Come realizzare una gomma da masticare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La gomma da masticare è uno dei prodotti più venduti al mondo: si tratta di una sorta di caramella dolce molto zuccherata con la particolarità che è elastica, non va mangiata ma solo masticata. Addirittura alcuni medici, più precisamente i dentisti, la usano come esercizio per muovere i muscoli del viso. Per quanto possa sembrare una cosa recente, la gomma da masticare ha origini molto antiche, risalente all'Antica Grecia in quanto si utilizzava per masticare la resina che veniva estratta dagli alberi di pistacchio con lo scopo di pulire i denti ed eliminare ogni forma di alitosi. Diciamo che l'uso che viene fatto e viene anche pubblicizzato oggi è ancora questo! Comunque come ben si sa l'utilizzo della gomma venne poi sostituito da una concezione più per gioco: i maggiori consumatori sono i ragazzi e le tipologie di gomme sono delle più varie: piccole, grandi, morbide per scoppiare palloncini, ecc. Alcuni ne hanno fatto una sorta di sport! La guida qui di seguito illustrerà come realizzare una gomma da masticare: non è complicato ma vi è la difficoltà di trovare alcuni ingredienti.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • resina di sapotiglia
  • sciroppo di granotuco
  • zucchero (oppure aspartame)
  • additivo alimentare a scelta
36

L'ingrediente base è la resina dell'albero di sapotiglia: è un albero molto diffuso nell'America Centrale che produce frutti molto dolci dal sapore di caramello. Essendo una pianta non locale, procurarsi questo ingrediente rappresenta un vero e proprio problema, ma attraverso un'accurata ricerca online è possibile trovarlo. Trovata la resina va messa in grandi recipienti e mescolata insieme allo sciroppo di granoturco e zucchero, o se si vuole in alternativa usare il dolcificante.

46

Dopo aver ottenuto un composto più o meno omogeneo, bisogna decidere quale aroma conferire alla gomma da masticare ed aggiungerlo, mescolando nuovamente. La scelta degli aromi, come si può immaginare, è ampia: sul mercato sono presenti moltissimi aromi, sia naturali che chimici, chiamati additivi alimentari. Si può aggiungere un aroma alla menta o all'eucalipto se si decide di conferire alla gomma un sapore fresco, scegliere un aroma alla fragola per un gusto zuccherino, uno alla liquirizia per un sapore intenso, e così via. Non c'è che l'imbarazzo della scelta: è il vostro gusto personale che vi suggerirà quale aroma aggiungere.

Continua la lettura
56

Una volta aggiunto l'aroma gradito, il composto finale risulta gommoso e malleabile: occorre quindi spianarlo, utilizzando le mani nude oppure aiutandosi con un mattarello. Ottenuta una lastra non troppo sottile, essa va tagliata a seconda della forma che si preferisce dare alla gomma: dai classici confettini rettangolari alle striscette lunghe, oppure la si può dividere in piccole sezioni ed appallottolarne ciascuna con il palmo delle mani. Le gomme da masticare sono pronte! Ora non resta altro da fare che riporle in pacchetti di cartoncino spesso, meglio ancora se le avvolgete singolarmente dentro della carta alluminio o della plastica trasparente, al fine di conservarle nel miglior modo possibile.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non basta una resina qualunque per produrre della gomma da masticare: tentare con la resina di un albero a voi accessibile (come il pino che avete sotto casa, ad esempio) è decisamente sconsigliabile!
  • L'aspartame viene aggiunto in alternativa allo zucchero, sia esso bianco o di canna, in quanto masticare spesso gomme zuccherate potrebbe facilitare l'insorgere della carie.
  • Mi raccomando: le gomme da masticare fatte in casa non contengono conservanti, e dunque vanno consumate in tempi non troppo lunghi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Scaloppine al rhum con pinoli

La carne è un un alimento abbastanza facile da cucinare e abbastanza semplice da modificare per creare una ricetta davvero incredibili. Per creare dei secondi ...
Primi Piatti

Come cucinare senza olio

Non solo chi è a dieta deve o vuole limitare l'uso di olio nella preparazione dei propri piatti. Seppur buono e fatto con prodotti ...
Carne

Come preparare il lardo in casa

Il lardo costituisce allo stesso tempo gioia e dolore della tavola, gioia perché conferisce sapore e aroma alle ricette nelle quali viene utilizzato, dolore in ...
Pesce

Come preparare l'orata al cartoccio

L'orata è un pesce azzurro abbastanza prelibato che fornisce qualsiasi tipo di sostanze nutrienti che sono indispensabili al buon funzionamento del proprio organismo. Il ...
Antipasti

Come preparare l'insalata di mango

Con il mango si può preparare un'insalata dal gusto insolito, ma dissetante e gustosa. Si abbina gradevolmente agli ortaggi crudi e alla frutta secca ...
Carne

Come aromatizzare il pollo

La carne del pollo di per sè non ha un sapore molto deciso, ma proprio per questo è un tipo di carne bianca che piace ...
Antipasti

Errori da evitare nella preparazione di tartare

La tartare è una pietanza davvero particolare, dalla complessa e laboriosa preparazione che, in ogni caso, si lascia compensare dal suo gusto raffinato e saporito ...
Consigli di Cucina

Come conservare il tè sfuso

La passione del tè, è davvero particolare ed è ormai molto diffusa anche in Italia. Molti sono infatti i locali e i negozi che propongono ...
Primi Piatti

Come cucinare il riso Basmati

Il riso basmati si caratterizza per il suo sapore deciso ed intenso, inoltre esso è tipico della cultura indiana culinaria ed è anche facilmente riconoscibile ...
Pesce

I principali metodi di cottura del pesce

I metodi di cottura del pesce sono moltissimi e vari. I metodi di cottura dipendono dal tipo e dalla grandezza del pesce che si vuole ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.