I consigli per una vera pizza napoletana

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La vera pizza, quella fragrante, condita con i migliori ingredienti, ma soprattutto, con la migliore mozzarella, lo sappiamo bene tutti, è quella napoletana! E se invece di andare a mangiarla in pizzeria, volessimo prepararla nella comodità delle nostre quattro mura? Ecco per voi la guida giusta. In questo articolo daremo alcuni consigli molto utili su come preparare una vera pizza napoletana, fermo restando che il tocco magico sarebbe quello di possedere un forno a legna. Non ce l'avete? Va bene, non disperate! Vedremo di fare del nostro meglio per farla assomigliare al massimo alla vera pizza napoletana. Seguite i consigli di seguito. Buon lavoro e buon appetito!!!

25

Occorrente

  • 450 g farina Manitoba,
  • 250 g acqua,
  • 3 g lievito di birra,
  • 5 g strutto,
  • 10 g zucchero,
  • 30 g uovo,
  • 15 g sale fino
35

Metodo di cottura consigliato

Il metodo di cottura ottimale per una pizza napoletana è senza dubbio il forno a legna, che con i suoi 450 gradi permette una cottura rapida. Purtroppo non tutti dispongono di uno spazio in giardino che possa ospitarlo, quindi dobbiamo ottimizzare le risorse casalinghe, seguendo i consigli pratici che vi andrò a spiegare in questa guida. Bisognerà prestare attenzione alla corretta preparazione dell'impasto che, data l'assenza del giusto forno, potrebbe dare problemi in fase di cottura. Ecco la ricetta per ottenere 3 ottime pizze partenopee.

45

Preparazione dell'impasto

L'impasto va lavorato con forza per dargli elasticità essenziale per stendere a mano e non con il mattarello la massa. Una volta ottenuto l'impasto dobbiamo farlo riposare coperto con un canovaccio umido per almeno 30 minuti. Trascorso il tempo dobbiamo fare con l'impasto le tre pieghe. Questa operazione consiste nello stendere la massa stessa con le mani e piegarla in tre partendo da sopra e chiudendo con la parte bassa, la più vicina al nostro corpo. Questo ripetuto per almeno tre volte. Alla fine la massa deve risultare liscia. Adesso i panetti vanno divisi in tre panetti minori e lasciati sotto il telo per farli lievitare per almeno 8 ore.

Continua la lettura
55

Diamogli la giusta forma

Allestiamo il forno. Quaranta minuti prima di iniziare a fare le pizze riscaldiamo il forno alla massima temperatura. Alziamo la griglia all'altezza massima del nostro forno, ricordiamoci che il calore tende naturalmente a salire. Mettiamo nel forno la pietra refrattaria, si può trovare in commercio anche nella versione tonda adatta per le pizze. Prendiamo la palla d'impasto e con le mani diamogli la forma tonda schiacciandola dall'interno verso l'esterno. Passiamo a condire la pizza con gli ingredienti a piacere: non potrà mancare ovviamente la mozzarella. Cuciniamo la pizza per almeno 7/8 minuti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

La vera pizza fritta napoletana.

Esiste un detto sulla città di Napoli: "vedi Napoli e poi muori". Da questa breve frase si capisce quanto Napoli colpisca il cuore di chi la visita; essa è un città piena di bellezza, ma tra le tante meraviglie partenopee, chi la visita sicuramente...
Pizze e Focacce

Come fare la pizza in padella con acqua e farina

La pizza in padella con acqua e farina è una ricetta molto fantasiosa e molto semplice da preparare e soprattutto non richiede una preparazione molto lunga. La pizza preparata mediante questa ricetta è un'ottima sostituta della pizza preparata nel forno...
Consigli di Cucina

I 5 migliori forni a legna per fare la pizza in casa

È l'alimento più conosciuto in tutto il mondo e, modestia a parte, è tutto italiano: nessuno riesce a preparare la pizza come noi e milioni di turisti scelgono il nostro bel paese anche per degustarne di squisite. In Italia abbiamo centinaia e centinaia...
Pizze e Focacce

5 cose da sapere sulla pizza

La pizza è un prodotto gastronomico salato tipico della cucina culinaria napoletana, e oggi è il prodotto più conosciuto della gastronomia italiana assieme alle paste alimentari. Il nome "pizza", ha ancora un origine sconosciuta, secondo alcuni deriverebbe...
Pizze e Focacce

Ricetta: pizza con salmone e rucola

Quando non sapevo cosa preparare per cena, non avendo voglia di preparare le classiche cose, ho pensato che ci sarebbe stata proprio bene una pizza, ma mi andava di preparare qualcosa di particolare... Ed allora, essendo un'amante del salmone e volendo...
Pizze e Focacce

Come preparare la pasta per la pizza

La pizza è uno degli alimenti preferiti sia dagli adulti che dai più piccoli. Spesso è capitato di mangiare la pizza in alcuni ristoranti e di non riuscire a digerirla per bene a causa di una cattiva o assente lievitazione. Per evitare un problema...
Pizze e Focacce

Ricetta: pizza ai fiori di zucca

La pizza, è risaputo in tutto il mondo, è uno degli alimenti più buoni e famosi della cucina italiana. Questa è una pietanza tipica della cucina napoletana, ma che poi si è diffusa in ogni parte del mondo dove ogni pizzaiolo cerca di variare alcuni...
Pizze e Focacce

Ricetta per una pizza sottile e croccante

La pizza è il prodotto gastronomico italiano per eccellenza, l'orgoglio del nostro Paese. La ricetta, originaria della Campania, nel corso degli anni è stata reinterpretata e rivisitata in mille modi, da regione a regione. La pizza Napoletana generalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.