Come temprare le pentole di terracotta nel forno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le pentole di terracotta sono perfette per cucinare cibi sani e senza grassi. Prima che vengano utilizzate, è però indispensabile temprarle, dato che la terracotta è molto porosa, e quindi tende a creparsi se messa eccessivamente a contatto con il fuoco. Lo scopo della tempratura è proprio quello di diminuire la porosità del materiale. A tal proposito, nella seguente guida, vi illustrerò tutti i passaggi da compiere su come temprare le pentole di terracotta nel forno. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • pentola o casseruola in terracotta
  • acqua
  • tre o quattro patate
  • forchetta
  • forno
  • uno spicchio d'aglio
  • bacinella
  • detersivo per i piatti
36

Innanzitutto, temprare le pentole di terracotta nel forno è un'operazione molto semplice e abbastanza veloce. Come prima cosa, lavate bene la vostra pentola o casseruola di terracotta, dopodiché riempitela di acqua, fino ad arrivare ad 1 cm dal bordo. L'acqua dovrebbe essere di temperatura media. Successivamente, prendete tre o quattro patate gialle e sbucciatele. Tagliatele a fette e mettetele nell'acqua della pentola di terracotta. Fatto ciò, preriscaldate il forno ventilato a 180 gradi per una decina di minuti, quindi inserite la pentola nel forno e aspettate che l'acqua inizi a bollire.

46

Dopo circa 15 minuti, aprite il portello del forno e, con l'aiuto di una forchetta, controllate che le patate siano morbide. A questo punto, spegnete il forno. Estraete la pentola di terracotta con le presine, facendo attenzione a non scottarvi. Eliminate sia l'acqua che le patate. Grazie all'amido rilasciato dalle patate, l'odore dell'argilla non sarà più percepibile. Inoltre, i pori della terracotta si restringeranno a dovere. Aspettate che la pentola si raffreddi completamente. In seguito, andrete a fare un'ultima operazione utile a temprare le pentole di terracotta. Sbucciate uno spicchio di aglio e strofinatelo energicamente sul fondo della pentola. I pori della terracotta si chiuderanno in maniera definitiva.

Continua la lettura
56

Esiste poi un altro metodo per temprare le pentole di terracotta con il forno. Riempite una bacinella con dell'acqua, immergete la pentola e lasciatela in ammollo per 24 ore. Successivamente, asciugate per bene tutta la sua superficie. Sbucciate quindi uno spicchio di aglio e passatelo sia all'interno che all'esterno della pentola. Come nella procedura precedente, preriscaldate il forno a 180 gradi per 10 minuti. Inserite la pentola di terracotta e fatela cuocere per un'ora abbondante. Fatto questo, lasciatela raffreddare completamente. Infine, lavatela sotto l'acqua corrente con abbondante detersivo per i piatti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllate che le pentole di terracotta apportino il marchio CE, che comproverà la loro idoneità agli standard di sicurezza in vigore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come usare le mele cotogne in cucina

Le mele cotogne, una varietà dalla polpa e dal gusto particolarmente acre, sono originarie dell'Asia Minore. Gli antichi Greci e Romani apprezzavano molto questo frutto, tanto da citarlo in alcuni testi di autori molto importanti del passato, come Catone,...
Primi Piatti

RIcetta: tajine vegetariano

Tajine è una parola di origine marocchina che sta ad indicare una particolare pentola, in cui vengono cucinate diverse pietanze tipiche delle regioni del nord Africa. La particolarità di questo utensile da cucina, si trova nella forma e nel materiale....
Consigli di Cucina

Come fare le verdure con la tajine

Se avete fatto un viaggio nei paesi del Nord Africa, sicuramente saprete cos'è una tajine: con questo termine viene infatti indicato un piatto arabo a base solitamente di carne e verdure, ma in realtà con il termine tajine si indica il recipiente in...
Consigli di Cucina

Come fare la licurdia

Se intendiamo preparare una zuppa inusuale, possiamo cimentarci nel realizzare quella tipica calabrese, e precisamente la cosiddetta licurdia. Si tratta infatti di una zuppa di cipolle, queste ultime proprio della rinomata località balneare di Tropea....
Dolci

Come preparare l'originale crema catalana

La crema catalana è un dessert tipico dei giorni di festa che si prepara in Catalogna, anche se ormai è facile trovarla nei menù di tutta Europa. Si tratta di un piatto caratterizzato da una soffice crema, ricoperta da uno strato di zucchero caramellato...
Consigli di Cucina

Come preparare l'aceto di birra

Esistono vari tipi di aceto in commercio ma quello dal gusto migliore è sicuramente l'aceto artigianale. La preparazione naturalmente varia a seconda di quale ingrediente viene utilizzato per la fermentazione. Ciononostante l'aceto fatto in casa rimane...
Cucina Etnica

Come preparare i fagioli alla messicana

Saper cucinare non è da molti, saper mangiare è da tutti. Grazie alla globalizzazione degustare piatti tipici dell'oltreoceano è possibile per tutti, anche per chi non può permettersi un viaggio nelle terre fantastiche ma lontane. Uno dei piatti preferiti...
Consigli di Cucina

10 modi di organizzare le pentole in cucina

Gli appassionati di cucina, così come i professionisti, tendono a collezionare utensili da cucina. Che siano pentole, padelle e ogni sorta di strumento possa sembrargli indispensabili per la cucina.  È vero che alcuni utensili sono davvero indispensabili,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.