Come preparare filetti di maiale al mirto con patate

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se nella vostra tavola non manca mai la carne e amate sperimentare in cucina, non potete non provare i filetti di maiale al mirto con le patate. Una carne così tenera si sposa perfettamente con la dolcezza delle patate e il sapore leggermente amarognolo del mirto in foglie. Il risultato finale è un mix di sapori contrastanti ma perfettamente in sintonia tra loro. Le vostre papille gustative vi spingeranno a fare il bis di questo piatto italiano, diffuso particolarmente in Sardegna, la patria del mirto. Se vi è venuta voglia di mettervi all'opera ai fornelli, seguite passo per passo questa pratica guida che vi spiegherà come preparare questa pietanza.

27

Occorrente

  • 500 gr di filetto di maiale, 500 gr. di patate fresche, olio, pepe, sale, mirto fresco
37

Prima di iniziare assicuratevi di avere sul vostro piano da cucina 500 gr di filetto di maiale, 500 gr. Di patate fresche, olio, pepe, sale, mirto fresco. Procedete pelando le patate e tagliatele a dadini di media dimensione in modo tale che la cottura non risulti eccessivamente lunga. Fatto ciò prendete una pirofila abbastanza capiente e riponete le patate precedentemente pelate, aggiungendo una tazzina d'olio d'oliva (meglio se extravergine) e del sale. Successivamente, mettete a cuocere le patate in forno posizionando il termostato a 180°. Adesso, è arrivato il momento di munirvi di un coltello abbastanza affilato per tagliare il filetto, ammesso che il vostro macellaio di fiducia non l'abbia già affettato.

47

È consigliabile che le fettine di filetto non siano troppo spesse, ma nemmeno troppo fini, per evitare che si induriscano e perdano la loro caratteristica morbidezza. Quando le patate saranno ormai in cottura da circa 15 minuti, aprite il forno ed estraete la pirofila, usando un guanto da forno, prestando particolare attenzione a non ustionarvi; adagiate le fettine di filetto sopra le patate e, dopo aver pepato e salato la carne, continuate la cottura sempre alla stessa temperatura.

Continua la lettura
57

Poiché il filetto impiega meno tempo delle patate per giungere a fine cottura, saranno sufficienti altri 20 minuti per concludere. Ricordate sempre che la carne di maiale necessita sempre di un'ottima cottura; dunque, anche per una questione salutare, non toglietela mai dal forno quando ancora è al sangue. Detto ciò, appena la carne sarà ben dorata, spegnete il forno ed ultimate il piatto procedendo con l'aggiunta del mirto. Tagliate in piccoli rametti il mirto colto in campagna e adagiatelo sopra la carne con le patate, coprendo la pirofila per circa mezz'ora con un canovaccio; prima di servire date una mescolata alla pietanza per far sì che l'aroma del mirto si amalgami con il resto degli ingredienti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Mirto: proprietà e usi

Il mirto è un frutto tipico delle zone mediterranee come Corsica e Sardegna. Della pianta si usano non solo le bacche ma anche le foglie e i fiori. Questi componenti hanno infatti delle proprietà terapeutiche utili per la salute e la bellezza. Possiamo...
Vino e Alcolici

Come preparare il mirto sardo

Il mirto sardo è sicuramente uno dei prodotti più conosciuti e più amati della Sardegna. In commercio ne esistono tanti, ma i veri estimatori lo preparano in casa. Ogni famiglia ha la sua tradizione, e ogni sardo vi assicurerà che il mirto preparato...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
Dolci

Come preparare la marmellata di mirto

Le foglie di mirto, una volta essiccate, vengono utilizzate in cucina per insaporire piatti di carne o pesce. Grazie al sapore dolce che proviene dalle sue foglie, infatti, il mirto diventa un condimento davvero insuperabile. Ma non è tutto: sulla pianta...
Consigli di Cucina

5 effetti benefici del mirto

Il mirto è una pianta di tipo arbustiva appartenente alla famiglia delle Myrtaceae, molto diffusa in Sardegna. È particolarmente ricca di mirtolo, tannino e alcune resine che la rendono aromatica, ed è utilizzata anche in cucina per il suo sapore particolare....
Dolci

Come preparare la bavarese al mirto

Il mirto è un arbusto, molto diffuso nel Mediterraneo, che produce delle bacche solitamente di colore nero oppure rosso scuro; queste ultime maturano tra novembre e gennaio. Oltre ad essere coltivato per scopi ornamentali, il mirto viene anche impiegato...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in...
Carne

Come preparare le polpettine di vitello al mirto

Cucinare e mangiare sono le due passioni che agli italiani riescono meglio. Le ricette di cui la nostra cucina è piena sono degne di invidia da parte del resto del mondo. Avete ospiti a cena e non sapete proprio cosa preparare? Sbalorditeli con queste...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.