Come fare la birra di mele

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come poter fare la birra di mele.

26

Occorrente

  • 1 Kg. di malto d’orzo
  • 3,5 Kg. di malto chiaro
  • 2 lt. di acqua oligominerale non gasata
  • 2 Kg. di orzo tostato
  • lievito alta fermentazione
  • 5 cucchiai di canella
  • 5 cucchiai di noce moscata
  • 5 cucchiai di zucchero di canna
  • 3,5 lt. di puro sidro di mele organico
36

Produrre il mosto

Per poter fare la birra di mele non abbiamo bisogno di particolari strumenti, possiamo infatti tranquillamente operare in maniera casalinga ed artigianale. Basterà seguire le corrette procedure e le giuste dosi. In questo caso le quantità che andremo ad usare serviranno a produrre 19/20 litri di birra. Quindi procediamo producendo il mosto coi grani di malto e l’orzo tostato. È consigliabile raffreddarlo in maniera veloce e travasarlo con una soluzione di acqua e zucchero di canna, che avremo prima fatto bollire, per sciogliere bene lo zucchero. Non dimentichiamo inoltre di farlo raffreddare, anche in questo caso molto velocemente. Quando il lievito si sarà attivato aggiungiamolo al mosto e mescoliamo per almeno cinque minuti. La fermentazione dovrà avvenire a 20-23 gradi.

46

Aggiungere il sidro

Passate quattro o cinque settimane, quando sarà conclusa la prima fermentazione, possiamo aggiungere il sidro di mele, la cannella e la noce moscata, travasando in un tino per la fermentazione secondaria. Successivamente, verifichiamo per bene che il nostro fermentatore secondario sia abbastanza spazioso da poter accogliere il sidro che aggiungeremo e facciamo riposare per almeno cinque giorni. Appena terminato questo periodo possiamo notare già i primi risultati: otterremo infatti una birra dal colore chiaro, con un deciso sapore fruttato ed aroma di mele. Le note fruttate della mela sono forti ma ben bilanciate dalle note dell’orzo tostato, della cannella e della noce moscata. Possiamo assaporare la nostra birra di mele, oltre che da sola, anche accompagnata da gustosi formaggi stagionati e torte di verdure salate.

Continua la lettura
56

Usare la frutta

Se decidiamo di adoperare il succo di mele invece del sidro dobbiamo innanzitutto assicurarci che all'interno vi sia solamente la frutta in quanto il sorbato di potassio potrebbe uccidere il lievito ed impedire quindi la fermentazione. Nel caso in cui invece abbiamo intenzione di utilizzare la frutta dobbiamo prima tagliarla a tocchetti in modo tale da rendere minore il rilascio di fibre. In ultimo non dimentichiamo di evitare di bollire le mele in modo tale da non far sedimentare la pectina.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come fermentare il succo d'uva

L'uva di buona qualitá, in particolare quella da coltivazioni biologiche, contiene per sua natura lieviti e zucchero: i 2 elementi necessari alla fermentazione. Anche pane, birra e la frutta in generale fermentano spontaneamente. La fermentazione è...
Vino e Alcolici

Come fare il sidro di pere

Il sidro o vino di pere è una bevanda alcolica molto antica, diffusa soprattutto nel Medioevo, in particolare, nei paesi della Normandia, dei Paesi Baschi della Germania, della Gran Bretagna, del Regno Unito e dell' Austria. Le origini di questa bevanda...
Vino e Alcolici

Come preparare il sidro di mele

Il sidro è una bevanda alcolica, il cui grado è tra il 2 e il 7%, che viene ottenuto dalla fermentazione alcolico della frutta. La sua origine risale al Medioevo, nella zona della Francia e della Normandia, ma la sua invenzione è antecedente; infatti,...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra alla menta

All'interno di questa breve ma interessante guida, andremo a parlare di alimentazione, concentrando sulla preparazione di una variante di una bevanda assolutamente essenziale: la birra. Infatti, come avrete colto tramite la lettura del titolo di questa...
Vino e Alcolici

Come fare la birra doppio malto

La birra doppio malto in realtà, come molti credono, non contiene una doppia dose di malto. È una birra semplicemente più alcolica (con un grado maggiore di 3,5%) e più zuccherina, dato che il saccarosio contenuto ha un tasso maggiore di 14,5 gradi...
Vino e Alcolici

Come produrre il vino in casa

Avete un piccolo vigneto nel vostro giardino e vorreste realizzare del vino in maniera autonoma? In questo manuale vi spiegheremo come produrre il vino in casa. Conoscerete tutto i segreti della lavorazione dell'uva subito dopo il raccolto in maniera...
Vino e Alcolici

5 regole per fare un buon vino

Il vino è una bevanda molto gradita in tutto il mondo. Si ottiene dalla fermentazione lunga o breve del mosto che si ricava dalla spremitura degli acini di uva. Molti vorrebbero conoscere il segreto per ottenere un buon vino fatto in casa. Qui di seguito...
Vino e Alcolici

Come aromatizzare la birra fatta in casa

Se siamo degli amanti della birra, sicuramente ci piacerà assaporare birre sempre differenti, acquistandole in appositi negozi. In alternativa, potremo provare a produrre con le nostre mani tutta la birra che più ci piace anche se non siamo degli esperti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.