Come preparare i taralli sugna e pepe

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Come preparare i taralli sugna e pepe? Stiamo parlando di prodotti davvero deliziosi. Tipico di regioni del Sud Italia quali Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia, il tarallo e tarallino è un cibo da forno. In virtù della sua elevata rilevanza storica e culturale, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MiPAAF) lo ha inserito ufficialmente nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Si tratta di un anello di pasta non lievitato e cotto in forno. Di seguito, ecco tutti i segreti per prepararlo!

27

Occorrente

  • Farina
  • Mandorle
  • Strutto
  • Pepe
  • Sale
  • Lievito di birra
37

Non si possono preparare i taralli sugna e pepe senza conoscere le caratteristiche dello strutto. Quest'ultimo corrisponde ad un prodotto alimentale di derivazione animale. Esso scaturisce dai grassi presenti nel tessuto adiposo del maiale e nasce per fusione. I cuochi lo utilizzano per la frittura di numerose pietanze o per l'aggiunta di grassi negli impasti o nella panificazione, oppure più semplicemente come condimento. Un ingrediente fondamentale per la creazione di taralli dal gusto inconfondibile. L'impasto base si completa con l'introduzione di farina, acqua o vino, olio e sale.

47

Ma ora entriamo nei particolari. Prendete 500 grammi di farina. Ponetela su una spianatoia di legno a mo' di fontana. Inserite anche un pizzico di sale e tanto pepe. Nella parte centrale, aggiungete una tazza d'acqua tiepida, con al suo interno 15-20 grammi sciolti di lievito di birra. Quest'ultimo può essere sia fresco che in polvere. Impastate la farina col lievito. Quando l'impasto sarà ben morbido, aggiungete anche 150 grammi di sugna, ossia la parte grassa del maiale. Potete utilizzarla per la realizzazione di numerose pietanze. Il suo gusto è intenso e sostituisce al meglio il burro o l'olio.

Continua la lettura
57

Scopriamo ancora come preparare i taralli sugna e pepe. Lasciate lievitare l'impasto iniziale per diverse ore in un luogo caldo. Ricopritelo con un panno o immettetelo nel forno riscaldato. Prendete l'impasto e tagliatelo a piccoli pezzi. Realizzate dei cordoncini dalla lunghezza di 20 centimetri e dallo spessore di 1 centimetro. Intrecciateli tra loro a coppie per ottenere una sorta di treccia. Arrotolateli e poneteli sulla placca da forno ricoperta da un foglio di carta da forno. Potete anche intrecciare tre cordoncini per dare vita ad una treccia.

67

Quando avete preparato e posto sulla placca da forno tutti i taralli, decorateli con le mandorle. Mettetene quattro o cinque su ciascun tarallo. Utilizzate mandorle intere e fornite di pellicina. Fate lievitare i taralli per circa un'ora. Quindi, inseriteli in un forno preriscaldato a 160° per 20 minuti. I taralli risultano cotto quando acquisiscono la loro tipica colorazione dorata. Tramite l'opzione forno ventilato, potete ottenere una cottura uniforme dei taralli. In caso contrario, se non disponete di questa tipologia di cottura, aggiungete una pentola con dell'acqua sulla base del forno. Con tale accorgimento, si può sprigionare umidità ed impedire che i taralli si secchino in maniera eccessiva. Ed ecco, dunque, come preparare i taralli sugna e pepe.

77

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: taralli al sesamo e limone

Se avete fatto di recente un viaggio o una gita fuori porta in Puglia, non potete non aver assaggiato i celebri taralli, delle saporite ciambelline cotte al forno che possono essere preparate in moltissimi modi differenti. I taralli sono diventati un...
Consigli di Cucina

Come preparare i taralli con la pasta madre

I taralli sono pietanza tipica di una regione del sud Italia, ovvero la Puglia. Le versioni più canoniche dei taralli sono salate e sono condite con del peperoncino o dei semi di finocchio. In questa guida vedremo proprio come poter preparare i taralli...
Antipasti

Come fare i taralli al pepe

State pensando a qualcosa di sfiziosi per i vostri amici e non sapete cosa preparare? Niente paura. La soluzione potrebbe essere immediata e facile da fare. Per accompagnare un buon aperitivo in casa potreste provare i taralli al pepe. Vi state chiedendo...
Dolci

Come fare i taralli glassati

Preparare i dolci in casa è un'attività sicuramente molto rilassante e salutare, anche perché consente di utilizzare degli ingredienti genuini e sani. Chi, almeno una volta, non ha provato a cimentarsi in quest impresa? Preparare dei piatti tipici,...
Dolci

Ricetta: tarallini dolci al vino bianco

I taralli sono degli snack fragranti tipici della tradizione pugliese, che vengono preparati per svariate occasioni. Solitamente i taralli hanno un sapore salato, particolare e accattivante, ma esiste anche una ricetta leggermente differente da quella...
Cucina Etnica

Come utilizzare i semi di finocchio

I semi di finocchio sono una spezia dal gusto particolarmente dolce, che si avvicina molto a quello dell'anice. Sono ricchi di fibre, di calcio e di rame. Il loro consumo è particolarmente indicato per chi ha problemi digestivi. Hanno proprietà antiossidanti...
Primi Piatti

Come preparare il risotto alla crema di mosto

Se volete proporre in tavola un piatto decisamente originale caratterizzato da profumi tipicamente autunnali, ecco a voi il risotto alla crema di mosto. Si tratta di una vera e propria specialità da gustare con un vino dolce frizzante rosso come ad...
Dolci

Tarallini dolci senza uova

I taralli provengono dalla tradizione culinaria pugliese. Si realizzano in casa ma si trovano anche nei panifici e nelle pasticcerie a seconda della variante proposta. Esistono infatti i tarallini dolci e quelli salati, entrambi particolari e ricchi di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.