Ricetta: la Sangria

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La sangria è una bevanda alcolica a base di vino, frutta e spezie, tipica della penisola Iberica. Si è diffusa intorno al 1800 e negli anni la ricetta si è sviluppata e modificata, diversificandosi di regione in regione, tanto che ne esistono numerose varianti. È comunemente caratterizzata da sapore dolce e colore rosso intenso, che ricorda il sangue ("sangre" in spagnolo), da cui il nome. È l'ideale per accompagnare gli aperitivi ed è molto semplice da preparare in casa, ci basterà seguire la ricetta illustrata nei passi seguenti!

26

Occorrente

  • Vino rosso
  • Arancia
  • Pesca
  • Rum
  • Cannella
  • Zucchero
  • Limone
  • Gassosa o soda
36

Prendiamo una caraffa di vetro della capienza di due litri e versiamoci la bottiglia di vino rosso scelta. Aggiungiamo nella caraffa 5 cucchiai di zucchero e la punta di un cucchiaino di cannella in polvere, mescolando molto bene. Per un sapore più intenso e speziato possiamo mettere in infusione nel vino anche 5 o 6 chiodi di garofano e un baccello di vaniglia.
Prendiamo delle arance molto succose, spremiamole e filtriamo il succo. Per un litro di vino dobbiamo aggiungere almeno 150 ml di succo di arancia.

46

I tipi di frutta che possiamo usare sono molti e variano a seconda della stagione e della regione.
La ricetta tradizionale prevede l'utilizzo di limoni, pesche e arance, ma possiamo aggiungere anche mele, pere e fragole; al contrario, meglio evitare le banane, che rendono torbido il vino.
Scegliamo quindi 4 pesche sode (come quelle che si usano per fare le pesche sciroppate) e tagliamole a cubetti medi, tenendone una da parte per ricavare degli spicchi da usare per la decorazione. Prendiamo due arance e con un coltellino affilato priviamole delle due calotte, tagliamole a fettine sottili e mettiamole nella caraffa con il vino. Tagliamo la scorza di un limone (facendo attenzione a non tagliare anche la parte bianca, altrimenti la sangria avrà un retrogusto amaro) e mettiamola in infusione.

Continua la lettura
56

Aggiungiamo un bicchierino di brandy o rum, mescoliamo molto bene e lasciamo riposare per 3 ore in frigorifero, oppure aggiungiamo del ghiaccio tritato, in modo da servire la sangria molto fredda. Infine, rimuoviamo la scorza del limone e aggiungiamo una bottiglia di soda o gassosa, servendo nei calici (o bicchieri alti) sia vino che frutta.
Possiamo mettere a disposizione degli ospiti degli stuzzicadenti decorati (come i classici ombrellini) per permettere loro di mangiare i cubetti di frutta, ma facciamo attenzione, sono la parte più alcolica della sangria! Per una serata spagnola all'insegna della nostalgia possiamo servire piccole porzioni di antipasti di vario tipo, a ricordare le classiche "tapas".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Possiamo aggiungere anche altri tipi di frutta, come mele, pere e fragole

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Preparare la sangria di vino bianco

Le origini della sangria, bevanda caratteristica della penisola iberica, sono molto semplici: essa veniva preparata con del vino, spesso non di altissima qualità, nel quale veniva aggiunta della frutta per rafforzare la gradazione alcolica. Si tratta...
Consigli di Cucina

Consigli per una perfetta sangria

Se in occasione di una festa, ma anche per accompagnare i nostri pasti estivi intendiamo preparare una classica sangria (tipica bevanda spagnola), per ottenerne una davvero doc e dal gusto raffinato, è il caso di aggiungere alcuni ingredienti oltre...
Vino e Alcolici

Come realizzare un'ottima sangria in casa

La sangria è una bevanda alcoolica spagnola, conosciuta e bevuta in tutte le parti del mondo. È una bevanda fresca e dissetante poiché è a basa di vino, zucchero e frutta. Il suo nome Sangria deriva dal termine spagnolo "sangre" ovvero sangue in virtù...
Consigli di Cucina

5 modi per fare la sangria

Se dico Spagna a cosa pensi? Sangria! La sangria è la bevanda alcolica spagnola per eccellenza, presente in diverse varianti. Gusto intenso, speziato e fruttato, è una bevanda rinfrescante, per questo ideale se bevuta la ghiacciata. Si presta molto...
Vino e Alcolici

Come preparare il rebujito

Con l'arrivo dell'estate e del caldo afoso tutti siamo alla ricerca di qualcosa di fresco e dissetante per il nostro corpo soprattutto quando usciamo per un aperitivo o per una serata fra amici. Molto spesso cerchiamo la giusta soluzione fra un cocktail...
Vino e Alcolici

10 cocktail alcolici

Nell'organizzazione di una festa tra amici sarebbe utile, qualora non si volesse ingaggiare un barman, conoscere la preparazione di vari cocktail. Cosi da poter anche reperire ed eventualmente comprare tutti gli ingredienti giusti. Vediamo, quindi, 10...
Consigli di Cucina

5 consigli per macerare la frutta

Quando si pensa alla macerazione della frutta torna sicuramente subito alla mente la sangria, la celebre bevanda spagnola a base di frutta e vino rosso. La sangria però non è l'unica ricetta che prevede la macerazione della frutta: esistono anche moltissime...
Vino e Alcolici

Come scegliere cocktail da abbinare al pasto

I cocktail rappresentano un ottimo modo per intrattenere gli ospiti in attesa che sia pronto in tavola: offrendone uno si crea subito un clima di amichevole goliardia e si socializza meglio con un bicchiere di profumata bevanda in mano ma bisogna fare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.