Come preparare il liquore di mirto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare il liquore di mirto
15

Introduzione

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a preparare un gustosissimo liquore al mirto. In pochissimo tempo riusciremo a preparare questo liquore che potremo servire accompagnandolo con dolci ad amici e parenti che sicuramente apprezzeranno il suo sapore unico.

25

Occorrente

  • 1 kg di bacche di mirto
  • 1 l. di alcool per alimenti
  • 2 litri di acqua
  • 500-1000 g. di zucchero
35

La pulizia

Il liquore è ottenuto attraverso la macerazione alcolica di questi piccoli frutti e si presta molto bene sia come aperitivo che come digestivo di fine pasto oltre che come ingrediente di particolari prodotti della pasticceria tipica sarda. Come prima cosa dovremo reperire la materia prima ossia i frutti e per farlo potremo recarci presso dei fruttivendoli e ordinare la quantità necessaria di mirto per riuscire a preparare il nostro liquore. Dopo averli acquistati dovremo sciacquarli abbondantemente per eliminare ogni impurità, prima di procedere con la fase di macerazione!

45

Lo sciroppo

Noteremo subito che, dopo la macerazione, le bacche di mirto avranno aumentato il loro volume e quindi sarà necessario spremerle per ottenere un succo denso ed aromatico che raccoglieremo all'interno di un recipiente sterile o possibilmente ben pulito. Successivamente sarà necessario preparare uno sciroppo che potremo ottenere facendo bollire per circa 30 minuti l'acqua con lo zucchero semolato. Una volta prodotto basterà unirlo con il succo derivato della spremitura delle bacche di mirto e con l'alcool residuo della macerazione.

Continua la lettura
55

La macerazione

In conclusione ricordiamo che il passo più importante è rappresentato dalla macerazione durante la quale per ottenere 3 litri di liquore, ad esempio, dovremo impiegare 1 litro di alcool per alimenti. Mettiamo le bacche all'interno di un recipiente ermetico nel quale versare, in seguito, l'alcol fino a ricoprire tutti i frutti; il tutto andrà chiuso e lasciato in "infusione" per un periodo di almeno 60 giorni. In questo lasso di tempo assicuriamoci che l'alcol mantenga sempre un livello di guardia e che non scenda mai al di sotto dei frutti; qualora dovesse verificarsi una circostanza simile provvediamo immediatamente al suo reintegro. Al termine della macerazione sarà necessario estrarre tutti i frutti dal recipiente e scolarli per separarli dalla soluzione alcolica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare la bavarese al mirto

Il mirto è un arbusto, molto diffuso nel Mediterraneo, che produce delle bacche solitamente di colore nero oppure rosso scuro; queste ultime maturano tra novembre e gennaio. Oltre ad essere coltivato per scopi ornamentali, il mirto viene anche impiegato...
Vino e Alcolici

Come preparare la crema di mirto

Molti di voi conosceranno il mirto, un liquore sardo a base di bacche di mirto, ma forse non tutti conoscono la crema di mirto. Si tratta di un liquore solitamente servito in accompagnamento a gelati, oppure come post dinner. Alla base della crema di...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
Consigli di Cucina

Mirto: proprietà e usi

Il mirto è un frutto tipico delle zone mediterranee come Corsica e Sardegna. Della pianta si usano non solo le bacche ma anche le foglie e i fiori. Questi componenti hanno infatti delle proprietà terapeutiche utili per la salute e la bellezza. Possiamo...
Cucina Etnica

Le 10 migliori ricette della cucina sarda

La Sardegna spesso viene spesso ricordata per gli incantevoli spettacoli dei suoi luoghi meravigliosi. Essa è ricca di sole, mare cristallino, bianche spiagge ed una strepitosa cucina. Inoltre ha davvero tantissimi sapori da scoprire. In questo articolo...
Consigli di Cucina

5 effetti benefici del mirto

Il mirto è una pianta di tipo arbustiva appartenente alla famiglia delle Myrtaceae, molto diffusa in Sardegna. È particolarmente ricca di mirtolo, tannino e alcune resine che la rendono aromatica, ed è utilizzata anche in cucina per il suo sapore particolare....
Dolci

Come preparare la marmellata di mirto

Le foglie di mirto, una volta essiccate, vengono utilizzate in cucina per insaporire piatti di carne o pesce. Grazie al sapore dolce che proviene dalle sue foglie, infatti, il mirto diventa un condimento davvero insuperabile. Ma non è tutto: sulla pianta...
Carne

Come preparare filetti di maiale al mirto con patate

Se nella vostra tavola non manca mai la carne e amate sperimentare in cucina, non potete non provare i filetti di maiale al mirto con le patate. Una carne così tenera si sposa perfettamente con la dolcezza delle patate e il sapore leggermente amarognolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.