Ricetta: gnocchi al Castelmagno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida vedrete come realizzare nelle vostre cucine una ricetta sensazionale. Sto parlando degli gnocchi al Castelmagno. Castelmagno è un paesino stupendo locato in provincia di Cuneo, proprio in Piemonte. Gli gnocchi al Castelmagno sono proprio una specialità di questo comune. Pertanto, ecco come realizzarla.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • 1/2 cavolo
  • 1 cucchiaio di sale
  • 1 kg di carne di maiale
  • 1 mazzo di coriandolo
  • 3 cucchiai di salsa di soia
  • Zenzero grattuggiato
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 grandi uova
35

Preparate gli ingredienti

Per prima cosa, tagliate il cavolo e mescolate con il sale. Tagliate la mezza testa di cavolo trasversalmente, attraverso la radice. Tagliatelo in 2 quarti. Poi tagliate ogni quarto in strisce molto sottili, tagliando trasversalmente. Spostate le fette con il sale in una ciotola e mettetele da parte per 5 a 10 minuti. Spremete il liquido dal cavolo. Mentre viene a contatto con il sale, il cavolo inizierà a rilasciare liquidi. Quando è pronto, afferrate manciate di cavolo e fate uscire l'acqua. Trasferite il cavolo spremuto in un'altra terrina. Unite il cavolo con il resto degli ingredienti del ripieno. In una ciotola con il cavolo spremuto, aggiungete la carne di maiale macinata. Successivamente anche lo scalogno affettato, il coriandolo, la salsa di soia e lo zenzero. Infine, versate olio di sesamo e le uova.

45

Realizzate l'impasto

Lavorate l'impasto con le mani fino a che non diventa compatto. Preparate lo spazio di lavoro per gli gnocchi al Castelmagno. Fate un grande spazio sul bancone. Prendete una piccola ciotola di acqua, la ciotola di riempimento. Quindi posizionate anche un foglio di carta da forno rivestito nelle vicinanze. Aprite la confezione di involucri dello gnocco al Castelmagno. Organizzatene un paio nell'area di lavoro di fronte a voi. Mettete 1 cucchiaio scarso di ripieno su ogni involucro dello gnocco al Castelmagno. Non esagerate con la farcitura, perché potreste rendere gli gnocchi difficili da piegare. Inumidite il bordo del involucro con acqua. Immergete il dito nella ciotola di acqua e passatelo intorno al bordo degli gnocchi al Castelmagno. Ciò contribuirà a sigillare. Piegate gli gnocchi al Castelmagno a metà.

Continua la lettura
55

Cuocete gli gnocchi

Sollevate gli gnocchi al Castelmagno dal piano di lavoro e piegateli a metà. Premete la parte superiore chiusa. Fate una piega in entrambi i lati. Per questo utilizzate i pollici opposti per creare una piccola piega su entrambi i lati degli gnocchi al Castelmagno. Quindi premete con forza per sigillare gli gnocchi al Castelmagno chiusi. Potrebbe essere necessario tamponare con un po' d'acqua. Ripetete con tutti gli involucri e il ripieno. Infine, cuocete o congelate gli gnocchi al Castelmagno. Si possono cucinare gli gnocchi immediatamente, o congelarli sulla teglia. Una volta congelati diventano solidi solidi. Raccoglieteli in un contenitore per il freezer. Potrete tenerli congelati per un massimo di 3 mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come preparare i fagottini di lonza farciti al castelmagno

Se desiderate preparare un secondo piatto gustoso da accompagnare con la polenta o con fette di pane abbrustolito, ecco a voi i fagottini di lonza ...
Primi Piatti

Ricetta: il risotto al Castelmagno

Se decidiamo di fare una cena con degli amici, possiamo preparare un primo piatto gustoso e al tempo stesso originale; infatti, si tratta del risotto ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchetti al cavolo nero con fonduta di taleggio

Tra i tanti piatti che possono essere serviti in tavola come alternativa alla classica pasta, gli gnocchi detengono un posto d'onore poiché piacciono quasi ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi con ricotta, radicchio e speck

In questo tutorial di cucina vedremo come preparare un primo piatto che però può essere considerato anche un piatto unico: gli gnocchi con ricotta, radicchio ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi ripieni di carne

Ecco pronta una nuova ricetta, mediante la quale essere in grado di imparare come preparare dei buonissimi gnocchi, diversi dai classici che siamo abituati a ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi ripieni ai formaggi

Gli gnocchi di patate sono tra le ricette più diffuse della cucina tradizionale italiana e, apprezzate in tutto il mondo. Secondo la ricetta classica le ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi alla crema di ricotta

Gli gnocchi sono un primo piatto molto saporito che si può condire in tanti modi. Il classico condimento degli gnocchi è la salsa al pomodoro ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi di broccoli

Gli gnocchi come i tortellini sono un classico della cucina italiana e, presentano un infinito numero di varianti regionali. Aggiungiamo che, inizialmente di trattava di ...
Primi Piatti

Risotto al barolo, salsiccia e mele

Il risotto al barolo è un piatto tipico piemontese. Questa ricetta nasce in questa regione, grazie ai vigneti che popolano la zona delle Langhe, nei ...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchi con spinaci e pomodorini

In cucina vengono preparati molteplici piatti. Infatti dal primo al secondo piatto, e per ultimo il dessert, ci si può sbizzarrire. Le ricette riguardanti il ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.