Ricetta: le pappardelle al cinghiale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se avete intenzione di preparare un piatto di pasta particolare, potete cimentarvi nell'elaborazione di una gustosa ricetta a base di pappardelle al cinghiale. Si tratta di una pietanza dal sapore unico, e che si sposa benissimo con l'aromatica carne di questo pregiato animale. In riferimento a ciò, ecco una guida in cui ci sono tutte le istruzioni dettagliate su come procedere.

25

Occorrente

  • 500 gr. di pappardelle fresche
  • 500 gr. di polpa di cinghiale
  • Cipolla 1
  • Carota 2
  • Vino rosso 50 ml.
  • Misto per soffritto q.b.
  • Erbe e aromi q.b.
  • Concentrato di pomodoro (un cucchiaio abbondante)
35

Marinare la carne

Innanzitutto è importante sapere che il cinghiale richiede dei tempi di cottura abbastanza lunghi, e la prima cosa da fare consiste nella rimozione di tutte le parti grasse presenti nella carne. Fatto ciò, prendete i pezzi e adagiateli in una zuppiera con all'interno del vino rosso accompagnato da carota, bacche di ginepro, alloro, chiodi di garofano, aglio, gambi di prezzemolo, cipolla e sedano. Non vanno invece aggiunti sale e pepe, bensì soltanto della paprika se preferite ottenere un gusto piuttosto piccante. Il contenitore con all'interno la carne di cinghiale da marinare, va poi riposto nel frigo per una notte intera.

45

Aggiungere le spezie al sugo

Passate le 12 ore, la carne va tolta dalla marinatura e poi tritata. La tradizione vuole che questo trito venga fatto a mano, con tanta pazienza e cura, ma nulla vieta di velocizzare la procedura usando un mixer. All'interno di una pentola si mette un filo di olio d'oliva, lo si fa scaldare e si aggiunge un misto per soffritto. Si attende qualche minuto, e si aggiunge anche la carne tritata. In questa fase la fiamma si tiene alta e la carne si lascia rosolare leggermente, badando a mescolare il tutto con un cucchiaio di legno. Si aggiunge poi qualche spezia se è gradita oppure semplicemente un dado vegetale o alle verdure, e si continua con la cottura tenendo sempre la fiamma bassa. Verso la fine potete aggiustare il sugo con pizzico di sale ed aggiungere anche un concentrato di pomodoro, facendo cuocere ancora per almeno un altro paio di ore. Bisogna dire che, questa fase di cottura, può durare molto a lungo ed il sugo non sarà pronto prima che siano trascorse almeno 2 ore.

Continua la lettura
55

Cuocere le pappardelle

All'interno di una pentola si versa dell'acqua e un pizzico di sale, si attende l'ebollizione e poi si buttano le pappardelle. Queste si lasciano cuocere per circa 10 minuti, per poi scolarle al dente. Fatto ciò, si dispongono in un piatto da portata e si condiscono con il sugo di cinghiale appena preparato. Infine per dare un tocco ancora più gustoso, si può anche spolverare del parmigiano grattugiato oppure semplicemente aggiungere della noce moscata fresca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di cinghiale e porcini

Vi sono piatti culinari che vengono tramandati da generazioni: sono quelli preparati dai chi vive nelle montagne dove la caccia e la raccolta dei funghi è una normale tradizione. Il cinghiale è un animale molto apprezzato nella preparazione di ottimi...
Carne

5 modi per cucinare il cinghiale

La carne di cinghiale la si può utilizzare per la preparazione di tantissime ricette. Infatti è possibile preparare con essa gustosissimi primi e secondi piatti. Questo tipo di carne ha un sapore molto deciso, tipico della selvaggina. Ad ogni modo vediamo...
Carne

Come fare il cinghiale in agrodolce

Spesso i piccoli cinghiali, ritenuti particolarmente gustosi dagli intenditori, vengono arrostiti interi, previa eviscerazione. La qualità e i tagli della carne corrispondono a quelli del maiale. Per la loro polposità vengono prediletti i tagli della...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle ai fiori di zucca

Quando si tratta di cucina, gli italiani possono sfoggiare con orgoglio una cultura immensa. Il patrimonio gastronomico della penisola è letteralmente senza pari. Un gran vanto di tale ricchezza è la regina delle nostre tavole: la pasta. Un alimento...
Primi Piatti

Ricetta: lasagne al cinghiale

Le lasagne sono uno dei piatti più apprezzati da noi italiani, ma non solo. Sono diventate famose in tutto il mondo e vengono in qualche modo imitate. Si possono fare differenti versioni delle lasagne, una di queste è con la carne di cinghiale. Il cinghiale...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli di cinghiale

Preparare i ravioli di cinghiale richiede tempo ed impegno, ma il risultato vi darà sicuramente delle grandi soddisfazioni. Seguendo i passi della ricetta potrete realizzare un piatto gustoso, dal sapore deciso e dal profumo avvolgente. Vediamo allora,...
Antipasti

Ricetta: polenta al ragù di cinghiale

La polenta è un cibo entrato a far parte da tempo della cultura culinaria italiana sopratutto nei paesi del nord, ma si prepara in tutta Italia sopratutto nelle stagioni più fredde. Ancora di più è consumata in inverno col clima molto rigido servita...
Primi Piatti

Come cucinare il sugo al cinghiale

Il cinghiale è un mammifero che vive nei boschi. Esso si nutre di radici, tuberi, ghiande, insetti e piccoli mammiferi e da sempre viene cacciato per la sua carne molto saporita, il che ha contribuito a ridurre la sua diffusione. La carne del cinghiale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.