Come preparare la pizza con i funghi

Difficoltà: media
Come preparare la pizza con i funghi
17

Introduzione

Tutti pazzi per la pizza! Potrebbe tranquillamente essere uno spot pubblicitario di enorme successo, data la grande quantità di persone sparse nel mondo che la apprezzano e la amano in tutte le sue forme. Dalla famosa pizza napoletana fino a quella all'ananas, ogni giorno ne viene consumata una grandissima quantità. Ma quale è il secondo tipo di pizza, probabilmente, più amata al mondo? La pizza con i funghi ovviamente. Vogliamo provare a farne una insieme?

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • 500 gr di farina
  • un lievito di birra
  • una mozzarella
  • 500/600 gr di funghi
  • sale
  • cannella in polvere
  • olio
  • parmigiano grattugiato
37

Cominciamo dalla preparazione della pasta per la pizza. Versiamo in un pentolino mezzo bicchiere d'acqua e facciamola intiepidire: quando avrà la giusta temperatura prendiamo il lievito di birra e dopo averlo sminuzzato con una forchetta lo mescoliamo nell'acqua tiepida fino ad ottenere una pastella. Ora siamo pronti per disporre sulla spianatoia la farina a fontana (cioè come una piccola montagnola) , poi con una forchetta facciamo un ampio buco nel centro e vi versiamo un bicchiere circa di acqua, possibilmente sempre tiepida e un bel pizzico di sale. Con attenzione, senza che si formino grumi, con la forchetta cominciamo a mescolare la farina con l'acqua partendo dai bordi interni al "buco".

47

Appena il composto nell'interno della farina sarà omogeneo ma ancora liquido, vi aggiungiamo l'acqua tiepida in cui avevamo diluito il lievito, in precedenza. Continuiamo a mescolare fino ad aggiungere tutta la farina, quando la pastella è quasi solida, cominciamo a lavorarla con le mani, come facevano anni fa le massaie: va pizzicata e arrotolata a lungo impastando con una certa forza, Alla fine ne facciamo una pallina, a cui pratichiamo una incisione a croce in cima, poi la lasciamo riposare sotto un canovaccio pulito per circa un'ora e un quarto.

57

Mentre la pasta riposa, ci dedichiamo ad affettare a dadini la mozzarella e a cuocere i funghi. Ottimi per questa preparazione sono i funghi champignon o i porcini. Bisogna con delicatezza staccare il gambo dalla corolla e poi passarli con uno straccio inumidito per togliere i residui di terra. In realtà non andrebbero lavati per non togliere loro il gusto, ma nel caso non si possa evitare è bene farlo velocemente per non farli annerire. Una volta puliti vanno fatti a fettine e versati nella padella. Qui li lasciamo cuocere per 10 minuti, dopodichè aggiungiamo una spolverata di cannella in polvere che conferirà loro un aroma assolutamente particolare, e un po' di parmigiano grattugiato.

67

Quando il liquido di cottura si sarà riassorbito del tutto saranno cotti. Provare con un dito a fare un'impronta sull'impasto, se ne resta traccia è al punto giusto di lievitazione. Ora per distendere la pasta dovete appiattire con le mani la pasta e tirarla dolcemente verso i lati, facendola ruotare sulla spianatoia infarinata: con un po' di pazienza riuscirete a capire come fare e a disporla sulla carta da cucina messa nella teglia da forno. Prendiamo i funghi e li mettiamo sulla pasta, poi vi mettiamo la mozzarella a dadini e lasciamo cuocere in forno a temperatura moderata per circa 30 minuti.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguendo il proprio gusto personale si può aggiungere anche dalla polpa di pomodoro.
  • Attenzione a non far scaldare troppo l'acqua nella quale va diluito il lievito: se è troppo calda ucciderà i fermenti vivi che permettono la lievitazione.
  • Piu' la pasta sarà lavorata, più l'impasto lieviterà perfettamente.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità delle nostre guide