Come riciclare il pane raffermo

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come riciclare il pane raffermo
16

Introduzione

Capita ormai sempre più spesso di buttare degli alimenti che sono avanzati o sono invecchiati, in alcuni casi potremo provare a riutilizzarli per la preparazione di altri cibi. Uno di questi alimenti è il pane raffermo, cioè il pane avanzato da qualche giorno che quindi si è indurito. In questa guida, quindi, vedremo come fare per riuscire a riciclare correttamento il pane raffermo.

26

Occorrente

  • 2 pentolini antiaderenti; tagliere; coltello per pane; teglia per forno con carta da forno.
  • Pane raffermo; pomodoro; mozzarella o formaggio; sale e zucchero; olio d'oliva; origano.
36

Tagliare il pane a fette

Aiutandoci con il tagliere e con un coltello da pane (grosso e con la punta seghettata), iniziamo a tagliare il nostro pane a fette. Dovremo ricavare dei "quadratini" non troppo grandi, che come dimensioni si avvicinino il più possibile alle classiche pizzette del panettiere; quindi se per esempio stiamo utilizzando del pane di campagna, dovremo ritagliare ogni fetta in parti più piccole. Fatto questo, accendiamo il forno ventilato alla massima temperatura in modo che si riscaldi. In un pentolino antiaderente, scaldiamo della passata di pomodoro aggiungendo solamente del sale quanto basta ed un mezzo cucchiaino di zucchero, per togliere l'acidità del pomodoro.

46

Mettere il pane in una ciotola

Per quanto riguarda invece il pane, poniamo i nostri "quadratini" all'interno di una ciotola e condiamoli con un filo d'olio d'oliva. Mescoliamoli e giriamoli in modo che l'olio venga assorbito in modo il più possibile uniforme. Scaldiamo un pentolino antiaderente ed adagiamoci la base delle nostre pizzette. Questa operazione richiede molta attenzione in quanto il pane tenderà a bruciare, pertanto è necessario fare in modo che assuma un colore dorato da entrambi i lati ma che non superi il punto di cottura.

Continua la lettura
56

Mettere il pane su una teglia con carta da forno

Adagiamo il pane su una teglia rivestita con carta da forno. Su ogni base aggiungiamo un poco di pomodoro e a nostra scelta della mozzarella o altro tipo di formaggio (è un piatto di recupero quindi va bene qualsiasi altro tipo di formaggio di vostro gradimento, come ad esempio della fontina o una passata di parmigiano grattugiato a fine cottura). Inforniamo per cinque - dieci minuti al massimo, per terminare la cottura. Una volta sfornate le nostre pizzette spolveriamo con dell'origano. Queste pizzette sono perfette sia per un antipasto, abbinate a dei salumi o a del formaggio, sia per un aperitivo, accompagnate da un cocktail realizzato magari con della frutta di stagione.

66

Usare il pane raffermo

A questo punto potremo finalmente provare ad utilizzare il pane raffermo anziché buttarlo. Quindi mettiamo da parte il pane invecchiato ed acquistiamo tutti gli altri ingredienti per poter preparare queste gustosissime pizzette. Questo è solo uno dei tanti alimenti che possono essere riutilizzati per la preparazione di altre pietanze.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Gnocchi di zucca fatti con pane raffermo

Ingegnarsi in cucina è un'arte che i più creativi ed appassionati sanno padroneggiare al meglio. Chi sta spesso tra i fornelli, sa come sfruttare ogni ingrediente esistente. Spesso e volentieri, ognuno di noi butta via alcuni alimenti che reputa ormai...
Dolci

Cucinare una torta con il pane raffermo

Se amate la cucina e siete soliti provare nuove ricette, questa guida fa al caso vostro. Vi spiegheremo come cucinare una torta con il pane raffermo. Si tratta di un dolce che veniva preparato nel nostro paese con ingredienti semplici e di recupero. Tradizionalmente...
Primi Piatti

Ricetta: canederli in brodo tirolesi

In questo articolo siamo pronti a proporre a tutti i nostri lettori, la realizzazione di una nuova ricetta che è tipica delle regioni del Nord Italia ed in particolar modo del Trentino Alto Adige. Stiamo parlando dei famosi canederli, detti anche Knodel.Nello...
Dolci

Come preparare il tiramisù di pane raffermo

Le abilità in cucina si evidenziano non soltanto nel preparare ricette e pietanze gustose e particolari, ma anche nell’originalità degli accostamenti, nel riuscire a reinterpretare una ricetta in modo creativo e nell’utilizzo sapiente ed insolito...
Antipasti

3 ricette con pane raffermo

È tipico delle città del penisola a forma di stivale creare ricette originale partendo dall'utilizzo del pane come base. Nelle città italiane, infatti, questo alimento è sempre presente a tavola. Spesso e volentieri può capitare che ce ne sia addirittura...
Dolci

Ricetta: Budino di pane

Il budino è un dolce molto amato, sia nella sua ricetta base che nelle sue numerose e originali varianti. La ricetta base del budini è molto semplice e si può utilizzare, anche, per riciclare il pane raffermo, avanzato dai giorni precedenti. Il budino...
Antipasti

5 ricette sfiziose per l'aperitivo

Quando si invitano gli amici a cena non può mai mancare l'aperitivo! Specialmente se si deve festeggiare una serata particolare. Gli aperitivi si possono fare in mille maniere, accompagnandoli con dei cocktail originali. Di solito vengono serviti creando...
Primi Piatti

Come preparare il pancotto con patate e rucola

La ricetta che vi presentiamo oggi trae le sue origini dalla tradizione povera contadina. Il pancotto infatti è un piatto molto povero, nato per la volontà dei contadini di recuperare il pane ormai raffermo e di renderlo più appetibile.Al giorno d'oggi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.