Come preparare la zuppa toscana

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare la zuppa toscana
16

Introduzione

La zuppa è il piatto per eccellenza che permette di riscaldarsi soprattutto durante la stagione fredda. Una delle preparazioni più famose è la zuppa toscana. Si tratta di una pietanza che prevede l'aggiunta del cavolo nero. Inoltre, la tradizione prevede anche l'uso di pane casereccio o altre tipologie di pane. In questa semplice e veloce guida vi spiegherò, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come preparare la zuppa toscana, in modo tale da poterla realizzare da soli a casa propria e poterla gustare e ricordare i sapori di una volta.

26

Occorrente

  • 300 gr di cavolo nero
  • 250 gr di cannellini lessati
  • 1 cotenna di maiale
  • 1 patata
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 2 pomodori
  • 1 scalogno
  • 2 spicchi d'aglio
  • Aromi vari
  • Olio extravergine d'oliva
  • fette di pane
36

Lavare il cavolo nero

Per prima cosa, lavate il cavolo nero, tagliatelo a pezzi e mettetelo in uno scolapasta. All'interno di una pentola dai bordi alti, fate bollire due pomodori, dopodiché scolateli e fateli intiepidire, rimuovendo la buccia e tagliandoli a dadini. Adesso, preparate un soffritto costituito da uno scalogno tagliato, una carota ridotta a pezzi, una costina di sedano tagliato a pezzetti, uno spicchio di aglio ed due cucchiai di olio extravergine d'oliva. Fate soffriggere il tutto a fiamma bassa fino a quando gli ingredienti non assumeranno una colorazione dorata. In seguito, eliminate l'aglio ed aggiungete la polpa di pomodoro.

46

Preparare i fagioli cannellini

Durante la cottura, aggiungete una patata tagliata a pezzetti e lasciate cuocere. Preparate dunque i fagioli cannellini. Quest'ultimi, vanno messi a bollire fino alla loro completa cottura, unendo una piccola cotenna di maiale per donar loro più sapore ed aroma. Non appena la salsa sarà pronta, aggiungete i pezzi di cavolo nero ed un litro del liquido nel quale avete cotto i cannellini, quindi fate cuocere la zuppa per circa un'ora e mezza a fiamma molto bassa. Successivamente, riversate il contenuto del tegame con la zuppa, nella pentola dove erano in attesa i cannellini e mescolate per bene tutto il composto di ingredienti.

Continua la lettura
56

Servire la zuppa

Nel frattempo, in un tegame, fate soffriggere dell'olio con uno spicchio d'aglio, del rosmarino e del timo o altre spezie a seconda dei vostri gusti personali. Date il tempo all'aglio di dorarsi, dopodiché toglietelo e versate l'olio aromatizzato nella pentola di coccio. Accendete la fiamma, mescolate la zuppa e salatela a piacere. La potrete assaporare con delle fette di pane a pezzetti o fette di pane messe nel piatto di portata, sul quale verserete un paio di mestoli di zuppa. Inoltre, potrete abbinarvi tutto ciò che volete anche se il piatto risulta già ricco e completo di suo. A questo punto, non mi resta che augurarvi buon appetito!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta toscana: la ribollita

Una ricetta tipica della tradizione Toscana è sicuramente la cosiddetta ribollita, ovvero un piatto davvero gustoso e soprattutto gradevole. Si tratta infatti, di una zuppa a base di ortaggi e verdure, che viene servita con dei crostini di pane. Per...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di cannellini con acciughe

La zuppa di cannellini con acciughe è un gustoso primo piato, perfetto per riscaldare le fredde serate invernali. Il gusto deciso delle acciughe ben si abbina a quello più delicato dei fagioli cannellini. Per preparare questa specialità servono pochi...
Pesce

Come preparare il polpo con i fagioli

Oggi vogliamo proporvi un modo particolare di cucinare il polpo. Se solitamente viene servito come antipasto o sotto forma di deliziose insalate, oggi lo vogliamo presentare sotto forma di zuppa, ovvero vi guideremo nella preparazione del polpo con i...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa con ricotta

La zuppa di ricotta è un piatto appartenente alla tradizione popolare Toscana, molto popolare sia in Maremma che sul Monte Amiata. Questo piatto, fa parte sicuramente dei piatti più poveri di questa cucina poiché è legato strettamente alla vita nomade...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di pane e pomodoro

La zuppa di pane e pomodoro è un'antica ricetta tipicamente toscana. Di origini contadine, è un piatto povero e di recupero. Riutilizza, infatti, gli avanzi di pane raffermo e pochi altri ingredienti. È pertanto un primo molto economico, leggero e...
Primi Piatti

Zuppa di ceci e castagne alla contadina

Le zuppe sono delle minestre dalla consistenza brodosa o cremosa, realizzate con ingredienti eterogenei: verdure, carne, pesce, pane e legumi rappresentano gli alimenti maggiormente utilizzati per la loro preparazione. Si tratta spesso di un piatto unico,...
Primi Piatti

Come fare la zuppa di cavolo nero

Il cavolo nero è una verdura che si caratterizza per le foglie di colore alquanto scuro e dotate di differenti bolle. Si distingue, inoltre, dagli altri tipi di cavolo perché non ha la consueta forma rotonda. È universalmente riconosciuto come fonte...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di cavolo nero con pollo e whisky

Quando le temperature si abbassano ed arrivano le stagioni fredde, è bello coccolarsi alla sera con un pasto caldo, che aiuti a lasciare fuori dalla porta stress e tensioni della giornata appena trascorsa. Un piatto perfetto per questo scopo sono le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.