Come fare la pasta sfoglia vegana

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il mondo della cucina vegana è più variegato e ricco di quanto si possa pensare. Anche senza utilizzare ingredienti di origine animale è possibile preparare tantissime ricette e pietanze davvero sorprendenti.
In questa guida vedremo come fare la versione vegana della pasta sfoglia. Questa ricetta è adatta non solo per i vegani, ma anche per tutti coloro che sono intolleranti o allergici al latte e ai suoi derivati.

27

Occorrente

  • 500 gr. di farina
  • 500 gr. di margarina
  • 250 ml di acqua fredda
  • 1 cucchiaino di sale
37

Per prima cosa disponiamo la farina a fontana sul nostro piano di lavoro, sciogliamo il sale nell’acqua e lo versiamo al centro della fontana. A questo punto inglobiamo l’acqua alla farina mescolando lentamente con le mani. Una volta che l'impasto è asciutto possiamo iniziare a impastare.
Raggiunta la giusta consistenza (come quella di un panetto di pane) avvolgiamo il nostro impasto con la pellicola e lo riponiamo in frigorifero per un’ora.
Nel frattempo prendiamo la margarina e la lasciamo ammorbidire a temperatura ambiente avvolta in un panno bagnato.

47

Dopo un’ora recuperiamo il nostro panetto dal frigo. Lo posiamo su piano di lavoro e iniziamo a stenderlo con il mattarello dando all’impasto una forma rettangolare. Prendiamo la margarina e la mettiamo, ben appiattita, al centro del nostro rettangolo di pasta. A questo punto pieghiamo a busta il nostro impasto: prendiamo gli angoli dell’impasto e li uniamo al centro, dandogli la forma di una busta.
Stendiamo nuovamente la nostra pasta col mattarello e ripetiamo l’operazione un paio di volte in modo da assicurarci che la margarina venga assorbita. Una volta fatto riavvolgiamo l’impasto con la pellicola e lo riponiamo in frigorifero per un’altra ora.
Ripetiamo questa procedura per tre volte, in modo da creare più strati possibili per la nostra sfoglia.
Una volta terminato lasciamo riposare l'impasto in frigo per una buona mezz'ora.

Continua la lettura
57

A questo punto la nostra pasta sfoglia è pronta per essere farcita con gli ingredienti che più ci aggradano.
Oltre a quella appena illustrata, esiste un’altra versione della pasta sfoglia vegana: la pasta matta. Quest’ultima è molto più rapida e semplice da preparare, in quanto non è necessario creare gli strati come nella precedente. Dopo aver creato il nostro panetto di farina e acqua andremo ad aggiungerci l’olio evo (extravergine d’oliva), al posto della margarina, e una volta ottenuta la giusta consistenza lo riponiamo in frigorifero per 20 minuti. A questo punto basta stendere l’impasto e farcirlo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La pasta sfoglia vegana può essere conservata in frigo per 2-3 giorni. Oppure surgelata per un mese.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare la cheesecake vegana

Ultimamente si sta diffondendo a macchia d'olio la cultura vegetariana e con essa anche quella più estremista, cioè la vegana. La scelta di questo stile di vita comporta l'eliminazione di tutti quei cibi che derivano dal mondo animale, sia direttamente...
Pizze e Focacce

Come fare una piadina vegana

Chi decide di intraprendere un regime alimentare vegano sa che esso è completamente vegetale. Non potendo mangiare carne, pesce, formaggi, miele e latticini, sono molte le ricette tradizionali proibite. Per fortuna esistono alimenti e metodi alternativi...
Dolci

Come preparare la torta vegana ai frutti di bosco

A volte si ritiene che alcune pietanze debbano basarsi rigorosamente su determinati ingredienti. Ebbene, invece spesso la sostituzione di uno o più di essi con altri similari offre un risultato di indubbio gusto. Ne sono la testimonianza i piatti di...
Dolci

Come fare la pasta frolla vegana

La pasta frolla è una base utile per la realizzazione di molteplici diverse ricette, sia dolci che salate. Ma, se ci si ritrova a voler realizzare questa comoda versatile base in versione vegana, come è possibile farlo in modo facile e rapido? Sappiamo...
Consigli di Cucina

Cucina vegana: 5 ingredienti sostitutivi

Negli ultimi tempi la filosofia vegana possiede un nutrito numero di seguaci. Infatti, come è ben noto, si tratta di un movimento che si basa su ragioni di natura etica, secondo le quali viene rifiutato, da parte di chi lo pratica, qualsiasi sfruttamento...
Cucina Etnica

Come preparare una cena vegana di 5 portate

Una delle problematiche più ostiche affrontate in ambito culinario è sicuramente quella di appagare i propri ospiti, può capitare che ci vengano fatte diverse richieste alcune molto insolite: per esempio preparare una cena vagana. Per tale motivo in...
Cucina Etnica

Ricetta vegana: come fare il tofu

Il tofu è un alimento a base di soia. Esso viene ricavato dalla cagliata del latte di questo legume. Il tofu è un alimento molto proteico, ed è utilizzato soprattutto nei Paesi asiatici. Il procedimento per ottenere il tofu è molto simile a quello...
Primi Piatti

Ricetta vegana: come cucinare i noodles

Il termine noodles indica gli spaghetti o le tagliatelle tipici della cucina orientale. La loro composizione può essere: a base di soia, riso, grano saraceno, farina di grano tenero o duro. Generalmente si cucinano in due modi: in forma di zuppa, cioè...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.