Come pulire le canocchie

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come pulire le canocchie
18

Introduzione

Le canocchie (o come vengono comunemente chiamate "le cicale di mare") sono dei crostacei dal corpo allungato, che vivono nei fondi sabbiosi di fiumi e canali. Sono molto pregiate e si possono assaporare soprattutto nelle stagioni più fredde, come l'autunno e l'inverno. Prima di cucinarle però occorre eseguire una perfetta pulizia, per questo vediamo insieme come pulire le canocchie.

28

Occorrente

  • Canocchie
  • Coltello per crostacei
  • Forbice per crostacei
38

Il lavaggio delle canocchie

Il primo passaggio che si deve eseguire è il lavaggio delle canocchie. Questa operazione deve avvenire quando queste sono ancora vive. Per togliere in maniera ottimale lo sporco, si lavano sotto un getto di acqua corrente. Fate molta attenzione alla loro coda, perché è abbastanza spinosa e potrebbe ferirvi.

48

La pulizia delle canocchie per i sughi

Successivamente le canocchie vanno pulite in base alla ricetta a cui sono destinate. Se verranno utilizzate come ingrediente principale di un sugo, vi basterà tagliarle in piccoli pezzi con un coltello da crostacei abbastanza affilato. Eseguite l'operazione facendo molta attenzione.

Continua la lettura
58

La pulizia delle canocchie per altre preparazioni

Se decidete di utilizzare le canocchie intere, la pulizia di esse procede in maniera differente. Prima di tutto bisogna utilizzare un coltello per crostacei e tracciare un taglio lungo la corazza dorsale. In questo modo il condimento entrerà facilmente a contatto con la polpa del crostaceo.

68

Pulizia completa della canocchie

Le canocchie possono essere pulite anche completamente, in maniera tale da essere gustate senza ricorrere alla fastidiosa pulizia dei crostacei con forchetta e coltello da parte dei commensali. Per questo motivo le canocchie vanno prima di tutto cucinate. Per questo vi consigliamo di sbollentarle per circa due minuti. L'acqua non deve essere salata.

78

La rimozione della corazza dorsale

In seguito, dopo che si saranno raffreddate, armatevi di una forbice per crostacei e tagliate prima di tutto le pinne ventrali, dal basso verso l'alto, fino a eliminarle tutte. Poi eliminate le punte delle chele e la corazza dorsale che si trova lungo il fianco del crostaceo. Per eliminare completamente quest'ultima iniziate a tagliare le coda, poi tenendo la canocchia ben ferma, eliminate la corazza dorsale dalla coda in su.

88

Accorgimenti sulle canocchie durante l'acquisto

Vi raccomandiamo di acquistare sempre delle canocchie fresche, per questo vi consigliamo di rivolgervi al vostro pescivendolo di fiducia. Fate attenzione al colore delle canocchie, che deve essere sempre sul grigio. Guardate soprattutto che la corazza dorsale sia sempre umida e che non presenti delle macchie gialle. Le canocchie possono essere congelate e conservate in freezer per un massimo di tre mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: fettuccine al ragù di canocchie

In estate, complici le vacanze, aumenta notevolmente la voglia di consumare il pesce. Per questo motivo in questa guida vi proponiamo una ricetta poco conosciuta ma molto saporita e leggera, che ben si sposa con la stagione calda. Le fettuccine al ragù...
Pesce

Ricetta: risotto di scampi

In cucina vengono preparate molte ricette prelibate. Tra le varie ricette, troviamo le lasagne, la pasta condita in vari modi, la torta salata. Invece per quanto riiguarda i dolci, troviamo la ciambella al cioccolato, il tortino con la crema la cioccolato,...
Pesce

Ricetta: code di gamberi in salamoia

I gamberi sono dei crostacei molto apprezzati in cucina. Il loro sapore delicato e dolce consente di mangiarli anche crudi purché siano freschi. Con i gamberi si possono preparare sfiziosi antipasti, gustosi primi e appetitosi secondi piatti. In genere...
Pesce

Come riconoscere i gamberi freschi

I gamberi sono crostacei molto apprezzati da tutti, e vengono cotti e mangiati in diverse maniere per allietare il gusto ed il palato di ognuno di noi. Ma bisogna stare attenti alla qualita' dei gamberi che si vogliono mangiare per non rischiare qualche...
Primi Piatti

Come fare il ragù di aragosta

L'aragosta è un pregiato e delicato crostaceo, che solitamente viene consumato in occasioni speciali, per via del suo costo elevato. È uno dei crostacei più ricchi di proteine e di sali minerali. L'aragosta viene cucinata in svariati modi. Con la sua...
Pesce

Come pulire i crostacei

Se hai intenzione di preparare un buon pranzo a base di crostacei, ti consiglio di preferire l’acquisto di prodotti freschi, giacché sono più gustosi e pregiati, eviterai così l’acquisto di alimenti precotti o decongelati. Per riconoscere un crostaceo...
Pesce

10 errori da non fare quando si cucinano i crostacei

. I crostacei, sono l'alimento più efficace per l'alimentazione degli animali marini e soprattutto dell'uomo. Infatti, non solo è molto nutriente ma è importante perché non fa ingrassare e per questo motivo viene dato nelle diete da tutti i nutrizionisti....
Pesce

Ricetta: gamberi in pasta kataifi con salsa di albicocca

La cucina italiana è la migliore di tutte e la maggior parte dei visitatori dell'Italia lo possono confermare senza nessun dubbio. Alcune volte però le nostre ricette culinarie ricorrono ad alcuni ingredienti di origine straniera, come ad esempio la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.