Come preparare il vino alla salvia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nel tempo libero esistono una marea di attività da svolgere, ma ritengo che una delle più interessanti sia la preparazione di una ricetta. Gustarsi una propria produzione ci offre la possibilità di goderci i frutti del nostro lavoro, e questo ci fa apprezzare in modo ancora maggiore il prodotto. Come indicato nel titolo della guida, ora vi spiegheremo i passaggi necessari per capire come preparare il vino alla salvia.
Cominciamo insieme questo percorso molto stimolante e interessante.
Fin dall'antichità la salvia veniva utilizzata per aromatizzare le pietanze, ma anche come pianta per uso terapeutico, sia in decotti che in liquori. In esame prendiamo il vino alla salvia, da preparare con dell'ottimo vino rosso corposo. La sua preparazione è semplicissima ed è anche utile avere sempre una bottiglia in casa. Perché la salvia agisce stimolando l'organismo, soprattutto in casi di esaurimento fisico e/o intellettuale.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • 3/4 di litro di vino rosso fermo
  • 30 gr. di salvia in foglie
36

La scelta del vino

Il primo aspetto che dovrete prendere in considerazione, chiaramente, sarà la scelta del vino. Dovrete optare per un vino molto corposo, con una gradazione alcolica buona, rosso, e delle note molto decise. Vi consiglierei, per esempio una scelta tra questo insieme di opzioni: il Primitivo di Manduria DOC, l'Aglianco del Vulture DOC, l'Amarone della Valpolicella DOC e il Brunello di Montalcino DOCG. Naturalmente, bisogna scegliere il vino soprattutto in base ai propri gusti personali. Ricordandosi però, che il vino deve essere fermo, deciso e dal gusto leggermente amaro.

46

L'aggiunta delle foglie di salvia

Una volta che avrete preso questa decisione fondamentale, potrete svuotarlo all'interno di un contenitore, chiaramente quando sarà a temperatura ambiente. Il contenitore che andrete a utilizzare dovrà necessariamente avere la chiusura ermetica. Al vino, dovrete successivamente aggiungere le foglie di salvia frantumate in piccoli pezzetti dalla grandezza medio-piccola. Chiudiamo il contenitore e mescoliamo con moderazione il contenuto, Infine riponiamo il contenitore in un luogo asciutto e al riparo dalla luce. Il vino dovrà riposare per dieci giorni, così che il vino possa aromatizzarsi lentamente e la salvia possa liberare, in esso, tutte le sue proprietà benefiche. Ricordiamoci di agitare il vino almeno una volta al giorno.

Continua la lettura
56

Il travaso nelle bottiglie

Una volta che saranno passati dieci giorni, potrete andare a svuotare il contenitore, versando il vino contenuto dentro una bottiglia, chiaramente aiutandovi con un imbuto a cui applicherete un filtro. Come filtro utilizziamo uno strofinaccio pulito o del cotone sterile, altrimenti è possibile acquistare filtri di carta. Ad avvenuta filtrazione conserviamo la bottiglia di vino per qualche giorno, poiché il vino dovrà equilibrare il proprio aroma ed il proprio gusto. Il vino alla salvia si consiglia alla fine dei pasti, come digestivo e per allietare la bocca, facilitando l'eliminazione dell'alitosi. Si consiglia un bicchierino, poiché il sapore è forte e deciso.
In chiusura, eccovi un approfondimento: http://www.dottorperuginibilli.it/ricette1/49-vino-di-salvia.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per addolcire di poco il sapore del Vino alla Salvia, si può aggiungere un pizzico di cannella. Facendo molta attenzione a non esagerare.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come fare l'orata al pesto di salvia e rosmarino

L'orata al pesto di salvia e rosmarino è una portata davvero appetitosa ed invitante. È un secondo perfetto da presentare ad una cena tra ...
Vino e Alcolici

Guida ai vini rossi italiani

Il vino è tra le bevande più diffuse del mondo e tra i tanti paesi esportatori l'Italia occupa una grossa fetta del mercato mondiale ...
Carne

Come fare le salsicce con vino e salvia

Senza dubbio, la salsiccia in qualsiasi modo viene cucinata, è sempre molto buona e gustosa. Un secondo che sicuramente accontenterà il palata anche dei più ...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla salvia

I liquori fanno spesso la loro comparsa sulla tavola degli italiani e per molti, sono diventati uno sfizio irrinunciabile, da concedersi rigorosamente al termine di ...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di salvia

Il pesto è uno dei condimenti più amati dagli italiani. Esistono molte varianti del pesto alla genovese, come quello di rucola, zucchine, di broccoli e ...
Vino e Alcolici

5 regole per fare un buon vino

Il vino è una bevanda molto gradita in tutto il mondo. Si ottiene dalla fermentazione lunga o breve del mosto che si ricava dalla spremitura ...
Vino e Alcolici

Come fare il vino al melograno

L'Italia è uno dei maggiori esportatori di vino. La nostra penisola vanta in tutto il mondo la qualità dei vini, grazie al loro gusto ...
Carne

Come fare la luganega con cipolla e vino bianco

Per un'occasione importante, festosa o per una cena sostanziosa con gli amici, non c'è nulla di meglio che preparare una golosissima luganega. Se ...
Carne

Come marinare l'agnello

La marinatura è una tecnica di cucina tradizionale per preparare carne, pesce, e verdure, e consiste nell'immergere l'alimento cruda in un liquido, e ...
Carne

Come marinare la carne per il barbecue

La cottura di carni alla griglia o allo spiedo è una delle basi della nostra cucina. E’ uno dei metodi di cottura più ‘naturali’. Ben ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.