Come fare la pasta madre liquida

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In tal tutorial vi spieghiamo come fare la pasta madre liquida. Essa, riceve un'idratazione pari al 130% rispetto alla pasta madre tradizionale solida, e potrà essere conservata fino a 3/4 settimane e la preparazione è decisamente maggiormente semplice tutto sommato. La pasta madre liquida è ottima per tutte le persone che sono legate alla tradizione di preparare il pane con le mani proprie e come ingrediente prevede il principale "li. Co. Li.", cioè il "lievito in coltura liquida". Successivamente vedremo perciò come dovrete fare, mediante i passi della guida seguente. Buona lettura e buon lavoro!

26

Occorrente

  • Zucchero semolato, due gocce di aceto balsamico, 50 grammi di acqua e 50 grammi di farina 00
36

Preparate il "li. Co. Li."

Preparare prima di tutto il "li. Co. Li.". Dovrete quindi versare dentro ad un contenitore di vetro un manciata di zucchero semolato, 50 grammi di acqua, 50 grammi di farina 00, due gocce di aceto balsamico. Una volta che avrete ben mescolato tutti quanti gli ingredienti, dovrete lasciare il posto a farlo riposare per 12 ore circa. Quando sarà passato il tempo che vi occorre, dovrete mettere 30 grammi circa dell'impasto. All'impasto restante, dovrete aggiungere successivamente 15 grammi di acqua e 15 di farina tipo 00. Ripetete tale lavoro rinfresco per cinque volte: lasciando perciò passare sempre 12 ore tra un passaggio e quello successivo.

46

La pasta comincerà a maturare partendo dal terzo o quarto rinfresco

Ora vedrete che la pasta comincerà a maturare partendo dal terzo o quarto rinfresco. Il processo di maturazione comincerà nel momento dove vedrete che compariranno le bollicine d'aria superficialmente, fino poi ad assumere un aspetto schiumoso, raddoppiando perciò il suo volume. Quando fate i primi rinfreschi, arricchendo il lievito, potrete anche usare, anziché l'acqua del rubinetto, l'acqua di infusione di una mela matura, lasciata macerare per una notte intera.

Continua la lettura
56

Rinfrescate l'impasto dopo il processo di maturazione

Quando sarà cominciato il processo di maturazione, dovrete procedere a rinfrescare l'impasto finché non avrà assunto una consistenza a forma di schiuma ed un odore acido leggermente. Solo in quell'istante, il lievito sarà pronto per essere usato come pasta madre. Non ci sarà bisogno di conservare una quantità di "li. Co. Li." maggiore di 100 grammi, perché esso vi dovrà servire soltanto per far iniziare la lievitazione del vostro pane, a differenza della pasta madre tradizionale che, deve anche essere parte integrante dell'impasto, oltre a lievitare.

66

Mettete la pasta madre liquida dentro a dei vasetti di vetro con chiusura ermetica

Infine quando sarà pronta la pasta madre liquida, dovrete metterla chiusa dentro a dei vasetti di vetro con chiusura ermetica, poi la dovrete conservare dentro al frigorifero. Il "li. Co. Li." invece, è più longevo della pasta madre tradizionale, come già accennato, e richiede meno attenzioni durante la fase di conservazione. Dovrà essere infatti rinfrescato soltanto ogni 15/20 giorni, aggiungendo 20 grammi di farina di tipo 00 e 20 grammi di acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Preparazione lievito madre per focaccia

La focaccia, con la sua bontà e la sua leggerezza, è un piatto semplice da preparare, ma che soddisfa i palati di grandi e piccini. Qualsiasi sia la variante da voi scelta, usare il lievito madre al posto del lievito di birra vi darà dei risultati...
Consigli di Cucina

5 consigli per scegliere un buon melone

Il melone è un tipico frutto molto utilizzato a tavola, sia come dessert che per preparare dei gustosi antipasti con il prosciutto crudo. Questo esemplare appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae è davvero molto dolce, e nel contempo ricco di...
Consigli di Cucina

Come evitare che la banana annerisca

Il profumo esotico, la consistenza morbida e il sapore goloso rendono la banana uno dei frutti più amati! La banana non è solamente buonissima, ma è anche un vero e proprio elisir di benessere e bellezza. Ricca di vitamine e sali minerali, è uno spuntino...
Consigli di Cucina

Consigli per riconoscere un cavolo maturo

L'autunno è un'ottima stagione per raccogliere alcuni tra i migliori frutti della terra. Da Settembre/Ottobre fino al pieno inverno i nostri orti offrono doni deliziosi. Gli ortaggi autunnali, infatti, sono tra i più saporiti e ricchi di sostanza. La...
Consigli di Cucina

5 modi di cucinare il platano

Somiglia tanto ad una banana. Ed effettivamente appartiene alla famiglia delle Musa, la capostipite delle Musa Acuminata e delle Musa Balbisiana, cioè le varietà da cui discende la tradizionale banana. Il platano viene coltivato nelle regioni sub tropicali,...
Consigli di Cucina

Come scegliere un buon mango

Il mango è un frutto esotico che viene coltivato nei Paesi con clima tropicale. In base a questa distinzione geografica esistono varie specie di mango, ognuna di esse si differenzia dall'altra per colore, forma e dimensione. Generalmente si può dire...
Consigli di Cucina

Come sapere se un carciofo è maturo

Il carciofo è una grossa pianta perenne con foglie lunghe e lanceolate. Appartiene alla famiglia delle composite tubuliflore e si presenta una pianta erbacea. Mentre al raggiungimento della maturazione risulta ramificata. Questo viene coltivata in campi...
Vino e Alcolici

I 10 vini più pregiati in Francia

La Francia è tra i maggiori produttori vinicoli in Europa. Insieme all’Italia, vanta il primato dei vini più pregiati al mondo. Si tratta di una tradizione millenaria, coltivata con zelo nell’arco dei secoli. Le zone della Borgogna, di Bordeaux...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.