Ricetta: strudel con cavolo verza e scamorza

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Lo strudel non è altro che un rotolo di pasta arrotolata su se stessa, tipico del Trentino Alto Adige, e che solitamente viene farcito con mele cotte e cannella; la pasta non è sapida e nemmeno zuccherina e per questo motivo lo strudel può essere trovato in diverse versioni, sia dolce che salato. Nella guida che segue vi illustrerò la ricetta dello strudel con cavolo verza e scamorza che risulta essere un perfetto antipasto oppure un secondo; va consumato quando è tiepido poiché la scamorza tenderà ad essere filante ed il gusto del cavolo verza avrà un sapore molto più intenso.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Pasta brisée: 200 grammi di burro freddo di frigorifero, 400 grammi di farina, 140 ml di acqua ghiacciata
  • Ripieno: 1 cavolo verza, 1 scamorza (meglio se affumicata), sale, pepe nero, olio extravergine d'oliva
36

Preparare la pasta brisée

La prima cosa da fare è preparare la pasta brisée. In un frullatore abbastanza capiente, mettete la farina ed il burro molto freddo a tocchetti; iniziate a frullare per pochi secondi, fino a quando il tutto non avrà raggiunto una consistenza sabbiosa (ma fate attenzione che il burro non si sciolga con il calore emanato generalmente dai frullatori). Prendete il composto che avete appena ottenuto, disponetelo a fontana sul tavolo e iniziate ad aggiungere, poco alla volta, l'acqua gelata, impastando, non troppo energicamente, fino ad ottenere una palla liscia. Infine ponetela in frigorifero, avvolta da pellicola trasparente, per almeno un'ora.

46

Preparare il ripieno

Mentre la pasta brisée riposa in frigorifero, dedicatevi alla preparazione del ripieno. Prendete un cavolo verza, staccate dalla base tutte le foglie e sciacquatele accuratamente con acqua corrente fredda; una volta fatto, tagliatela finemente su un tagliere. Nel frattempo mettete in una casseruola abbondante acqua e salatela, immergete il cavolo tagliato e dal momento dell'ebollizione fate cuocere per circa cinque/dieci minuti. Infine scolatelo e lasciate raffreddare. Tagliate anche la scamorza a pezzetti non troppo grossi (rischiano, altrimenti, di non sciogliersi bene durante la cottura) e unitela al cavolo verza in una scodella. Aggiungete un po' di sale, pepe nero macinato ed un goccio d'olio extravergine.

Continua la lettura
56

Assemblare lo strudel

Una volta che sarà trascorsa l'ora di riposo della pasta brisée, mettete un po' di farina sul vostro tavolo ed iniziate a stenderla con l'aiuto di un mattarello e dategli una forma rettangolare con uno spessore di circa due centimetri. Disponete al centro dell'impasto steso il cavolo verza con la scamorza a pezzetti e poi richiudete la pasta brisée sul ripieno; infine fate tre piccoli tagli sulla superficie, spennellate, sulla stessa, un po' di latte ed uovo sbattuti insieme e ponete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa venti minuti, controllando spesso la cottura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se avete poco tempo per cucinare, potete acquistare il rotolo di pasta brisée già pronta

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Strudel con cavolo nero e caprino

Se pensate che lo strudel sia solo quello dolce, ripieno di mele, pinoli e cannella, che si mangia nel nord Italia, questa breve guida vi ...
Consigli di Cucina

10 ricette stuzzicanti con le patate

Tra gli ingredienti più diffusi, utilizzati e buoni nell'ambito culinario, troviamo le patate. Esse possono essere servite come ben sapete sia fritte, sia al ...
Antipasti

Ricetta: strudel salato con cavolo nero e pomodorini pachino

Molto spesso quando si pensa allo strudel, si fa riferimento al classico strudel dolce preparato a base di mele. In realtà lo strudel può anche ...
Dolci

Ricetta: strudel di mele e lamponi

Lo strudel (dal tedesco Strudel, vortice) è il dolce altoatesino per definizione. Caldo o a temperatura ambiente, lo strudel può essere servito indistintamente a colazione ...
Antipasti

Strudel di pollo con mele al marsala

Il pollo rientra senza dubbio tra le pietanze dalla preparazione più semplice e dal gusto più apprezzato da tutti gli invitati a tavola, adulti e ...
Primi Piatti

Ricetta: pasta con verza e salsiccia

Il cavolo verza, conosciuto anche come "cavolo di Milano", è un ortaggio che nei tempi passati era molto noto. Esso, infatti, era utilizzato specialmente per ...
Cucina Etnica

Come preparare gli involtini di foglie di cavolo

In questa guida ci occuperemo di spiegare in modo semplice come preparare gli involtini di foglie di cavolo. Questa ricetta la presenteremo in tre varianti ...
Pizze e Focacce

Come preparare tortini di verza, alici e provola

Dei croccanti e caldi tortini di morbida pasta sfoglia ripieni di verza, alici e provola affumicata a cubetti possono essere una soluzione facile, veloce e ...
Dolci

Ricetta: strudel di pere e ricotta

Se avete intenzione di deliziare i vostri commensali con un dolce facile e veloce, allora lo strudel di pere e ricotta è quello che fa ...
Antipasti

Ricetta: fagottini di verza alla vegetariana

Eccovi proposta la ricetta di un secondo piatto assolutamente saporito, originale e sfizioso: fagottini di verza alla vegetariana. Siamo soliti consumare questo ortaggio in zuppe ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.