Come preparare lo stinco di maiale al vino rosso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lo stinco di maiale al vino rosso può essere una buona pietanza da preparare qualora si avessero degli ospiti a casa. La ricetta culinaria per prepararlo non si presenta molto ostica, quindi dedicandogli il giusto tempo, non sarà difficile riuscire ad ottenere un buon risultato, ovviamente per fare ciò occorrono le giuste attenzioni. La guida che segue è stata creata proprio per facilitare il compito e capire come realizzarla al meglio.

26

Occorrente

  • 1 stinco di maiale
  • Vino rosso (consigliato il Merlot)
  • 1 cipolla di tropea
  • aglio
  • brodo vegetale
  • farina
  • olio, sale, pepe, rosmarino e ginepro
36

Preparazione

Si parte con la preparazione dello stinco dove si devono eliminare le parti più grasse, poi si passa all'infarinatura dove andrà eliminata tutta la farina in eccesso. Il passaggio successivo invece vedrà l'olio scaldato in una casseruola, dove è preferibile quello extra vergine d'oliva. Una volta caldo potrà essere messo nel recipiente in questione anche lo stinco che dovrà così rosolare per bene, quando ciò si completa si potranno mettere sia il sedano che la cipolla.

46

Attenzione ai sapori

I sapori e gli odori dovranno essere ben amalgamati se si vuole davvero ottenere i migliori risultati. Agli ingredienti già aggiunti quindi si devono inserire anche il rosmarino ed il ginepro, senza dimenticare sale e pepe, le dosi saranno di libero arbitrio ma non si dovrà esagerare per non alterare troppo un sapore rispetto ad un altro.

Continua la lettura
56

Cottura

Quando tutti gli ingredienti nella casseruola saranno ben rosolati, sarà il momento giusto per aggiungere il vino rosso. Ricordatevi che un bicchiere abbondante sarà più che sufficiente. Aspettate che sfumi l'alcool e poi, un poco per volta, andrete ad unire il brodo vegetale. Attendete ancora che riprenda il bollore e lasciate il tutto sul fuoco, per qualche minuto (sarà necessario attendere che il sugo si restringa). Inoltre con la presenza della farina questo andrà pian piano addensandosi formando un'ottima salsa.

66

Ultimi accorgimenti

Proprio a causa dell'addensamento dovuto alla farina cercate di tenere sotto controllo la casseruola e abbassate il fuoco, altrimenti rischierete di far bruciare tutto. Lo stinco deve cuocere in questo modo, a fuoco lento per circa due ore. Regolarmente dovrete aggiungere del brodo vegetale, in modo da non farlo asciugare. Alla fine della cottura potrete finalmente passare ad impiattare. La cosa migliore è togliere lo stinco e porlo su di un piatto da portata e solo allora unire la salsa che si sarà formata. Per abbellire il tutto e per avere anche un buon contorno, potrete abbinare allo stinco delle patate al forno, da disporre intorno alla carne sul piatto di portata. A questo punto non dovrete far altro che apparecchiare la tavola, sedervi e godervi il vostro stinco di maiale al vino rosso con patate al forno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come fare la polenta con gli stinchi di maiale

Ogni tanto potete concedervi un piatto di polenta con stinchi di maiale. Un piatto tipico del nord Italia, che fa esplodere di gusto le papille gustative! Ideale per la stagione invernale, ma questo piatto fa la sua bella figura anche se lo si presenta...
Consigli di Cucina

5 piatti tipici polacchi

La cucina polacca è molto varia e colorata. Tuttavia, riuscire a definire l'origine dei suoi piatti è qualcosa di abbastanza difficile, dato che questo Paese è stato influenzato da alcune delle maggiori potenze europee, in particolare Francia e Germania....
Carne

Come preparare i bocconcini di maiale al curry

Il maiale è sempre stata una presenza costante nelle nostre tavole: infatti, è possibile utilizzarlo in moltissime ricette, dall'antipasto, con un ricchissimo tagliere di prosciutto e di salumi accompagnati con formaggi e deliziose marmellate, ai...
Pesce

Come preparare lo stoccafisso all'elbana

Alcune volte ci capita di perdere molto tempo alla ricerca della pietanza giusta da preparare per un pranzo o una cena con i nostri amici e parenti e spesso questa ricetta risulta molto complicata da realizzare. Esistono invece molte ricette che sono...
Carne

Ricetta: maiale in salsa di noci e aceto balsamico

L'uso dell'aceto balsamico in cucina è attualmente molto diffuso. L'aceto balsamico viene impiegato per la preparazione di piatti di ogni genere. Troviamo l'aceto balsamico nei piatti molto sofisticati, ma anche nelle insalate. Molto spesso sostituisce...
Antipasti

Ricetta: arrosto di maiale freddo alla menta

In questa ricetta vi spiegherò come realizzare un secondo piatto apparentemente difficile da preparare. Dovete sapere che in realtà è davvero semplice da preparare. Ci vorranno solo una manciata di minuti e un po' di pazienza e amore per la cucina....
Carne

Come preparare lo spezzatino di maiale con prugne

Lo spezzatino è uno dei piatti preferiti da noi italiani, in quanto amanti della carne e della buona cucina siamo in grado di dare origine a ricette davvero gustose. Anche se solitamente lo spezzatino viene preparato con carne di manzo, è possibile...
Carne

Come fare la fesa di maiale al pepe

Tra le carni da preparare per un secondo sfizioso da fare in casa, solitamente si propende per la vitella, il manzo o le carni bianche, come pollo e tacchino. La carne di maiale viene spesso accantonata, perché "colpevole" di diventare troppo asciutta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.