Come preparare la frutta candita in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La frutta candita, elemento fondamentale non solo dei classici dolci natalizi ma pure di altri dolci, si può preparare in casa seguendo con attenzione i semplici passaggi qui elencati. Per sapere come fare caramellare la frutta ed ottenere la frutta candita, occorre del tempo e gli ingredienti necessari, ma una volta pronta si può utilizzare per guarnire o farcire numerosi dolci e dessert.

25

Occorrente

  • Frutta a piacere
  • acqua
  • zucchero semolato
35

Selezionare la frutta da candire

Per fare della frutta candita, prima cosa si deve scegliere un frutto in particolare, come ad esempio l'arancia. Il frutto da candire dev'essere ben maturo, non trattata e sopratutto biologico. Per cui dopo aver scelto con cura le arance da candire, occorre lavarli bene e poi tagliare la buccia a spicchi di medie dimensioni. Dopo di ciò, le bucce d'aranciavanno immerse in una pentola piena d'acqua per ventiquattro ore, facendo attenzione a cambiare l'acqua almeno tre volte al giorno. Trascorse le ventiquattro ore, le bucce vanno sbollentate per circa quindici o venti minuti, al fine di eliminare la loro nota amarostica, poi vanno scolate e lasciate raffreddare. Una volta che le bucce di arancia saranno ben scolate e raffreddate, si possono infine pressare su di uno strofinaccio per asciugarle completamente.

45

Candire le frutta

Dopo aver preparato le bucce di arancia, occorre dosare la quantità di zucchero necessario e pesare le bucce d'arancia. Al fine di candire bene la frutta, occorre usare in genere per circa 1 kg di bucce di arancia circa 1,20 kg di zucchero. Per quanto concerne l'acqua, in genere occorre tenere conto che ogni kg di bucce utilizzate servono duecento centilitri d'acqua. A questo punto, dentro un tegame vanno uniti lo zucchero e l'acqua, in modo tale da ricavare una sorta di sciroppo che non va fatto troppo caramellare perché il composto deve restare liquido e bianco. Dopodiché occorre versare le bucce d'arancia preparate in precedenza nello sciroppo ottenuto e fare bollire per circa mezz'ora circa a fuoco basso mescolando con un cucchiaio di legno.

Continua la lettura
55

Ultimare le frutta candita

Nel frattempo, occorre riporre dentro un piatto dello zucchero semolato e stendere su un lato all'esterno del piatto un foglio di carta forno. Dopo di ciò, le bucce vanno tolte dal fuoco con l'aiuto di una pinza e vanno passate con cura nello zucchero ed adagiate sulla carta forno. Tale operazione va ripetuta per altre due volte, una volta caramellate le bucce vanno lasciate raffreddare e riposare per una giornata intera. Per finire, una volta che le bucce risultano essere dure vanno ripassate nello zucchero e conservate dentro dei barattoli di ermetici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come guarnire una crostata al cioccolato

La protagonista di questo tutorial è la crostata al cioccolato. Nel dettaglio vi mostrerò come guarnire una crostata al cioccolato in modo semplice e fantasioso. Qui di seguito troverete infatti una lista di idee e suggerimenti per personalizzare al...
Dolci

Come caramellare le bucce d'arancia

Chi di voi ha mai pensato di poter utilizzare le bucce degli agrumi, anziché gettarle? Ebbene, in questo articolo cercheremo d'imparare insieme come poter caramellare, nella maniera più corretta, facile e gustosa possibile, le bucce d'arancia, in modo...
Dolci

Ricetta: dolci alle mandorle siciliani

I dolci alle mandorle sono dei prodotti di pasticceria tipicamente siciliani e rientrano nella categoria cosiddetta secca. Sono veramente deliziosi ed hanno un gusto ed un profumo molto particolari ed invitanti. Naturalmente non sono dietetici ma, essendo...
Consigli di Cucina

Come utilizzare gli scarti degli agrumi

La frutta è molto importante per una sana e corretta alimentazione. Essa contiene vitamine e sali minerali, sostanze essenziali per l'organismo. Gli agrumi sono un vero toccasana soprattutto in inverno quando è più probabile una carenza di vitamina...
Dolci

3 dolci con la frutta candita

La frutta candita è una prodotto tradizionale di nicchia che trova le sue origini nell'Africa del nord e nell'Italia del sud, conosciuto anche in Cina ed in Mesopotamia in tempi molto antichi. Nata come metodo di conservazione, la canditura è oggi un...
Consigli di Cucina

10 usi alternative delle bucce dei frutti

La buccia è un rifiuto o una risorsa? Si sa, la buccia della frutta è da molti considerata un semplice scarto, diventando nel migliore dei casi compost e nel peggiore aumenterà il volume della pattumiera. Ma non potremmo fare nulla di più sbagliato....
Consigli di Cucina

5 modi per riutilizzare le bucce d'anguria

Durante il meraviglioso periodo estivo (che va dal mese di Maggio fino a Settembre), uno dei frutti maggiormente acquistati e gustati da numerose persone di tutto il mondo per rinfrescarsi e dissetarsi è il cocomero, che inizialmente proveniva soltanto...
Dolci

Come caramellare arance

Le arance caramellate sono un cibo di bell'aspetto, dal profumo inebriante e dal gusto goloso, ideali anche e soprattutto come decoro a gelati e sorbetti. La ricetta per caramellare le arance in casa è molto semplice e, dal momento che prevede l’utilizzo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.