18

Ricetta: involtini di pesce spada alla messinese

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Gli involtini di pesce spada alla messinese sono un classico secondo della cucina tradizionale siciliana. Gli ingredienti per la preparazione della ricetta ricordano i profumi e i sapori tipici del mediterraneo. Perfetti per un pranzo o una cena con un menù composto da piatti della gastronomia isolana, sono ottimi dopo un antipasto e un primo preparati con pesce freschissimo. Il piatto può essere cucinato in brevissimo tempo (tra preparazione e cottura occorrono più o meno venti minuti) e, seppure apprezzato in ogni stagione dell'anno, è l'ideale soprattutto per un pasto primaverile o estivo.

28

Occorrente

  • 10 fette di carpaccio di pesce spada
  • 2 spicchi di aglio
  • 8 cucchiai di mollica di pane grattugiato (o pangrattato)
  • 3 cucchiai di formaggio grattugiato (grana o parmigiano)
  • Prezzemolo, olio extravergine di oliva, sale e pepe q.b.
  • Una manciata di pinoli
  • Per l'emulsione: 250 ml di olio extravergine di oliva, 2 limoni, prezzemolo, origano.
38

Su di un tagliere, cominciate a preparare un trito di aglio e prezzemolo (se volete facilitarvi il lavoro, utilizzate la mezzaluna e farete meno fatica). In una ciotola, mettete ora la mollica di pane grattugiata finemente e aggiungete anche il formaggio. Potete utilizzare in alternativa il pan grattato già pronto, ma in questo caso otterrete un ripieno più croccante e meno morbido. Mescolate il composto e inumiditelo versando dell'olio extravergine di oliva (quanto ne basta per rendere la farcia abbastanza malleabile e compatta). Aggiustate di sale e pepe e mettete da parte.

48

Nel frattempo, in una padella, meglio se antiaderente, fate rosolare uno spicchio d'aglio intero in qualche cucchiaio di olio, giusto il tempo di far prendere all'olio un pochino di sapore. Unite dopo un paio di minuti una manciata di pinoli (e rimuovete l'aglio). Aggiungete ora un paio di fette di spada tagliate a pezzetti e fate cuocere a fiamma moderata per circa cinque minuti. Trascorso il tempo indicato, trasferite il pesce e i pinoli nella ciotola con il composto di pangrattato e mescolate, amalgamando bene tutti gli ingredienti.

Continua la lettura
58

Prendete adesso le fette intere di spada, ponetele sul tagliere e, con l'aiuto di un cucchiaio, cominciate a spalmare la farcia preparata in precedenza. Arrotolate tutte le fette in modo da formare un involtino e fermatele con uno stuzzicadenti, per evitare che si aprano durante la cottura. Inumidite gli involtini esternamente con un filo d'olio e passateli nello stesso composto che avete usato per il ripieno. Accendete adesso la griglia e, quando sarà ben calda, cuoceteli a fuoco moderato (basteranno cinque minuti in tutto).

68

Intanto, preparate un'emulsione che servirà per profumare ancora di più il piatto ed esaltare il sapore del pesce. In una ciotola, sbattete con una frusta l'olio e, senza smettere di mescolare, versate pian piano mezzo bicchiere di acqua calda e il succo di due limoni. Terminate aggiungendo una generosa manciata di prezzemolo fresco tritato finemente e un pizzico di origano. Potete utilizzare la salsina direttamente così, ma volendo si può anche scaldare per qualche minuto in modo che diventi più densa.

