Come fare il vino frizzante in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una delle bevande alcoliche più longeve ed apprezzate al mondo è sicuramente il vino. Si tratta di una bevanda che si ricava dalla fermentazione dell'uva e che ha origini molto antiche. In modo particolare in Italia si sviluppano tantissimi vitigni che hanno diffuso la produzione a livello mondiale. Riuscire a fare il vino da soli non è un'azione molto complessa così come sembra. Ma è senza dubbio necessario seguire alcuni fondamentali accorgimenti per poterlo fare. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per ottenere il vino frizzante in casa.

25

Occorrente

  • Uva di buona qualità.
35

Mettere lo zucchero

Produrre vino è una tradizione sicuramente antichissima. Già nell'antica Grecia si produceva vino, sotto l'aiuto di dionisio, il dio del vino. Ma anche nell'antica roma con Bacco. Successivamente la tradizione del vino si tramandò fino all'epoca della nascita di Gesù. L'uso poi continuò nel medioevo, nei vari castelli, fino al rinascimento e a oggi. In passato si pensava che per ottenere un vino frizzante in casa bisognava fermentarlo nel periodo pasquale. Solo successivamente che quella idea era sbagliata, ma non del tutto. Infatti, per realizzare un vino frizzante in casa bisogna fermentarlo ben due volte. La seconda fermentazione infatti, non si fa a a Pasqua, ma in corrispondenza della primavera. Avviene grazie all'uso dello zucchero. Infatti, dovrete mettere circa 4,25 grammi di zucchero per ogni litro di vino.

45

Ignorare le atmosfere

Quando però si vuole preparare un buon vino fatto in casa si può anche ignorare una cosa. Ovvero il dettaglio delle atmosfere. Questo perché l'azione diventerebbe troppo complicata. Infatti, richiederebbe sicuramente la mano di un esperto. Perciò per aggiungere la quantità di zucchero necessaria bisogna semplicemente fare una cosa. Bisogna regolarsi in base al numero di litri. Nel caso in cui il grado di effervescenza risulti troppo poco, fate così. Si può sempre inserire dell'altro zucchero a seconda delle proprie preferenze.

Continua la lettura
55

Capovolgere le bottiglie

Con l'inizio della seconda fermentazione si versa il vino in bottiglie di vetro, da chiudere con tappi in sughero. In alternativa vanno benissimo le bottiglie con chiusura ermetica. Durante questa fase si verifica un deposito di materia solida sul fondo per decantazione. Per rimuovere il deposito più agevolmente si capovolgono le bottiglie con il tappo verso il basso. I residui si accumuleranno sul tappo e in questo modo sarà più facile rimuoverli. Quindi proseguite chiudendo ermeticamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare il sidro di pere

Il sidro o vino di pere è una bevanda alcolica molto antica, diffusa soprattutto nel Medioevo, in particolare, nei paesi della Normandia, dei Paesi Baschi della Germania, della Gran Bretagna, del Regno Unito e dell' Austria. Le origini di questa bevanda...
Analcolici

Come fare una limonata frizzante

Quando il caldo comincia a farsi sentire, si ha sempre maggiormente la voglia di qualcosa di dissetante e di fresco. Quante volte vi è capitato di aprire il frigorifero, in preda all'arsura estiva, attaccandovi letteralmente alla prima bevanda che vi...
Analcolici

Come preparare drink analcolici

Per gustare un aperitivo, ma non volendo o non potendo assumere alcool l'alternativa altrettanto valida è la preparazione di un coktail analcolico. Esistono moltissime varietà di drink analcolici che possono soddisfare pienamente la sete di un vasto...
Primi Piatti

Come cucinare i fiori di zucca fritti in pastella

I fiori di zucca sono uno dei fiori più conosciuti come alimento. Belli anche esteticamente, con la loro corolla di colore giallo acceso, vanno raccolti la mattina presto, prima che il sole si alzi in cielo ed essi si schiudano, per evitare che le api...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di ciliegie

La birra, con il suo gusto inconfondibile, è una delle bevande alcoliche più amate. La leggera base frizzante e il retrogusto ricco di sfumature, rendono la birra la "compagna " perfetta per il barbecue o per una pizza tra amici. Ogni birra però nasconde...
Analcolici

Come preparare il Bitter

In commercio si possono trovare molteplici tipologie di bevande che si distinguono fra loro in base alla tipogia ed alle caratteristiche. Dunque troviamo quelle alcoliche e analcoliche, lisce ed infine miscelate con i cocktail realizzate con essenze,...
Analcolici

Come conservare il kefir d'acqua

Spesso sentiamo dire che la migliore bevanda, la più dissetante, è l’acqua in genere.Esiste però una bibita, non molto conosciuta, che risulta essere altrettanto dissetante, idratante e può vantare inoltre svariate proprietà benefiche per il nostro...
Vino e Alcolici

Come scegliere il vino giusto per ogni occasione

Durante ogni tipo di pasto, un bicchiere di buon vino è l'accompagnamento ideale. Non stiamo certo parlando del "vino in cartone" del supermercato. Il vino è un piacere e come tale deve essere scelto con molta cura ed attenzione. Ogni sorso deve essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.