesse lasciare lo spazio necessario, si potrebbe incorrere in un grande pericolo, facendo esplodere la botte. Ciò comporterebbe la perdita di tutto il suo contenuto. Inoltre, è bene sapere che la fermentazione avviene per mezzo di una aggiunta della cosiddetta madre del Vin Santo. Questo segue un po' il procedimento per la realizzazione dell'aceto. Ovvero consiste in una colonia di lieviti, composta da microorganismi derivanti dalle fermentazioni precedenti, che viene di anno in anno riutilizzata. A questo punto, dopo aver chiuso i caratelli, li si dovrà riporre in un locale esposto a grandi sbalzi di temperatura. Ad esempio, in un locale che permetta di avere molto freddo nel periodo invernale e molto caldo nei periodi estivi. Infatti, solo in questa maniera sarà possibile assicurarsi che la fermentazione avvenga nelle migliori condizioni possibili.

Continua la lettura
44

Dopo aver eseguito queste semplici procedure, il Vin Santo dovrà necessariamente invecchiare. Dunque, questo dovrà essere "dimenticato" nei caratelli per almeno cinque anni. Trascorso questo tempo si potrà procedere con l'imbottigliamento. Occorre sapere che il procedimento che ci porta a poter gustare il Vin Santo è davvero lungo, e implica comportamenti e gestualità quasi rituali, derivanti dalla tradizione che si tramanda da sempre. Inoltre, garantisce la produzione artigianale di questo prodotto sopraffino; un vino liquoroso che offre un viaggio sensoriale dato dalle mille sfumature racchiuse e sprigionate nel suo sapore. Vino da meditazione, dal colore ambrato, è perfetto abbinato ai dessert e alla pasticceria secca, come da tradizione toscana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come preparare le scaloppine al vin santo con funghi e tartufo

Tipico secondo piatto a base di carne di origine lombarda, le scaloppine sono molto amate e gettonate in tutte le regioni italiane. Nell'arte culinaria, questa pietanza viene preparata con delle fettine di vitello infarinate e fatte friggere nel olio...
Dolci

Come preparare i biscotti al vin santo

I biscotti al vin santo sono veramente molto deliziosi e, anche se non sembra, sono estremamente facili da cucinare: nella seguente pratica e minuziosa guida che vi andrò ed esplicare bene nei passaggi successivi, vi spiegherò appunto come bisogna preparare...
Dolci

Come fare i biscotti calenzani

I biscotti calenzani, di tradizione toscana, con la sua natura di sapori schietti ed ingredienti genuini, sono dei dolcetti di pasta secca che, per esaltare il loro sapore, vanno inzuppati nel classico Vin Santo. Se nel caso voleste provarli con un'altra...
Dolci

Cantucci al pistacchio e cioccolato bianco

I cantucci sono il dolce tipico della regione toscana. Precisamente, i cantucci appartengono alla tradizione culinaria di Prato. I cantucci sono croccanti biscotti a base di mandorle. I cantucci godono di grande fama internazionale. Altrettanto noto è...
Dolci

Come fare i cantucci al pistacchio

I cantucci, conosciuti anche come "cantuccini", oppure "biscotti di Prato" (dalla reale zona di provenienza) sono un tradizionale e famosissimo dolce toscano, diffuso ed apprezzato ovunque. Si tratta di biscotti, per l'appunto, che si presentano secchi...
Dolci

Come preparare il pan dei morti

Il pan dei morti è un dolce della tradizione milanese molto diffuso anche nel resto del nord Italia. Questa ricetta è molto antica e si lega alla ricorrenza dei defunti. Secondo la tradizione, infatti, questo dolce veniva preparato nei giorni antecedenti...
Consigli di Cucina

5 consigli per abbinare il vino ai formaggi

I formaggi vengono spesso serviti come antipasto, ma troverete qualche difficoltà nell'abbinare i due gusti. Entrambi hanno molto in comune: entrambi partono da due elementi prettamente agricoli (uva e latte) per poi passare alla fermentazione. I due...
Dolci

Come preparare la charlotte alle mele

Le mele, in particolare le Golden o le Renette, si prestano molto bene alla preparazione di dolci golosi. Oltre alla classica e conosciutissima torta di mele, puoi cimentarti nella realizzazione di gustose frittelle, budini oppure strudel. In alternativa,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.