Ricetta: Savarin di patate

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il Savarin nasce in Francia, nel 1844. Il dolce venne inventato dai fratelli Julien, rinomati pasticceri parigini, in onore del famigerato politico e gastronomo francese Brillat-Savarin. A quanto sembra, i fratelli Julien si ispirarono alla ricetta del babà, introdotto in Francia nell' XVIII secolo dall'esiliato re polacco Stanisław Leszczyński. Il Savarin differisce dal babà principalmente per la forma. La cottura avviene, infatti, in uno stampo apposito. Esistono molte versioni del Savarin: dolci e salate, a base di carne o verdure. A tal proposito, ecco la ricetta del Savarin di patate.

27

Occorrente

  • 800 gr di patate
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 manciata di prezzemolo tritato
  • 4 cucchiai di farina
  • 1/2 scamorza tagliata a dadini
  • 2 uova
  • pan grattato
  • olio evo
  • sale e pepe bianco q.b.
37

Preparate le patate

Il Savarin di patate è piuttosto semplice da preparare. Non richiede particolari doti culinarie né ingredienti eccessivamente costosi. Con pochi euro otterrete un antipasto straordinario. L'occorrente e le dosi fornite nell'apposita sezione sono ideali per 6-8 persone. Pertanto, lavate e pelate le patate. Disponete quindi gli ingredienti in delle scodelline, per procedere speditamente e senza intoppi. Cuocete quindi le patate intere ed ancora con la buccia, nel forno preriscaldato a 180 gradi, per circa 30 o 40 minuti.

47

Pelate le patate

Una volta cotte, pelate le patate ancora calde. Durante questa operazione, fate però attenzione ad eventuali ustioni. Passate poi i tuberi immediatamente nello schiacciapatate. In alternativa, utilizzate una semplice forchetta in acciaio. Raccogliete quindi la poltiglia in una terrina abbastanza capiente. Rompetevi le uova e mescolate i due ingredienti, amalgamandoli per bene. Versate in successione la farina, il sale ed il pepe bianco. Impastate energicamente il composto per il Savarin.

Continua la lettura
57

Cuocete il savarin

A questo punto, ungete con dell'olio lo stampo e cospargetevi del pan grattato. Disponete quindi il composto su tutta la superficie e fermatevi a metà circa. Distribuite nel cuore del Savarin i cubetti di scamorza uniformemente e ricoprite con l'impasto rimanente. Spolverate altro pan grattato e concludete con un filo d'olio. Preriscaldate il forno a 200 gradi e lasciate cuocere il Savarin di patate per 20 minuti. Trascorso il tempo indicato, abbassate la temperatura a 180 gradi e fate dorare per altri 10-15 minuti. Lasciate il Savarin nel forno spento per altri 5 minuti e servitelo immediatamente. In questo modo, il formaggio rimarrà filante. Portatelo in tavola su un bel piatto da portata e tagliatelo in generose fette. Il Savarin sarà un ottimo antipasto per le vostre cene eleganti, ma anche informali con gli amici. Anche i bambini ne apprezzeranno il sapore e soprattutto la semplice farcitura.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: savarin di riso

Il savarin di riso è un primo piatto di origine francese e trae il nome dal suo inventore, il gastronomo Brillat-Savarin. La ricetta originale del savarin di riso, un alimento gustoso ma molto elaborato, conosce numerose varianti e si distingue per la...
Dolci

Come guarnire i babà

Il babà è uno dei dolci tipici della tradizione napoletana, forse è il dolce tipico napoletano per eccellenza. Ecco, non è che si possa parlare del babà così, come se fosse una cosa qualunque. Il babà a Napoli è una religione, un culto unico,...
Dolci

Ricette Bimby: babà al rum

Nonostante la cucina napoletana rivendichi questo buonissimo dolce come proprio, in realtà il babà è originario della Polonia. L'inventore del famosissimo babà fu lo zar di Polonia Stanislas Leczynsky che, essendo un gran gourmet si dilettava ad inventare...
Dolci

5 segreti per un babà perfetto

Il babà, dolce caratteristico della deliziosa pasticceria napoletana, è un dessert perfetto per ogni occasione. Da servire a fine pasto, il babà, con la sua bontà travolgente, saprà conquistare i vostri ospiti più golosi fin dal primo assaggio....
Dolci

Babà al rhum

Il babà ha antiche origini polacche. Ad oggi, è un dessert tipico della pasticceria napoletana, il dolce simbolo della città. Venerato dai buongustai, dalla consistenza morbida e spugnosa, si presta a diverse golose farciture, con panna oppure crema...
Dolci

Come preparare i Babà al limoncello

Le varie pietanze che compongono il panorama gastronomico italiano sono una delle ricchezze più importanti del nostro paese, tanto da essere invidiate e copiate in tutto il mondo. Fra queste, in particolar modo fra quelle che riguardano l'ambito della...
Dolci

Ricetta: il babbà

Il babà pronunciato a Napoli babbà è una ricetta amatissima non soltanto dai partenopei. Questa ricetta a prima vista sembra molto semplice ma non è così. Infatti preparare un ottimo babà richiede esperienza e conoscenza delle dosi giuste. La farcitura...
Consigli di Cucina

10 piatti light vegani per l'estate

La cucina vegana è sicuramente una tra le più particolari ed interessanti, è inoltre tra le più semplici e fantasiose. Tralasciando per un attimo quelli che sono gli ingredienti classici e più conosciuti, per citarne uno ad esempio il cuscus che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.