Come fare la polenta con gli stinchi di maiale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ogni tanto potete concedervi un piatto di polenta con stinchi di maiale. Un piatto tipico del nord Italia, che fa esplodere di gusto le papille gustative! Ideale per la stagione invernale, ma questo piatto fa la sua bella figura anche se lo si presenta ad una cena con invitati speciali. Ottimo da cucinare per un pranzo di Natale. La procedura non è difficile. Scopriamo insieme come fare la polenta con gli stinchi di maiale:.

26

Occorrente

  • farina di mais, acqua, stinco di maiale
36

Incominciate a cospargere gli stinchi di maiale con l'olio extravergine di oliva. Dopo aver precedentemente tritato, finemente, la salvia e il rosmarino, distribuiteli su tutta la superficie; infine aggiungete il sale e il pepe. Fate riposare gli stinchi in frigorifero per alcune ore, in un recipiente chiuso con il coperchio. In una teglia da forno, mettete l'olio e uno spicchio d'aglio, senza buccia (o dell'aglio tritato) e scottate sul fuoco vivo, per qualche minuto, gli stinchi. Rosolateli bene da entrambi i lati in modo che i sughi vengano assorbiti bene all'interno della carne. Successivamente riponete la teglia nel forno, preriscaldato a 180° gradi e lasciate cuocere per un'ora e mezza.

46

Mentre gli stinchi sono in cottura, iniziate a fare la polenta. Portare ad ebollizione 1 dl di acqua salata e versate 200 grammi di farina di mais (300 se si vuole ottenere una polenta più soda). Mescolate ininterrottamente, in maniera decisa con la frusta, poi proseguite più lentamente e dolcemente per circa 40 minuti. Quando la polenta inizierà a staccarsi dai bordi della pentola, significa che sarà pronta. Utilizzate una comune pentola di acciaio con i bordi alti. A cottura ultimata, presentate lo stinco a tavola su di un piatto da portata, bagnato con il liquido di cottura e contornatelo con la polenta ancora calda e fumante. Ecco come fare la polenta con gli stinchi di maiale!

Continua la lettura
56

Una ricetta alternativa per fare la polenta con gli stinchi di maiale, dall'aspetto più morbido, procedete così: all'inizio della preparazione, infarinate la carne con farina di tipo "0". Fate rosolare a fuoco vivace in una casseruola, con mezzo bicchiere di vino bianco. Poi, ad un quarto d'ora dal termine della cottura in forno, aggiungete un trito misto di polpa di limone, prezzemolo e filetti di acciughe. La polenta, invece, può essere resa più saporita aggiungendo dei funghi oppure dei pezzetti di formaggio, tipo taleggio. Può, inoltre, essere servita insieme allo stinco tagliato a fette unte d'olio e grigliate sulla piastra o in padella.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La polenta dovrebbe essere cotta, come da tradizione, nell'apposito paiolo di rame

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come accompagnare la polenta taragna

La polenta è un piatto che accompagna le tavole nei periodi più freddi e che le sue origini provengono dalla cucina del nord Italia. Ma nella guida vedremo una polenta tipica delle zone della Valtellina, del bresciano e del bergamasco: la polenta taragna,...
Consigli di Cucina

5 modi di servire la polenta

La polenta è una deliziosa pietanza originaria dell'Italia Settentrionale e attualmente diffusa in numerosi Paesi dell'Europa (come l'Ucraina, l'Austria, la Romania, la Svizzera e la Croazia) e nel Sud America (come l'Uruguay, il Cile, l'Argentina e...
Antipasti

Come preparare le pizzette di polenta

La farina di mais, oltre che essere un piatto molto gradito in inverno, servito alla maniera classica con sugo e spuntature di maiale, può essere anche usato per creare fantastiche ricette, come preparare le pizzette di polenta. Queste pizzette sono...
Dolci

Come fare i dolcetti di polenta con salsa alla mela

Sicuramente tutti almeno una volta nella vita avranno assaggiato la polenta. Normalmente viene preparata come piatto unico insieme al sugo di maiale o manzo. Tuttavia è possibile realizzare anche piatti dolci a base di polenta. Nello specifico, in questa...
Antipasti

Ricetta: crostini di taragna e speck

I crostini di taragna con speck sono una ricetta semplice e veloce per risolvere una cena dell'ultimo minuto. La preparazione si adatta perfettamente ad un aperitivo oppure un antipasto. La polenta, tipica della Valtellina, ha un sapore più rustico ed...
Primi Piatti

5 piatti tipici da mangiare in Lombardia

Alla cucina lombarda appartengono molti squisiti e diversi piatti ma che derivano tutti dalle risorse più abbondanti della regione: pesci d'acqua dolce, dovuti al gran numero di laghi e fiumi e all'assenza del mare, carni bovine e suine provenienti dai...
Carne

10 secondi a base di tartufo

I tartufi sono una specie di funghi ipogei molto rari, perché la loro crescita è condizionata molto dal clima. Il maggior produttore mondiale ed esportatore di tartufi è l'Italia, che possiede tutte le specie di tartufo utilizzate in gastronomia. Il...
Consigli di Cucina

Polenta: 5 ricette senza carne

La polenta, sopratutto quella a base di carne, è uno degli alimenti più nutrienti e sfortunatamente anche tra i più ricchi di calorie. Esistono tuttavia delle alternative alimentari alla polenta a base di carne, che ci possono permettere di non abbandonare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.