Come preparare la pizza alla marinara

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare la pizza alla marinara
15

Introduzione

Realizzare la pizza in casa, è un qualcosa di molto bello e di appassionante, in particolar modo se realizziamo la nostra pizza con impegno, fantasia e creatività. Tuttavia, tra le numerose pizze che possiamo realizzare, ce ne sono alcune molto buone che spesso vengono sottovalutate, ad esempio, la pizza alla marinara. In questa guida infatti vedremo come preparare la pizza alla marinara.

25

Occorrente

  • un cubetto di lievito di birra
  • un cucchiaino di zucchero
  • un cucchiaio e mezzo di sale
  • acqua q.b.
  • 500 g di farina 0
  • 300 g passata di pomodoro
  • origano
  • 2 spicchi d'aglio
  • olio d'oliva
35

Per prima cosa, mettiamo all'interno di una bacinella di grandi dimensioni, un cubetto di lievito di birra, un goccio d'acqua, un cucchiaino di zuccero ed un cucchiaio e mezzo di sale mescolando il tutto fino a quando il lievito non sarà completamente sciolto. Ora, aggiungiamo all'interno della bacinella 500 g di farina 0 ed iniziamo ad impastare la pasta della pizza aggiungendo poco a poco dell'acqua tiepida. Quando la pasta della pizza avrà raggiunto una giusta consistenza, copriamo l'intera bacinella con un canovaccio o sigilliamola con della pellicola e poniamo la bacinella in un luogo ben asciutto della nostra cucina lontano dalle fonti di calore e dalle correnti d'aria.

45

Dopo circa un' ora, il nostro impasto è pronto per essere steso. Mettiamo due cucchiai d'olio in una telia di grandi dimensioni, distribuiamo l'olio alla perfezione su tutta la telia con un poco di carta forno e poi distribuiamo l'impasto nella telia aiutandoci con le mani, creando anche i bordi della nostra pizza. Ora, utilizzando un piccolo mortaio, schiacciamo leggermente due spicchi d'aglio e irroriamo tutta la nostra pizza con l'aglio. Aiutandoci con un cucchiaio, mettiamo la passata di pomodoro sulla pizza. Se vogliamo, al posto della passata di pomodoro, possiamo mettere sulla nostra pizza dei cubetti di pomodo fresco. Ora, non ci resterà altro che aggiungere sulla nostra pizza dell'origano.

Continua la lettura
55

Mettiamo la nostra pizza a cuocere in forno a 250 gradi per non meno di 25-30 minuti. La pizza sarà pronta quando il suo marmo avrà assunto un colore leggermente ambrato. Possiamo servire la pizza ai nostri ospiti ancora calda all'interno di eleganti piatti, magari accompagnandola con qualche patata fritta o con qualche patata arrosto. Questa pizza, è molto buona anche fredda e se è molto alta, può essere tagliata a metà e farcita con un poco di prosciutto, di speck oppure di salame. Nel caso avanzi della pizza, la pizza stessa, può essere conservata eccellentemente anche nel nostro congelatore dopo essere stata tagliata in piccole fette per un massimo di 2-3 mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come guarnire una pizza

La pizza rappresenta, sicuramente, il piatto più venduto appartenente alla tradizione culinaria italiana a livello mondiale. La pizza ha presentano un enorme successo anche grazie ai tanti migranti italiani sbarcati in America agli inizi del 1900. La...
Pizze e Focacce

Pizza a portafoglio con salame ungherese

Se in casa intendiamo preparare una pizza leggermente diversa dalla tradizionale margherita o marinara, possiamo cimentarci nell'elaborazione di una sfoglia tonda da farcire con ricotta e salame ungherese. Questa ricetta ci consente di ottenere la cosiddetta...
Pizze e Focacce

Come fare la pizza ai wurstel

Se decidiamo di fare una cena con degli amici, dobbiamo preparare la ricetta giusta tale da deliziare anche i palati più raffinati. Tra le varie pietanze sicuramente vi è la pizza, uno dei piatti più amati della tradizione culinaria italiana e che...
Pizze e Focacce

Ricetta: pizza vegetariana

Con questa guida vogliamo proporre la ricetta di una pizza particolarmente leggera, benché saporita: quella vegetariana. Si tratta di una pizza margherita classica che viene arricchita con abbondanti verdure grigliate e non. Un’alternativa di semplice...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza usando il cavolfiore al posto della farina

Tutti amano la pizza. In Italia e nel mondo, è uno dei piatti più amati e consumati in qualsiasi momento della giornata, con qualsiasi tipo di condimento. Sfortunatamente, non tutti possono mangiarla. Per via di intolleranze e allergie al glutine, molte...
Pizze e Focacce

Come decorare una pizza Angry Birds

Golosissima e divertentissima la pizza Angry Birds per i più piccini, che si ritroveranno a tavola i protagonisti del loro video gioco preferito, con gli uccellini arrabbiati contro i maialini verdi. Di seguito le semplicissime fasi di come decorare...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza alla cicoria

La pizza, si sa, da sempre è amata dagli italiani e in Italia siamo amanti e specialisti della pizza. In molte pizzerie non esiste più solo la classica pizza alla napoletana o la classica pizza margherita ma molte altre varianti. Ormai si fa la pizza...
Pizze e Focacce

10 errori che si commettono preparando la pizza

La pizza è sicuramente il fiore all'occhiello della gastronomia italiana. Una ricetta semplice, ma amata moltissimo anche all'estero e spesso "rubata"! La pizza però, nella sua semplicità, ha bisogno di essere preparata seguendo qualche regola d'ora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.