Come pulire le sarde

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se decidiamo di preparare un secondo piatto veloce e a base di pesce, possiamo cucinare le sarde; infatti, sono un alimento ricco di Omega 3 e proteine, quindi adatto anche per chi segue una dieta. È un pesce pescato prevalentemente nel Mar Mediterraneo, ed usato nella cucina italiana anche con la pasta soprattutto in una ricetta siciliana. Le sarde si possono cucinare in diversi modi ossia fritte, alla griglia o con un semplice sugo, ma per la pulizia bisogna prestare molta attenzione perché è un'operazione non semplice, ma sicuramente con un minimo di impegno si riesce ad ottenere un ottimo risultato. In riferimento a ciò, vediamo in modo rapido e veloce come pulire le sarde.

26

Occorrente

  • Scolapasta
  • Piatto o vassoio
36

Tirare le interiora

Innanzitutto bisogna staccare la testa e, pian piano cerchiamo di tirare fuori anche parte delle viscere. Poi con le dita facciamo fuoriuscire il resto delle interiora, e premendo leggermente sulla parte interna della sarda, l'apriamo fino a staccarne la coda. Fatto ciò, togliamo la lisca centrale sempre delicatamente, altrimenti si rischia di romperla. Questa prima fase bisogna farla con le mani e mai con un coltello, perché la sarda essendo un pesce piuttosto fragile si romperebbe in più parti.

46

Lavare le sarde sotto l'acqua corrente

A questo punto sistemiamo uno scolapasta nel lavandino, in modo che le interiora e le lische li gettiamo all'interno per evitare che finisca tutto nello scarico, dato che la pulizia necessita del continuo scorrere dell'acqua. Nella seconda fase invece, si deve verificare se le interiora e la lisca sono state rimosse; infatti, talvolta può capitare che ci sono ancora dei piccoli frammenti che vanno eliminati per bene. Una volta eseguito questo lavoro di controllo, le laviamo sotto l'acqua corrente e con un gettito leggero, altrimenti si corre il rischio che la sarda si spappoli. Dopo quest'ultimo passo, possiamo mettere le nostre sarde in un piatto o in un altro recipiente, in attesa poi di essere cucinate, ma avendo l'accortezza di non rimanerle su di un tavolo ma metterle in un frigo per non farle guastare.

Continua la lettura
56

Sfilettare le sarde

Una volta imparata questa procedura, si possono pulire le sarde anche in modo più semplice, e cioè si può sfilettare il pesce staccando per prima la testa, e poi si apre la sarda e si stacca anche la lisca. Logicamente chi non è molto abile in cucina e nella pulizia del pesce, sicuramente dovrà esercitarsi parecchie volte seguendo la procedura tradizionale accennata nei passi precedenti, ma con il tempo si acquista una certa dimestichezza ed abilità nell'eseguirla.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le operazioni di pulizia e lavaggio del pesce vanno eseguite subito dopo l'acquisto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: sarde a beccafico alla siciliana

Nella guida che seguirà, ci occuperemo della cucina italiana, consigliandovi e spiegandovi la preparazione di un piatto tipicamente siciliano. Infatti, ora vi spiegheremo la preparazione delle sarde a beccafico alla siciliana. Cominciamo subito.Le sarde...
Primi Piatti

Ricetta: Sarde beccaficu

Le sarde, con la loro carne gustosa e saporita, sono un pesce particolarmente versatile in cucina. In questo tutorial, vi proponiamo una deliziosa ricetta, tipica della tradizione siciliana. Si tratta delle sarde beccaficu, un secondo piatto appetitoso...
Pesce

Come preparare le sarde alla beccafico

Le sarde alla beccafico sono un tipico piatto siciliano che è conosciuto in tutta l'Italia. Questa ricetta è una vera prelibatezza è generalmente viene consumata nelle serate estive con un buon vino bianco. Questo piatto si può servire come antipasto...
Pesce

Come fare le sarde ripiene e fritte

Le sarde sono pesci pelagici che tuttavia si possono pescare anche vicino alle coste. La facilità e l'abbondanza della loro pesca ha reso le sarde un tipo di pesce economico, contrariamente ad altri prodotti del mare. Nutrienti e saporite, si prestano...
Pesce

Come cucinare le sarde ripiene

Che il pesce faccia bene è ormai risaputo, ma che il pesce azzurro faccia meglio degli altri, non tutti lo sanno. Tra questa preziosa categoria troviamo le sarde, ricche di omega 3, grassi insaturi, che proteggono il cuore e le arterie. Oltre ad essere...
Pesce

Come preparare le sarde sott'olio

Se hai intenzione di deliziare il palato dei tuoi commensali con una prelibatezza realizzata con le tue mani prosegui la lettura in quanto questa guida potrebbe fare al caso tuo. Un piatto dal sapore di mare che farà la gioia degli amanti del pesce che...
Pesce

Come fare le sarde allo zafferano

Le sarde o sardine appartengono a quella specifica categoria commerciale denominata "pesce azzurro", una varietà di pesci che si caratterizza per il colore blu delle squame dorsali.Altre caratteristiche interessanti, che accomunano le varie tipologie...
Pesce

Ricetta: sarde a beccafico

Le sarde a beccafico rappresentano una delle ricette decisamente tra le più note e apprezzate della tradizione gastronomica siciliana, in particolare palermitana con alcune varianti catanesi e messinesi. La portata, perfetta da servire come prelibato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.