Ricetta per la trippa alla fiorentina

tramite: O2O
Difficoltà: media
Ricetta per la trippa alla fiorentina
15

Introduzione

La trippa alla fiorentina è un piatto tipico delle trattorie, ma presente anche in alcuni ristoranti molto rinomati. Con questa ricetta, che vede l'aggiunta finale del parmigiano grattugiato, anche un ingrediente che può destare qualche perplessità come la trippa appunto, risulta essere gradevole al palato e decisamente invitante. A tale proposito, nei passi successivi di questa guida vediamo come preparare la trippa alla fiorentina.

25

Occorrente

  • 800 gr trippa precotta
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 2-3 coste di sedano
  • 400 gr pomodori pelati
  • sale e pepe
  • Parmigiano grattugiato
35

Lavare la trippa

Prima di iniziare assicuriamoci che la trippa sia precotta (come quella confezionata nei supermercati), altrimenti dovremmo lavarla con molta cura e lessarla, ma questo procedimento è lungo e quindi di non facile esecuzione. Fatta questa importante premessa cominciamo quindi a prendere la trippa e laviamola accuratamente sotto l'acqua corrente, dopodiché tagliamola a striscioline larghe circa un centimetro e mettiamole a scolare in uno scolapasta.

45

Cuocere la trippa

Possiamo trovare in commercio anche pratiche confezioni di trippa precotta già tagliata: in questo caso ci basterà soltanto lavarla molto bene e poi metterla comunque a scolare nello scolapasta. Detto ciò, adesso prepariamo un bel trito utilizzando dell'abbondante sedano, una carota e la cipolla. Sarà meglio però non eccedere con la carota, altrimenti rischiamo di ottenere un piatto troppo dolce, visto che di per sè, la trippa ha già un sapore piuttosto dolciastro. A questo punto in un tegame, facciamo soffriggere in un poco di olio il trito preparato, finché la cipolla non appassisce e diventa della dorata. Aggiungiamo infine la trippa, e poi facciamola insaporire, arricchendola anche con del succo di pomodoro, e regolandola poi di sale e pepe, oppure in sostituzione di quest'ultimo di paprika in polvere. A questo punto facciamola cuocere a fuoco lento per circa 35 minuti, ovvero finché il liquido non si sia del tutto ritirato e la trippa rimanga avvolta in una soffice cremina.

Continua la lettura
55

Impiattare la trippa

Una volta cotta la trippa si può impiattare ben calda, e a seconda delle preferenze e dei gusti personali si può accompagnare accompagnata con un'abbondante spolverata di parmigiano, e magari con un contorno di patate lesse oppure di una purea. Infine è importante precisare che se la ricetta vien ben preparata, si ottiene anche una cremina che ritorna utile come antipasto e cioè spalmandola su del pane opportunamente abbrustolito, oppure usando dei piccoli crostini già pronti. Ideali per arricchire un buffet a base di tartine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come preparare la trippa alla romana

La trippa alla romana rappresenta senza dubbio uno dei piatti tipici della tradizione gastronomica dell'Italia centrale e in particolare del Lazio. Si tratta essenzialmente di una ricetta davvero piuttosto semplice da preparare e anche molto economica....
Primi Piatti

Trippa alla romana: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale della trippa alla romana è un classico della cucina italiana. Il sapore è deciso e sicuramente inconfondibile. Tutti gli ingredienti sono mixati alla perfezione, dal guanciale, al pomodoro fino alla freschissima menta. Immancabile...
Carne

Come cuocere la trippa di manzo

La trippa è un alimento che affonda le sue radici nella notte dei tempi, si tratta infatti di un piatto con origini molto antiche. In ogni regione è possibile trovare numerose varianti per cucinare questo piatto come ad esempio alla milanese, alla romana...
Primi Piatti

Maccheroni con la trippa

La trippa viene ricavata dallo stomaco del bovino. Nella tradizione italiana, era considerato un piatto povero ma allo stesso tempo molto diffuso. Infatti sono numerosissime le ricette che prevedono l'utilizzo della trippa. La cucina savonese propone...
Carne

Come preparare la trippa alla bolognese

La trippa alla bolognese è un piatto tipico della tradizione romagnola che viene preparato in inverno. Ha un sapore ricco e può essere servita anche come piatto unico se si accompagna con polenta calda oppure con un abbondante contorno di verdure stufate....
Carne

Come preparare la trippa alla canadese

La trippa è uno dei piatti tipici della tradizione culinaria romana. Molti non sanno che però questo piatto è diffuso anche all'estero e si presenta in tantissimi modi diversi. La trippa, al contrario di quello che si potrebbe pensare, non è affatto...
Carne

Come preparare gli involtini di trippa

In questa guida forniremo alcuni semplici consigli su come preparare gli involtini di trippa in modo facile e veloce, ottimizzando al massimo tempo ed energie. Si tratta di una ricetta tipica della regione Lazio che richiede una cottura paziente ed attenta...
Carne

Ricetta per trippa con i carciofi

La trippa altro non è che una parte dello stomaco dei bovini macellati. Abitualmente si acquista già cotta in quanto la sua bollitura iniziale richiederebbe molte ore; tuttavia è necessaria una seconda lessatura di circa un paio d'ore. Quest'ultima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.