Come preparare la frutta sciroppata

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La frutta sciroppata è un alimento dolce e conservato a base di frutta fresca. Alcuni la considerano una variante invernale della frutta di stagione, ma non è esattamente così; la frutta sciroppata, infatti, per l'elevato apporto energetico, l'alta concentrazione di zuccheri semplici e la lavorazione culinaria a cui è sottoposta, rientra appieno nella categoria dei dolci non grassi (ma comunque calorici). La frutta sciroppata, come dice la parola, è frutta conservata sotto sciroppo. Uno sciroppo fatto di acqua, acido citrico e zucchero che si può preparare a caldo, facendo bollire acqua e zucchero in pari quantità e colandolo sulla frutta una volta freddo. Ecco, allora, come preparare la frutta sciroppata.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • 2 kg di frutta non troppo matura
  • 6 limoni
  • 400 gr di zucchero
  • acqua
35

La preparazione è veramente semplice, ma richiede pazienza per pulire i frutti. A differenza delle marmellate e delle confetture, la frutta sciroppata richiede l'utilizzo di frutti integri, meglio se privi di ammaccature o abrasioni, tendenzialmente a media o scarsa maturazione, in modo che sia più resistente ai procedimenti termici a cui deve essere sottoposta. Si prestano a essere utilizzate le albicocche, le pesche, le prugne, le amarene, le ciliegie, le fragole, le pere e persino l’ananas. I frutti del tipo più grande vanno ridotti in quarti, dopo essere stati sbucciati e denocciolati, se il caso lo richiede. Fragole e ciliegie si usano intere, mentre l’ananas una volta sbucciato, va liberato dal torsolo centrale e tagliato a fette spesse almeno 1 centimetro. Quest’ultimo è l’unico frutto che è meglio scegliere già maturo. A seconda del tipo di frutta usato, si può scegliere se aromatizzarlo con della cannella, ad esempio come si fa per le pere, o con il maraschino nel caso delle amarene. Per le pere si può usare anche del cioccolato in polvere. Un'altra idea è quella di inserire mandorle spellate, direttamente nei vasi insieme alla frutta e lo sciroppo.

45

Dopo aver lavato benissimo la frutta, immergerla in acqua, a cui si è aggiunto il succo di due limoni. Scolarla e metterla in una casseruola sul fuoco con il succo filtrato dei limoni rimasti, lo zucchero, 1 litro di acqua. Portare ad ebollizione e, dopo 5 minuti, scolare la frutta, prendere i barattoli di vetro (già sterilizzati) e iniziare a disporre la frutta in un primo strato. Coprire spolverando con due cucchiai di zucchero; proseguire a strati nello stesso modo fino a raggiungere la sommità del barattolo. Sull'ultimo strato distribuire abbondante zucchero a coprire completamente la superficie.

Continua la lettura
55

Una volta finito, chiudere i barattoli ermeticamente e avvolgerli in teli di cotone ben stretti e disporli uno accanto all'altro in una pentola riempita per metà d'acqua. Mettere sul fuoco a fiamma media: l'acqua deve bollire per almeno 20 minuti e non più di 30. Trascorso il tempo spegnere il fuoco e lasciare i barattoli nella pentola a raffreddare: una volta freddi toglierli dalla pentola, asciugarli bene, controllando la tenuta della chiusura ermetica. Mettere a conservare la frutta sciroppata in un luogo fresco, asciutto, al riparo dalla luce.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come fare le mele sciroppate

La frutta è una componente essenziale di una dieta sana ed equilibrata. Consumare frutta giornalmente garantisce la salute e il corretto funzionamento dell'intestino. Ci ...
Consigli di Cucina

10 modi per utilizzare l'ananas

L'ananas è il frutto esotico più conosciuto e apprezzato nel nostro Paese. Oltre ad essere gustato come semplice frutta, esso può essere utilizzato in ...
Dolci

5 regole per una perfetta frutta candita

La frutta candita è molto usata in pasticceria e, in particolare, diventa un ingrediente fondamentale per alcuni dei dolci più famosi della nostra tradizione italiana ...
Dolci

Come preparare la crema bavarese

La crema bavarese è un dolce simile alla crema pasticcera, ma addensato con la gelatina o la colla di pesce invece della farina o dell ...
Dolci

Semifreddo: 10 ricette per tutti i gusti

Durante le calde giornate estive, cosa c'è di meglio che mangiare o bere qualcosa di fresco e delizioso? In questi casi, un bel semifreddo ...
Antipasti

Come fare la frutta grigliata

Un buon pasto che si rispetti, ricco e completo, deve includere tutte le migliori portate. Dall'antipasto al dolce, passando per primo e secondo, le ...
Dolci

Come preparare la torta mimosa all'ananas

La torta mimosa è il dolce associato alla festa della donna. Ottima nella sua variante più classica, che prevede una ricca crema pasticciera e l ...
Dolci

Ricette golose: torta all'ananas

Ecco una ricetta davvero semplice ma gustosa per preparare una torta all'ananas. Le dosi di ogni ingrediente sono calibrate al fine di ottenere una ...
Primi Piatti

Ricette vegetariane con il miglio

Se si sente parlare di miglio si è portati ad associare questo cereale al mangime utilizzato per nutrire gli animali. Non a caso, essendo ricco ...
Dolci

Come inzuppare il pan di spagna

La preparazione per il pan di spagna è facilissima, richiede solo alcune accortezze. Il risultato è ottenere una base morbida e spugnosa priva di grassi ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.