Come preparare il pane cafone napoletano

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quella del pane cafone è una ricetta proveniente dal territorio napoletano. Esso vanta una lunga tradizione, tanto da essere stato inserito fra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Questo speciale pane napoletano è realizzato con un perfetto mix di farine e una lunga lievitazione. La tradizione vuole che il pane venga fatto lievitare tutta la notte, ed essere infornato la mattina dopo. Si chiama pane cafone perché rappresentava l'alimento principale dei contadini che a quel tempo venivano indicati con questo termine. Vediamo insieme come preparare questa delizia per il palato.

27

Occorrente

  • primo impasto: 70 gr. di lievito madre, 80 gr. di farina 0, 50 ml di acqua.
  • secondo impasto: 90 gr. di farina 0, 50 ml di acqua.
  • ultimo impasto: 400 gr. di farina di semola rimacinata di grano duro, 450 gr. di farina 0; 550 ml di acqua; 25 gr. di sale.
37

Per la realizzazione del pane cafone è indispensabile utilizzare il lievito madre, che potete preparare voi stessi, oppure richiederlo in un panificio. Prendete la giusta proporzione di lievito madre e scioglietela nell'acqua. Aggiungete la farina 0 e impastate questi ingredienti fino ad ottenere un impasto compatto. Formate una palla e riponetela all'interno di una ciotola per farla lievitare all'incirca tre ore. Trascorso il tempo necessario riprendete nuovamente l'impasto e scioglietelo in acqua, aggiungendo dell'ulteriore farina 0. Ripetete l'operazione precedente: impastate il composto di farina, acqua e lievito madre fino ad ottenere una palla omogenea, riponetela nella ciotola infarinata e lasciate lievitare per altre tre ore.

47

Per facilitare la lievitazione potrete riporre l'impasto nel forno spento ma con la luce accesa. Trascorse le tre ore necessarie potrete procedere alla realizzazione del pane cafone napoletano. Versate successivamente il composto lievitato su una spianatoia infarinata e aggiungete metà dell'acqua, al fine di sciogliere l'impasto. Unite la farina di semola rimacinata e la farina 0, il sale disciolto nell'acqua restante e iniziate ad impastare con le mani, utilizzando più forza con i pugni.

Continua la lettura
57

Quando l'impasto risulterà abbastanza omogeneo e corposo, potete passare a piegarlo su se stesso più volte al fine di aiutare la lievitazione. Fatelo riposare venti minuti e ripetete l'operazione. Adesso potete dare al composto la forma che più preferite. Ad esempio dividerlo a metà e formare due filoni, o un'unica pagnotta. Il pane dovrà continuare la sua lievitazione per circa dieci ore, avvolto in canovacci. Quindi andrà infornato a duecentoquaranta gradi per venti minuti, trascorsi i quali dovrete abbassare la temperatura a duecento gradi e far continuare la cottura per altri venti minuti. Quando sarà ben cotto, sfornatelo e lasciatelo raffreddare prima di tagliarlo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il pane dovrà continuare la sua lievitazione per circa dieci ore, avvolto in canovacci.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare il ragù napoletano

Il ragù napoletano è un pilastro della cucina partenopea. Ogni buona massaia custodisce gelosamente il segreto di un eccellente ragù. Ogni famiglia personalizza questo straordinario piatto come meglio crede. In alcune case si utilizza solo la carne...
Analcolici

Come preparare il caffè napoletano

Il caffè è indubbiamente una delle bevande più amate dagli italiani. Ormai tutti i bar sono in grado di offrire ai clienti un caffè espresso davvero buono. Tuttavia si sa che la patria del caffè è Napoli. Il caffè napoletano è sicuramente tra...
Dolci

Ricetta: il Migliaccio Napoletano

Se decidete di fare una festa di Carnevale e volete stupire gli ospiti sia grandi che piccini, potete fare il migliaccio ossia un dolce molto gustoso e particolare. L'elaborazione della ricetta è piuttosto semplice, richiede pochi ingredienti e soprattutto...
Consigli di Cucina

Come fare il migliaccio salato

Il termine migliaccio indica piatti diversi a seconda della zona d'Italia in cui ci si trova. Questo nome di derivi dal miglio, la cui farina un tempo veniva sfruttata per numerose ricette. Il migliaccio salato è un rustico tipico napoletano, si racconta...
Pizze e Focacce

Come preparare la pasta per la pizza

La pizza è uno degli alimenti preferiti sia dagli adulti che dai più piccoli. Spesso è capitato di mangiare la pizza in alcuni ristoranti e di non riuscire a digerirla per bene a causa di una cattiva o assente lievitazione. Per evitare un problema...
Pizze e Focacce

La vera pizza fritta napoletana.

Esiste un detto sulla città di Napoli: "vedi Napoli e poi muori". Da questa breve frase si capisce quanto Napoli colpisca il cuore di chi la visita; essa è un città piena di bellezza, ma tra le tante meraviglie partenopee, chi la visita sicuramente...
Pizze e Focacce

Ricetta: calzone ripieno con mortadella e crema di tartufo

Durante le spensierate sere d'estate, è sempre un piacere uscire con amici e gustare insieme qualcosa di sfizioso. Le serene notti estive sono perfette per una fresca birra in compagnia e una pizza. O, perché no, un gustoso calzone. Il calzone ripieno...
Antipasti

Come preparare le crocchette di ricotta

Le più famose crocchette che si conoscono sono senza dubbio quelle di patate, ma queste possono avere molte varianti, tra le quali le crocchette di ricotta. Nel napoletano, si usa preparare le crocchette con la ricotta come antipasto nel cenone della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.