Come preparare il mate

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare il mate
15

Introduzione

Con le sue antichissime origini, la preparazione del mate viene appresa e divulgata dai colonizzatori spagnoli nella Provincia Real Guayra. Originariamente gli Indios Guaranì preparavano questa bevanda utilizzando dell'acqua fredda ed una bombilla, una sorta di cannuccia metallica dotata di un filtro che impedisce alle foglie di mescolarsi al preparato durante la consumazione. In molti paesi del mondo, preparare il Mate è divenuto un rituale diffuso quanto il tè per gli inglesi, ed in questa guida vedremo come preparare un infuso.

25

Occorrente

  • Yerba Mate
  • Mate
  • Bombilla
  • Recipiente per acqua calda
35

Vediamo ora nel dettaglio in cosa consiste il rito vero e proprio della preparazione: Il rito è curato dal "Sebator" che provvederà a riempire il contenitore Mate con la yerba mate; una volta rimpito il mate viene agitato energicamente e capovolto trattenendo il contenuto con il palmo della mano. Viene versata dell'acqua calda in un solo punto e, tra le foglie inumidite viene inserita la bombilla. È fondamentale che una parte delle foglie restino asciutte. A questo punto il cebator offre il contenitore al primo ospite che ne berrà il contenuto attraverso la bombilla per poi restituirlo al sebator. Il sebator provvederà ad aggiungere altra acqua calda per poi offrirlo al secondo ospite. Una volta che le foglie saranno diventate insipide il sebator utilizzerà le foglie asciutte per preparare altro infuso.

45

Continuando è bene evidenziare le proprietà benefiche del mate sul nostro organismo: ha proprietà diuretiche, energizzanti e stimolanti, ma non è da sottovalutare anche la copiosa presenza di caffeina e pertanto non è indicato consumarne in eccedenza. Inoltre, la quantità di occorrente necessario per preparare il Mate di certo non ne facilita la consumazione ed è proprio per questo motivo che in commercio esiste Yerba Mate confezionata come il comune tè, ma la praticità spesso non eguaglia la magia che l'antico rituale sprigiona!

Continua la lettura
55

Infine ricordate che le piante di Mate crescono spontaneamente nelle zone dell'Argentina, del Brasile, del Paraguay e dell'Uruguay e l'infuso viene preparato utilizzando le foglie della pianta. Con la dicitura "Cebar Mate" si intende tutto il rito di preparazione della bevanda, mentre il termine utilizzato durante la consumazione prende il nome di "mateada". Il termine "mate", oltre che ad identifica la pianta e la bevanda, dà il nome al recipiente che si utilizza per la preparazione. Il Mate quindi non è altro che un apposito recipiente ricavato da una zucca o fabbricato in legno, di forma tondeggiante, fondamentale per la preparazione. La Yerba Mate si può reperire principalmente in erboristeria ed in appositi shop online.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come fare un tè turco

Se si pensa alla bevanda turca per eccellenza, di sicuro viene in mente il caffè. Ebbene, è tempo di sfatare questo mito perché, da Istanbul ad Ankara, a farla da padrone ad ogni ora del giorno è il tè, passione incondizionata del popolo turco, servito...
Vino e Alcolici

Come scegliere i bicchieri da cocktail

Preparare drink è un'arte: il dosaggio di ingredienti di prim'ordine, la loro miscelazione attraverso precise tempistiche e proporzioni, l'uso di strumenti che vanno dal classico shaker -in tutte le sue varianti- allo stir o allo strainer ed infine la...
Analcolici

Come preparare il chai indiano

Il chai indiano, è un tè aromatizzato con varie spezie e addolcito con latte e zucchero. La miscela di spezie utilizzata, viene chiamata masala. Questo infuso viene preparato in tutta l'India, tanto da poter essere considerato come la bevanda nazionale...
Analcolici

Come fare un tè beduino

I beduini hanno l'usanza di bere ed offrire il tè agli ospiti. Chi è andato almeno una volta nel Sinai ha certamente assaporato ed apprezzato l'inconfondibile aroma che caratterizza questa bevanda. Essa è conosciuta dalla popolazione locale con il...
Analcolici

Come fare un tè marocchino

La preparazione del tè rappresenta un vero e proprio rito in numerosi Paesi. Ad esempio, basta ricordare il famoso tè delle cinque del pomeriggio nel territorio britannico oppure il tè aromatico delle Nazioni del sud-est asiatico. Un Paese dove il...
Vino e Alcolici

Preparare la sangria di vino bianco

Le origini della sangria, bevanda caratteristica della penisola iberica, sono molto semplici: essa veniva preparata con del vino, spesso non di altissima qualità, nel quale veniva aggiunta della frutta per rafforzare la gradazione alcolica. Si tratta...
Analcolici

Come preparare il tè freddo

I Tè è una particolare bevanda ricavata dall'infuso di una particolare pianta diffusa sopratutto in Cina, India e Giappone. L'uso di questa bevanda è associata ad alcune particolari cerimonie cinesi e giapponesi ed è largamente consumato in tutto...
Analcolici

Come fare tè al basilico

Il basilico (nome scientifico Ocimum Basilicum) è una pianta erbacea profumatissima, il cui nome significa, letteralmente, “Pianta Regia”. Utilizzato in cucina per dare maggiore sapore e profumo a molte pietanze, è ricco di notevoli proprietà e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.