Come preparare il latte brulé

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare il latte brulé
15

Introduzione

Il latte brulè è un dolce che va cucinato a fuoco lento. Esso richiede molte ore di preparazione ed il suo aspetto assomiglia alla creme brulé ed alla panna cotta. La ricetta non prevede gli stessi ingredienti; infatti, il latte brulé si addensa grazie alle uova e ad una lunga cottura. Può essere considerato un dessert povero per gli ingredienti che vengono utilizzati. In questo tutorial vengono dati alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come preparare il latte brulé.

25

Occorrente

  • Ingredienti: un litro di latte, 60 g di zucchero, 4 tuorli, 1/2 baccello di vaniglia, zucchero per lo stampo
  • Per il caramello: 100g di zucchero, 50 ml di acqua
35

Il procedimento

All'inizio si deve versare il latte in una casseruola con lo zucchero ed il baccello di vaniglia; quest'ultimo si deve incidere. Il tempo di cottura dipende dalla quantità del latte; bisogna aspettare 2/3 ore in modo che il latte si riduce della metà. È opportuno mescolare di tanto in tanto per non far formare la panna in superficie in quanto può fuoriuscire dalla pentola durante la cottura. Quando il latte si è ridotto si spegne il fuoco e si lascia raffreddare per qualche minuto; successivamente si prende un colino e si filtra per togliere sia la panna che la bacca di vaniglia.

45

La ciotola

In una ciotola si mettono i tuorli e si lavorano con lo zucchero utilizzando uno sbattitore elettrico. Questa operazione va fatta fino a che il composto non diventa schiumoso; in seguito si versa il latte e si continua a lavorare per ottenere una crema omogenea. Si prende uno stampo in alluminio con foro centrale e si cosparge con qualche cucchiaio di zucchero semolato. Si mette lo stampo sul fornello accesso e si fa caramellare lo zucchero. Se invece lo stampo è in silicone bisogna preparare il caramello, cioè si mette sul fuoco un pentolino con 100 g di zucchero e si fa sciogliere. In un altro pentolino si fa bollire 50 ml di acqua e si versa sullo zucchero caramellato; poi, si lavora il tutto.

Continua la lettura
55

Il caramello

Si mette il caramello bollente nello stampo e si fa raffreddare. Si versa il composto di latte e uova nello stampo caramellato e si fa cuocere a bagnomaria (mettendo lo stampo dentro una teglia più grande con dell’acqua) in forno preriscaldato a 180 C° per 40 minuti. Per essere sicuri che il latte brulé è cotto si fa la prova dello stecchino; se resta dell’impasto attaccato il dolce deve cuocere ancora. Quando si è cotto si toglie dal forno e dal bagnomaria, si fa raffreddare e poi si mette in frigo per un paio d’ore. Dopo questo tempo si capovolge il latte brulé su un piatto da portata e si serve agli ospiti; per affettare questo dolce si bagna la lama del coltello con l'acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

I dolci tipici della Calabria

I prodotti dolciari calabresi hanno antiche tradizioni, tramandate di generazione in generazione. Queste vengono correlate a un significato rituale e offerto come espressioni di sentimenti puri. I dolci tradizionali calabresi vengono spesso realizzati...
Vino e Alcolici

Trucchi per un perfetto vin gelèe

Il vin gelèe è un budino a base di vin brulè, tipico drink invernale al vino rosso aromatizzato con cannella, fiori di garofano, anice, noce moscata, zucchero, scorza di arancia e limone. Questo originale dessert al cucchiaio si presta come goloso...
Vino e Alcolici

Come fare i cocktail invernali

Se amate sorseggiare un cocktail in compagnia di amici, magari a casa propria, allora troverete interessante l'argomento di cui tratteremo in questa guida, ovvero come fare i cocktail invernali. In questa stagione si sa, viste le basse temperature e la...
Consigli di Cucina

Macis: cos'è e come si utilizza

Utilizzare alimenti sani e naturali in cucina è un qualcosa di molto bello, in particolar modo se vogliamo arricchire e valorizzare i nostri piatti. Tuttavia, tra i vari alimenti naturali che possiamo utilizzare, ce ne sono alcuni molto buoni che spesso...
Antipasti

Modi originali per usare la noce moscata in cucina

La noce moscata è una delle spezie più ricche di profumo e sapore e che viene utilizzata in molti piatti sia dolci che salati migliorandone notevolmente il gusto. Si tratta quindi di una sostanza ideale per preparare in cucina tantissimi piatti davvero...
Primi Piatti

Come usare la cannella in cucina

Le spezie sono un valido aiuto in cucina. Infatti le spezie sono ricche di elementi benefici molto utili al nostro corpo e sono anche ricche di sapore. Grazie alle spezie è possibile cucinare dei piatti sani e leggeri, perfetti per chi ama i sapori decisi...
Dolci

Come preparare i Lebkuchen

I Lebkuchen sono dei biscotti speziati tipici della tradizione tedesca e austriaca, che si preparano durante la stagione invernale e in particolar modo nel periodo natalizio. La loro consistenza soffice si accompagna benissimo con le bevande calde come...
Vino e Alcolici

Come consigliare i vini

Alcuni paesi, fra i quali includiamo a pieno diritto l'Italia, possono vantare una tradizione vinicola centenaria e impareggiabile. Quando si tratta di consigliare i vini per un pasto in un ristorante Italiano c'è solo il proverbiale imbarazzo della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.