Come preparare la minestra di semolino

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare la minestra di semolino
15

Introduzione

La minestra di semolino è un piatto che risale a tempi antichi, quando ancora non esistevano i cibi liofilizzati, gli omogeneizzati, i surgelati. Questi ultimi hanno risolto il problema della pappa dei bambini, essendo prodotti che si preparano molto velocemente. In effetti come preparare la minestra di semolino è semplice, e non è affatto vero che è una pietanza adatta solo ai più piccini. Anzi, è un'alternativa assai valida per chi ama mangiare in maniera sana, semplice, e allo stesso tempo gustosa.

25

Occorrente

  • 250 grammi di semola, olio d'oliva, parmigiano, acqua
  • prezzemolo, sedano, carota, pomodoro, sale, cipolla
35

I procedimenti per preparare la minestra di semolino sono molteplici, e dipende da quello che si vuole ottenere. Si può scegliere tra il gusto delicato e il sapore più caratteristico. Se si desidera un risultato dal gusto morbido, si deve procedere mettendo a bollire un quarto d'acqua in una pentola. Raggiunto il grado di ebollizione, si aggiunge un pizzico di sale, a seconda dei gusti, e quaranta grammi di semolino. Bisogna fare attenzione a versarlo a pioggia, lentamente, altrimenti si possono facilmente formare dei grumi, a causa della consistenza della semola, che risulta essere di composizione densa e appiccicosa.

45

Si abbassa la fiamma al minimo, per non far attaccare il composto al fondo della pentola, e si gira continuamente, per renderlo cremoso e liscio. Il tempo di cottura è abbastanza rapido, si tratta circa di dieci minuti. Con queste dosi il composto è di media densità. In ultimo, non appena versato nel piatto, si condisce con un filo d'olio d'oliva e una spruzzata di parmigiano reggiano, un piccolo ciuffo di prezzemolo. Ideale accompagnamento è una bevanda leggermente alcolica.

Continua la lettura
55

La seconda variante ha un gusto più corposo, ed è adatta ai palati più esigenti, che amano sapori più decisi. Le dosi restano invariate, ma al posto dell'acqua semplice si deve utilizzare il brodo vegetale. Per la preparazione di quest'ultimo, mettere a bollire in una pentola mezzo litro d'acqua, un ciuffo di prezzemolo, una cipolla tagliata grossolanamente, un pomodorino di collina, una carota a pezzetti, del sedano, sale quanto basta, due cucchiai d'olio extra vergine d'oliva. Lasciare in ebollizione fino a che si riduce alla quantità di duecentocinquanta millilitri. Quindi far cadere lentamente il semolino e procedere come spiegato in precedenza, per la ricetta delicata. In alternativa, se non si ha tempo di preparare il brodo vegetale con gli ingredienti freschi, si può utilizzare il dado. Servire con un buon bicchiere di vino rosso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare gli gnocchi di semolino fritti

Gli gnocchi di semolino fritti sono un goloso antipasto, amato da grandi e piccini. Sono estremamente semplici da realizzare ma è necessario avere un po' di tempo a disposizione per prepararli. Sono ottimi da gustare anche durante aperitivi oppure potete...
Dolci

Ricetta: budino di semolino

Il budino rappresenta una ricetta di dolce al cucchiaio. Particolarmente apprezzata da grandi e bambini, vanta di molteplici varianti. Si può preparare in molti modi e addirittura con alimenti di origine vegetale. Spesso vengono utilizzate anche farine...
Primi Piatti

Ricetta trentina: gnocchi di semolino

Gli gnocchi di semolino rappresentano un caposaldo della cucina tradizionale italiana. Il piatto, diffuso sulle tavole dal XIII secolo, è semplice ma nutriente. Da Nord a Sud la ricetta viene costantemente rivisitata, con modifiche più o meno interessanti....
Primi Piatti

Gnocchi di semolino e ceci: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale di gnocchi e semolino e ceci è primo piatto ricco e gustoso. Una combinazione perfetta di proteine e carboidrati che vi saprà deliziare fin dal primo boccone. Per quanto riguarda il condimento, cucineremo un ottimo sugo di agnello....
Primi Piatti

Come fare la zuppa imperiale

La zuppa imperiale (o zuppa di semolino) è un primo piatto tipico di Bologna e della zona di Ravenna. Si tratta di una minestra formata da una sorta di pastella a base di uova, parmigiano grattugiato, farina, burro fuso e noce moscata, che viene fatta...
Dolci

Ricetta: torta di semolino alla vaniglia

Avete sempre associato il semolino a zuppe invernali e pappe per bambini? Ebbene, con la ricetta che vi proporremo oggi rivaluterete questo ingrediente grazie a un tocco di dolcezza che allieterà il vostro palato e rallegrerà la vostra tavola. Impugnate...
Dolci

Come preparare il budino di semolino di Pasqua

Nonostante siamo circondati dalla novità dei dolci di provenienza straniera, come ad esempio la tradizione americana, non possiamo dimenticare le ricette tradizionali che la nostra bell'Italia conserva dalla notte dei tempi. Il budino di semolino è...
Primi Piatti

Come preparare i gratin di semolino con raspadura

Siete a casa. Avete la cucina tutta per voi. Volete cimentarvi nella realizzazione di un piatto semplice e gustoso ma non avete idea su cosa far ricadere la vostra scelta? Niente timore! Perché se non ricordate dove avete messo l'antico ricettario della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.