Come preparare il beehive

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Era la pettinatura che andava per la maggiore negli anni Sessanta, portata con fierezza e fascino da vendere da attrici del calibro della splendida Audrey Hepburn: stiamo parlando del celebre beehive, o pettinatura stile alveare. Se non avete idea di come sia fatto un beehive vi basterà cercare su qualsiasi motore di ricerca questa parola per avere un'infinità di immagini che chiariranno ogni vostro dubbio. Negli ultimi tempi il beehive è tornato prepotentemente di moda: è una pettinatura retro che dona eleganza e non lascia certo passare inosservate. Ecco come preparare un beehive perfetto per capelli sempre in ordine e con un preponderante tocco vintage.  

27

Occorrente

  • Forcine per capelli
  • Lacca volumizzante
  • Buona manualità
  • Pettine a coda
  • Arricciacapelli
37

La prima cosa da fare per realizzare un perfetto beehive è naturalmente quella di lavare i capelli: l'effetto vaporoso è essenziale in un beehive che si rispetti e se avete capelli sporchi non riuscireste ad ottenerlo. Lavate quindi i capelli utilizzando un balsamo districante e tamponateli bene con un asciugamano. Ricordate di asciugarli con un diffusore, in modo da accentuare ulteriormente l'effetto volumizzante. Ora non vi resta che dedicarvi ciocca per ciocca alla cotonatura: per farlo dovete avere un pettine a coda ed utilizzare dei prodotti specifici per ottenere un effetto volumizzante. Cotonate ciocca per ciocca, come potete vedere nella foto qui accanto.

47

In un beehive la riga andrebbe sempre fatta da una parte, destra o sinistra non ha importanza. Se avete la frangetta, anch'essa dovrebbe cadere tutte da un lato, per un effetto vintage e glamour. Se invece non avete la frangia, allora dovrete tirare tutti i capelli all'indietro, lasciando la fronte ben scoperta e concentrandovi molto sulla cotonatura. Potete utilizzare una fascia o un cerchietto per aiutarvi. Dovrete arrivare ad avere una pettinatura che sia, per volume, di grandezza quasi doppia rispetto alle vostre acconciature abituali. Aiutatevi con forcine di ogni tipo per dedicarvi alla cotonatura ciocca per ciocca.

Continua la lettura
57

L'ultimo passaggio per preparare il beehive è quello di utilizzare l'arricciacapelli. Prendete ciascuna delle vostre ciocche precedentemente cotonate ed arricciatele una ad una, avendo ben cura di curvare le punte sempre verso l'interno. Create quanti più boccoli possibili ma ricordate di farli morbidi e vaporosi: non dovete diventare ricce! Quando avrete finito, non vi resta che acconciare i vostri capelli in tipico stile "alveare": sempre per mezzo di forcine fermate le ciocche nei punti giusti e realizzate il classico "casco" cotonato che ha reso il beehive celebre in tutto il mondo!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se ne avete la possibilità, andate da un parrucchiere esperto per realizzare questa pettinatura retro!
  • Scegliete sempre prodotti per capelli di ottima qualità
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: gamberi fritti al sesamo

Ora andremo a occuparci di cucina, e lo faremo trattando la preparazione in pochi passi di una ricetta davvero ottima: gamberi fritti al sesamo. La guida vi accompagnerà lungo tutti i passaggi della preparazione, cercando di semplificare il più possibile...
Analcolici

Come preparare la limonata al rosmarino

Con l'avvicinarsi della bella stagione si moltiplicano le occasioni per concedersi un momento di relax, magari all'aperto, sorseggiando una limonata fresca. Questa bevanda, oltre che rinfrescante, agisce come digestivo, reintegra i sali minerali persi...
Dolci

Ricetta: torta di mele allo yogurt

La torta è un dessert ghiotto e sostanzioso, spesso evitato da chi vuole mantenere la linea o da chi è a dieta. Con gli ingredienti giusti, però, può essere alleggerita e perciò mangiata anche a colazione o a merenda, senza privarsene. Di che ingredienti?...
Cucina Etnica

Polacca aversana: ricetta

L'Italia è un paese ricco di tradizioni, in particolare quelle culinarie: non c'è regione, città o piccolo paesino di provincia in cui non sia presente almeno una ricetta che gli anziani del luogo si tramandano di generazione in generazione. Se siete...
Antipasti

Come preparare i gamberi con pancetta e cipollotti

Spesso manca l'iniziativa giusta per cucinare un buon aperitivo a base di pesce, ma in realtà, esistono moltissime ricette in grado di farvi fare delle ottime figure in tavola con i vostri ospiti. Ad esempio se volete creare un perfetto antipasto o uno...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli di patate e salsiccia

Nella guida che vi state accingendo a leggere, troverete il procedimento per la preparazione di una ricetta molto interessante: i ravioli di patate e salsicce. Nei passi che comporranno questa guida, vedremo in maniera molto chiara tutti i punti specifici,...
Dolci

Ricetta: muffin dolci alle carote

La bella stagione è ormai alle porte e con l'arrivo dell'estate cresce la voglia di consumare cibi leggeri e naturali. Le carote, come del resto tutti i frutti e gli ortaggi di colore arancione, grazie al loro contenuto di vitamina A, svolgono una funzione...
Antipasti

Come fare la polenta con la macchina del pane

In particolare nei periodi più freddi e in cui c'è bisogno di maggior nutrimento, una sana polenta è l'alimento ideale per scaldarsi e riempirsi la pancia in modo nutriente. Si tratta però di un piatto che può risultare di preparazione difficile:...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.