78

Per la presentazione, disponete qualche foglia di lattuga (non necessariamente condita) su un vassoio e adagiatevi gli involtini (privati degli stuzzicadenti) sistemati a raggiera. Irrorate il piatto versando qualche cucchiaio dell'emulsione, che lascerete comunque in tavola in modo da permettere ai commensali di dosarne a piacere le quantità. Accompagnate gli involtini con un'insalatina fresca e leggera, preparata con finocchi tagliati a julienne e pezzetti di arance pelate a vivo, il tutto condito semplicemente con un pizzico di sale e un filo di olio.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete aggiungere al ripieno degli involtini anche qualche cappero.
  • E' possibile cuocere gli involtini anche in forno
  • Le dosi indicate vanno bene per 4 persone (2 involtini a testa)
15

Come fare il pesce spada gratinato olive e capperi

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Esistono alcuni piatti che nonostante siano semplici da preparare risultano essere assai gustosi ed anche belli da vedere, in questa lista ce ne sono un bel po' che si potrebbero prendere in considerazione. Abbiamo però deciso di puntare su quella che riguarda il pesce spada gratinato con olive e capperi, così nella guida che qui sotto ci sarà modo di poter leggere, sarà ben spiegato come fare per realizzare la ricetta culinaria.

25

Occorrente

  • 4 filetti di pesce spada
  • 40 g di capperi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 50 g di prezzemolo
  • Origano, sale, pepe, burro e olio extravergine d'oliva q.b
  • 50 g di pomodori pachino
  • 200 g di pangrattato
  • olive
35

La prima cosa da fare sarà il lavaggio delle fette di pesce spada andando poi ad asciugarne una alla volta, fatto ciò si potrà così passare all'impanatura con l'impasto che andrà a breve realizzato. Il primo ingrediente sarà il pangrattato che si potrà sia comprare che preparare con il pane raffermo grattugiato. Con quest'ultima soluzione si avrà una panatura più consistente che renderà il tutto più croccante quando il pesce spada sarà cotto. Si passerà poi alla tritatura dell'aglio che lo si dovrà rendere molto fine, stessa operazione riceveranno sia i capperi che l'aglio che così non andranno ad invadere la panatura che si sta creando. Una volta realizzato ciò si potranno aggiungere tali ingredienti al pangrattato e laddove lo si preferisce anche il sale ed il pepe.

45

Al composto realizzato andrà poi aggiunto dell'olio extravergine d'oliva che farà in modo da legare bene tutti gli altri ingredienti, ultimando così la panatura, si potrà passare a pensare al pesce spada. Le fette di quest'ultimo andranno impanate una per volta dove ci sarà l'aggiunta dei pomodorini che devono essere tagliati a pezzi e delle olive, questi due ingredienti andranno ad insaporire il pesce spada gratinato che si sta preparando. Per essere messo nel forno occorrerà utilizzare una carta forno dove poter delicatamente adagiare le fette di pesce spada che sono state preparate. La sua cottura in forno durerà per circa 10 minuti e la temperatura dovrà essere di 180 gradi, tenendo conto però che il minutaggio dipende dallo spessore delle fette.

.

Continua la lettura
55

Se si vuole rendere la panatura ancora migliore, il consiglio che viene facile dare sarà quello di utilizzare una noce di burro, essa andrà spalmata sulle fette di pesce spada prima che vengano messe nel forno. Tale azioni porterà la crosta che si forma avrà più sapore e sarà anche più croccante, dalla doratura che essa avrà, si potrà capire se è il piatto preparato è pronto per essere gustato. Si consiglia inoltre di servirlo quando è ancora caldo perché mantiene ancor meglio il suo gusto prelibato.

19

Ricetta: medaglioni di pesce spada con sfoglia di patate

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

In questo tutorial parleremo di come realizzare la ricetta con i medaglioni di pesce spada e la sfoglia di patate. Il pesce spada rappresenta un tipo di pesce molto pregiato, anche se è facilmente reperibile ed abbastanza diffuso in commercio. Pertanto, è un pesce tra i più apprezzati sulle tavole italiane. Grazie alle sue carni compatte, che ricordano le bistecche di carne, si presta alla perfezione a differenti tipologie di preparazioni assolutamente impossibili per altri filetti di pesce. Proprio a causa del suo pregio, ovviamente presenta un costo molto elevato, ed in fase di acquisto è molto importante saper distinguere il vero pesce spada, dall'aspetto fresco, rispetto agli altri tipi di tagli. Nella ricetta che vi proponiamo a seguire, illustreremo come preparare una ricetta assolutamente fresca, molto sostanziosa ed altrettanto gustosa. Stiamo parlando dei medaglioni di pesce spada ricoperti da una sfoglia di patate. Veniamo, dunque, nel vivo della preparazione.

