Come preparare il manzo alla genovese con battuto di lardo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Ci sono alcune preparazioni della cucina italiana che richiedono dedizione e pazienza. Il manzo alla genovese è certamente una di queste. Non è un piatto complicato da preparare, ma occorre preventivare una lunga cottura. Anche se può sembrare esagerata, in realtà dona alla carne una morbidezza e un sapore davvero unico. È davvero impossibile ricreare questi sapori se non seguendo il giusto procedimento. Questo piatto è una di quelle ricette che arricchiscono il patrimonio davvero unico della nostra cucina. Dopo averlo provato non potremo più tornare indietro. Continueremo a prepararlo anche in seguito, per noi e per la nostra famiglia. Vediamo come preparare il manzo alla genovese con battuto di lardo.

26

Occorrente

  • muscolo di manzo 1 kg
  • gambetto di prosciutto crudo 50 gr
  • salame 50 gr
  • lardo 50 gr
  • cipolle 1,5 kg
  • carote 2
  • vino bianco 300 ml
  • concentrato di pomodoro 1 cucchiaio
  • prezzemolo 1 mazzetto
  • zucchero 1 pizzico
  • olio extra vergine d'oliva qb
  • pepe qb
  • sale qb
36

Prima di tutto prepariamo un mix di verdure. Peliamo le carote, laviamole sotto l'acqua corrente e asciughiamole con un canovaccio pulito o la carta assorbente da cucina. Sbucciamo le cipolle e tritiamole finemente insieme alle carote. Laviamo le foglie del prezzemolo e asciughiamolo per bene, quindi tagliamolo finemente. Tagliamo a pezzetti anche il lardo, il salame e il gambetto di prosciutto. Versiamo tutto in una ciotola e mettiamo tutto da parte. Prendiamo una pentola capiente e versiamoci 300 ml di acqua. Mettiamola sul fuoco e portiamola a ebollizione. Prendiamone metà e stemperiamoci un cucchiaio abbondante di concentrato di pomodoro.

46

Prendiamo una casseruola di coccio o di ghisa e versiamoci 3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva. Mettiamo a scaldare sul fuoco e, quando sarà caldo, adagiamoci il muscolo di manzo. Lasciamo rosolare con la fiamma vivace solo per pochi istanti, rigirandolo da entrambe le parte. Quindi uniamo il trito preparato. Versiamo nella casseruola tutto il vino, metà dell'acqua bollente, il concentrato di pomodoro stemperato nell'acqua e un pizzico di zucchero. Mescoliamo per bene per mischiare gli ingredienti. Poi alziamo la fiamma per arrivare facilmente al bollore.

Continua la lettura
56

A questo punto abbassiamo la fiamma al minimo e copriamo con il coperchio. Lasciamo cuocere in questo modo per 5-6 ore, mescolando di tanto in tanto. Se il sugo dovesse asciugarsi troppo aggiungiamo un po' di altra acqua bollente. Al termine della cottura la carne deve risultare estremamente tenera, tanto da sfaldarsi con la forchetta. Altrimenti occorre lasciare sul fuoco ancora almeno un'ora, finché non raggiungiamo il risultato desiderato. Verso fine cottura regoliamo di sale e di pepe. Affettiamo la carne e serviamola ancora ben calda accompagnata da abbondante sughetto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Possiamo conservare il manzo alla genovese per due giorni dentro al frigorifero

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come preparare i medaglioni di manzo alle mele

I medaglioni di manzo alle mele sono un gustoso secondo piatto da servire ben caldo in tavola. Questi medaglioni, se accompagnati con polenta, possono divenire un piatto unico perfetto per scaldare le fredde serate invernali. Assicuratevi di avere a portata...
Carne

10 secondi a base di tartufo

I tartufi sono una specie di funghi ipogei molto rari, perché la loro crescita è condizionata molto dal clima. Il maggior produttore mondiale ed esportatore di tartufi è l'Italia, che possiede tutte le specie di tartufo utilizzate in gastronomia. Il...
Carne

Come preparare lo spezzatino di manzo

Gli spezzatini appartengono alla famiglia degli "umidi" che, come si sa, richiedono una cottura prolungata e del sugo abbondante. Occorrono perciò delle carni adatte a questi scopi, cioè non troppo magre. Infatti, in questo tipo di preparazione culinaria,...
Carne

I diversi tagli del suino

I tagli del suino rientrano nella lista di muscoli bianchi perché dopo la macellazione assumono un colore chiaro rispetto al manzo o al cavallo. È sempre importante farla cuocere bene, per raggiungere il massimo delle proprietà organolettiche, e per...
Carne

Come preparare l'arrosto di capriolo alle pere

Quante volte vi è capitato di stupire amici e parenti con un primo piatto davvero originale e sfizioso, riuscito particolarmente bene? E quante volte, allo stesso modo, non siete riuscite a fare altrettanto con un delizioso secondo piatto? Quando si...
Carne

Come preparare il lardo in casa

Il lardo costituisce allo stesso tempo gioia e dolore della tavola, gioia perché conferisce sapore e aroma alle ricette nelle quali viene utilizzato, dolore in quanto il lardo è ricco di grassi che aumentano il colesterolo. Evitato come la peste dai...
Antipasti

Come fare l'insalata di radicchio al lardo

Quando ci ritroviamo ad organizzare una cena tra amici, spesso non abbiamo molte idee sul menù. Intanto dobbiamo trovare dei piatti che possano essere di gradimento a tutti e poi sarebbe il caso di scegliere ricette facili e veloci. Tra i piatti più...
Primi Piatti

Come fare la zuppa di castagne con lardo e porcini

La zuppa di castagne con lardo e porcini è un primo dai sapori e colori tipici dell'autunno. È una portata davvero squisita, ricca di profumi eccezionali. È perfetta da presentare ad una cena tra amici. Servita in bicchierini, è ottima come finger...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.