Come preparare le nuvole di gamberi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le nuvole di drago sono un antipasto molto popolare in Italia, nascono in Cina ma in Vietnam ed Indonesia si trovano numerose varianti. Nell'Asia Sud-Orientale si ottengono dalla macinazione di pesci, gamberi, calamari e sago (un amido estratto dlla pianta della palma). Sono in pratica delle sfogliatine fritte al sapore di gambero. A tale proposito nella seguente guida verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come preparare le nuvole di gamberi.

25

Occorrente

  • 120 grammi di surimi
  • 120 grammi di fecola di patate
  • una cipolla
  • olio per frittura abbondante
35

Gli ingredienti necessari

Innanzitutto dovrete acquistare tutti gli ingredienti necessari alla realizzazione della ricetta. Successivamente procuratevi un frullatore e metteteci dentro la cipolla, il surimi ed il sale. Trasferite il composto in una ciotola e cominciate ad aggiungere la fecola di patate. Avrete bisogno di parecchio tempo per fare in modo che tutta la fecola venga assorbita. Dovrete cercare di formare una specie di salsicciotto che risulterà leggermente appiccicoso. Mettete sul fuoco una vaporiera e adagiate sulla griglia il salsicciotto, poi lasciatelo cuocere per circa cinquanta minuti.

45

L’asciugatura

Rimuovete il salsicciotto dalla griglia, adagiatelo su un canovaccio pulito e lasciatelo raffreddare. Quando il cilindro sarà perfettamente asciutto, tagliate delle fettine e mettetele in un largo contenitore. Le patatine devono stare almeno un giorno nel contenitore per potersi asciugare completamente. Potete anche metterle in un forno ventilato per accelerare l’asciugatura, ma è sempre meglio farlo in maniera naturale perché il gusto finale ne potrebbe risentire. Quando saranno asciutte, potete procedere alla frittura.

Continua la lettura
55

La frittura

Successivamente ponete sul fuoco una padella grande con abbondante olio di semi. Fatelo scaldare bene prima di procedere alla frittura delle nuvole di gamberi. A questo punto friggete tutte le nuvole di gamberi e quando verranno a galla belle gonfie (in pochi secondi l'impasto si gonfia e si riempie di bolle croccanti e da un colore bianco diventano quasi trasparenti), toglietele e mettetele su di un piatto ricoperto di carta assorbente. Ricordate di non lasciarle mai a lungo all'aperto, ma appunto di consumarle presto, perché a contatto con l'aria perdono la loro croccantezza. Giunti a questa fase le nuvole di gamberi saranno pronte e potrete gustarle ben calde. Se preferite potete accompagnare le vostre nuvole di gamberi con della deliziosa salsa di soia oppure con della semplice maionese. Spero che questa semplicissima guida possa aiutarvi ad offrire un antipasto delizioso e ricercato ai vostri commensali. Buon appetito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Ricetta delle nuvole di cocco

Il cocco è entrato a far parte della cucina italiana da molto tempo, ormai, ed è spesso presente anche sulle nostre tavole. Questo frutto esotico può essere acquistato nei supermercati e nelle più fornite frutterie in differenti varianti. Per realizzare...
Antipasti

Ricetta: uova nuvole con bacon

In questa guida, vi illustrerò come preparare una ricetta assolutamente straordinaria, sia per fare una colazione all'americana indimenticabile, sia per cucinare un secondo piatto ricco e gustoso. La ricetta di cui sto parlando sono le uova nuvole con...
Cucina Etnica

I migliori piatti della cucina cinese

Chi è che almeno una volta nella propria vita non è andato al ristorante cinese, spinto dalla curiosità o semplicemente dal piacere della cucina orientale. Tutti hanno trovato nel menù almeno un piatto che è diventato ben presto il suo favorito e...
Pesce

Gamberi in pastella profumati al pistacchio

Il fritto è un'arte e, se saputo fare, rende i cibi saporiti; malgrado sia meglio non abusarne, occasionalmente rende i piatti speciali ed adatti per un aperitivo o una seconda portata. Lungo questa guida vi consiglierò un modo semplice e pratico per...
Pesce

Gamberi in pastella profumati alla salvia e arancia

In un menù completo e ricco di prelibatezze non deve mai mancare l'antipasto. La sua funzione è quella di stimolare l'appetito. Quindi non di saziare e togliere spazio alle portate che seguono. Tanto che, quando arriva a tavola è una festa. I più...
Antipasti

Ricetta: gamberi fritti al sesamo

Ora andremo a occuparci di cucina, e lo faremo trattando la preparazione in pochi passi di una ricetta davvero ottima: gamberi fritti al sesamo. La guida vi accompagnerà lungo tutti i passaggi della preparazione, cercando di semplificare il più possibile...
Pesce

Come fare i gamberi al forno

I gamberi sono una specialità marinara che può essere servita come antipasto o come secondo piatto, accompagnato da un buon vino bianco che rende il gusto piacevole. Generalmente i gamberoni vengono serviti fritti, assieme ai calamari e ad altre tipologie...
Antipasti

Come preparare i gamberi in pastella

Se stiamo pensando di organizzare un pranzo o una cena molto speciale con tutti i nostri amici e parenti dovremo, prima di tutto, cercare di preparare delle pietanze molto particolari che possano soddisfare tutti i nostri invitati. Se siamo alle prime...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.