29

Occorrente

  • 700 g di pesce spada in tranci
  • 5 patate medie
  • Erbe aromatiche a piacere
  • 150 g di pan grattato
  • Sale
  • Olio extravergine d'oliva
39

Come abbiamo appena accennato in sede di introduzione, è di fondamentale importanza, visto anche il costo non indifferente, sapersi destreggiare nel migliore dei modi al momento dell'acquisto di questo pesce. Per prima cosa, è necessario chiedere al proprio pescivendolo di fiducia di affettare i vari tranci di filetto sotto i nostri occhi, in modo tale da poter verificare che stia realmente vendendo del pesce spada, e non altre specie. In secondo luogo, è fondamentale verificare la freschezza del pesce stesso, osservando una serie di caratteristiche generali. Una di queste è sicuramente la polpa, che deve essere di color bianco, tendente al rosa, e deve presentare una striatura di colore più scuro attorno alla vertebra centrale. Nel caso in cui la carne dovesse presentare delle striature rosse, queste sono sinonimo di una scarsa freschezza del pesce. Invece, se il colore dovesse essere opaco e scuro, vuol dire che ci troviamo di fronte ad un esemplare adulto.

49

A questo punto, possiamo asciugare i tranci tramite della carta da cucina, per poi stenderli su un tagliere e ricavarne dei medaglioni di forma tondeggiante. Per eseguire tutto questo, è buona regola concentrarsi sulla parte superiore del trancio, ossia quella intera, che grazie alla sua compattezza è sicuramente la più adatta per le preparazioni come le grigliate, le bistecche, le tagliate ed i medaglioni. Le due estremità più sottili, invece, sono le più adatte per i primi piatti e per le preparazioni macinate e sminuzzate.

Continua la lettura
59

È possibile ricavare i medaglioni aiutandosi con uno stampo. In questo caso, occorre utilizzare un comune anello coppa-pasta, anche se un qualsiasi stampo per dolci o un bicchiere rovesciato fanno perfettamente al proprio caso. Una volta che sono stati ricavati i medaglioni, è necessario asciugarli nuovamente, impanandoli lievemente con del pan grattato, per poi metterli da parte. Se si desidera, prima di procedere con la fase di impanatura è anche possibile insaporire il pan grattato, aggiungendovi del prezzemolo tritato in maniera molto fine.

69

Successivamente, è necessario provvedere alla preparazione delle patate. Pertanto, occorre sbucciare e lavare quattro o cinque patate di medie dimensioni, per poi affettarle a pezzetti rotondi ed abbastanza sottili, per poi distribuire al di sopra dei medaglioni, tentando di non lasciare degli spazi vuoti e ricoprendo completamente il pesce, come a formare una sorta di sfoglia. Nel caso in cui le patate dovessero essere abbondanti, è possibile creare anche due strati. A questo punto, è buona regola aggiungere un pizzico di sale e delle erbe aromatiche in base ai propri gusti personali. In questo contesto andremo ad utilizzare dell'origano, del timo e della salvia, per poi aggiungere sulle patate anche una spolverata di pan grattato.

79

Come ultimo procedimento, occorre infornare la propria teglia in forno statico alla temperatura di 200 gradi centigradi per circa venticinque minuti di tempo, verificando il livello di cottura delle patate con buona frequenza. Nel caso in cui si dovesse riscontrare che queste tendono ad asciugarsi eccessivamente, è buona regola abbassare la temperatura a 180 gradi centigradi, per poi lasciare procedere per qualche minuto in più, in modo tale da favorire che anche la polpa del pesce spada non si asciughi diventando secca e sgradevole. Una volta cotto, è consigliato servirlo in tavola ancora caldo. Non rimane altro da fare che gustare questa pietanza, in grado di deliziare anche i palati più esigenti. Infine, è doveroso fare una raccomandazione circa suo consumo. Il pesce spada presenta elevate dosi di metalli pesanti, tra cui il mercurio. Per questa ragione si tende a limitare la sua assunzione da parte dei bambini e delle donne in stato di gravidanza.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I ritagli di polpa che saranno avanzati dopo aver tagliato via i medaglioni non vanno buttati via: possono essere ridotti a dadini e utilizzati per preparare un primo piatto, oppure macinati per la preparazione di gustose polpette di pesce.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
17

