Ricetta del pane fatto in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se decidiamo di fare del pane in casa, non bisogna essere abili in cucina ma avere soltanto alcuni ingredienti a disposizione. Infatti il pane che si ottiene, è un prodotto naturale da poter conservare con gli giusti accorgimenti per alcuni giorni, restando sempre soffice e fragrante. In questa guida, troverete quindi tutte le indicazioni sulla ricetta del pane fatto in casa.

26

Occorrente

  • 500 gr. di farina tipo 0
  • 300 gr. di acqua
  • 15 gr. di lievito sbriciolato
  • Un cucchiaino raso di sale
  • Un pizzico di malto
  • Un cucchiaio di olio
36

Procurarsi gli ingredienti

Innanzitutto dovete procurarvi gli ingredienti che sono veramente pochi: farina, sale, lievito e un pizzico di malto. La farina è l'elemento più importante, perché deve avere un'elevata capacità di assorbire acqua. Potete optare per quella professionale acquistabile nei supermercati, oppure per un mix tra farina 00 e quella tipo 0 come la farina Manitoba. Il lievito naturale va bene quello che si vende nei supermercati in panetti purché sia freschissimo, quindi importante è vedere la data di scadenza.

46

Lavorare l'impasto

Per incominciare la ricetta, prendete un bicchiere d'acqua tiepida e sciogliete all'interno il lievito unendo anche il malto per facilitare la lievitazione. Nel frattempo mettete in un recipiente la farina setacciata e l'acqua nella quale avete sciolto il lievito, e cominciate a lavorare l'impasto con un cucchiaio di legno fino a quando inizia a formarsi un composto omogeneo. Aggiungete poi il sale, l'olio e sempre l'acqua un po' alla volta. Dopo aver amalgamato gli ingredienti, trasferite l'impasto su di un tavolo preferibilmente di marmo, cosparso però di abbondante farina. Adesso continuate ad impastare per altri 20 minuti. Fatto ciò, create una palla e trasferitela in un recipiente infarinato e copritela con uno strofinaccio umido, lasciandola riposare in un luogo fresco ed asciutto.

Continua la lettura
56

Inserire il pane nel forno

Trascorse circa due ore il volume della pasta sarà raddoppiato, quindi mettete di nuovo il panetto sul tavolo e lavoratelo ancora per una decina di minuti, dopodichè tracciate dei taglietti a croce sulla superficie e lasciate ancora lievitare per un'altra ora. A questo punto inserite il pane in forno riscaldato a 200°C e lasciate cuocere per 40 minuti, fino a quando non diventa di un colore dorato. Dopo cotto toglietelo dal forno, e servitelo ai vostri parenti o amici che lo apprezzeranno sicuramente per la fragranza e l'odore. Infine il pane si può anche farcire a seconda dei gusti, mettendo nell'impasto dei pezzetti di mandorle, noci tritate o anche delle olive in modo da realizzare un pane gustoso, ed ideale anche come per fare degli stuzzichini.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'acqua in cui sciogliete il lievito deve avere una temperatura di 27°C. Non deve essere né troppo fredda e né troppo calda.
  • Conservare il pane in un luogo asciutto e fresco avvolto in una pellicola da cucina

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare la birra doppio malto

La birra doppio malto in realtà, come molti credono, non contiene una doppia dose di malto. È una birra semplicemente più alcolica (con un grado maggiore di 3,5%) e più zuccherina, dato che il saccarosio contenuto ha un tasso maggiore di 14,5 gradi...
Vino e Alcolici

5 modi per fare la birra in casa

Negli ultimi tempi si sceglie spesso il "fai da te" per risparmiare o per ottenere prodotti sicuri, almeno negli ingredienti, visto quante modificazioni non controllate si trovano in quelli che abitualmente compriamo. Inoltre è soddisfazione potere dire:...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra alla fragola

Si avvicina l'estate e il nostro corpo richiede sempre più acqua e bevande dissetanti. Fra queste, la birra è una delle bevande, fra le alcoliche, più amate. Fresca, leggera, digestiva, accompagna sia la nostra voglia di dissetarci, sia un aperitivo...
Vino e Alcolici

Come fare la birra senza luppolo

La birra che viene prodotta senza luppolo, anche nota come "gruit ale" sta vivendo un momento di crescente popolarità anche se non bisogna dimenticare che la sua preparazione, a differenza della bevanda "standard" è riservata a birrai esperti in quanto...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra di nocciole

Chi ha la passione della, birra dovrebbe sapere che esistono diverse alternative a quella classica. Se si hanno a disposizione gli strumenti necessari per la preparazione della birra artigianale, è possibile provare una gustosa birra alle nocciole. Una...
Consigli di Cucina

10 idee per usare l'orzo in cucina

L'orzo è un cereale da usare maggiormente in campo alimentare. Può essere utilizzato in diversi modi, trasformato in farina per realizzare dolci, tostato e macinato per fare il caffè d'orzo, tostato e liofilizzato per preparare velocemente bevande...
Antipasti

Come preparare le polpette di fave vegane

La cucina vegana prevede la preparazione di piatti conformi alle regole della dieta vegana, pertanto esclude totalmente l'uso di prodotti animali e loro derivati (carne, pesce, latticini, uova, miele e pappa reale). Per un approfondimento in merito alle...
Vino e Alcolici

Come fare la birra scura

Nota fin dai tempi più antichi, la birra scura è tra le bevande più consumate al mondo: ha un gusto deciso, un po' asprigno ma molto dissetante quindi se ne consuma tanta nelle afose serate estive. Al mondo, esistono diversi marchi storici ed enoteche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.