Come preparare il pesce spada in agrodolce

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Un secondo molto gradito da tutti è il pesce spada. Di questo pesce, si possono preparare tanti tipi di ricette e aggiungerlo in qualsiasi menù. Dal punto di vista gastronomico ha carni molto sode ed eccellenti. Tanto che, In tranci o a pezzi si presta a un'infinita di preparazioni. Cucinandolo al cartoccio, in umido e alla griglia, da vita a piatti sempre gustosi. Un' altra preparazione che lo rende altrettanto saporito, è quello fatto in agrodolce. Questa è una preparazione abbastanza facile, ma che richiede un po' di tempo. Nella seguente guida vi spiego come preparare il pesce spada in agrodolce.

27

Occorrente

  • 400 g di pesce spada in tranci
  • 1 Spicchio di aglio
  • Mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • Origano
  • 2 cipolle rosse
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco
  • 5 g di zucchero
  • 1 cucchiaino di salvia
  • Olio extravergine d'oliva
  • sale e pepe
37

Preparare le cipolle

La prima cosa che dovete fare è quella di preparare le cipolle. Quindi, togliete la buccia e lavatele. Mettetele su un piano di lavoro e tagliatele a metà e poi a striscioline. Prendete una padella e fate scaldare l'olio extravergine di oliva. Unite le cipolle e fatele rosolare per cinque minuti. Dopo, aggiungete cinque grammi di zucchero, due cucchiai di aceto bianco e mescolate. Mettete il sale, il pepe e fate rosolare per circa quindici minuti a fuoco moderato. Aggiungete il coperchio e ogni tanto scoperchiatele e giratele. Versate quindi, uno spruzzo di vino bianco secco e continuate a cucinare. Fino a quando risultano leggermente caramellate. Versate un filo d'olio e spegnete il fuoco. Una volta pronte, mettetele dentro una ciotola. Queste cipolle vi serviranno per fare l'agrodolce al pesce spada. Nel prossimo passo vi spiego come prepararlo.

47

Preparare e marinare il pesce spada

Proseguite occupandovi di preparare il pesce spada. Quindi, eliminate la pelle del pesce spada e affettatelo in due tranci. Questi devono risultare di dimensioni uguali e pesare duecento grammi per uno. Per tagliarlo potete adoperare un coltello affilato. Oppure, usare l'affettatrice. Ma, prima di fare questo lavoro, mettete il pesce in freezer per almeno un'ora. Una volta, tagliato mettetelo in una terrina. Aggiungete il vino, l'origano, l'aglio, il sale, il pepe e lasciatelo marinare. Passato il tempo di riposo, prendete una bistecchiera e fatela riscaldare sul fuoco.

Continua la lettura
57

Cuocere il pesce spada

A questo punto, aggiungete dell'olio sopra la piastra. Spargetelo tutto intorno e togliete l'eccesso con della carta assorbente. Quando la bistecchiera emetterà un leggero fumo, mettete sopra i due tranci di pesce spada. Fateli cuocere per bene dal primo lato. Dopodiché, girateli e cuoceteli dal secondo. Tenete il pesce spada da questa parte, finché risulta cotto. Trascorso il tempo, controllate se il pesce spada ha raggiunto la doratura giusta e spegnete il fuoco. Mettetelo su un piatto e aggiungete sopra le cipolle in agrodolce. Infine, servite a tavola.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La cottura della carne del pesce spada deve essere sempre molto breve, se prolungato, la carne si asciuga e diventa stopposa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.