Ricetta: tartufi al cacao e nocciole

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Ricetta: tartufi al cacao e nocciole
15

Introduzione

Quando si vuole preparare un dessert che sia in grado di stupire i propri ospiti si può senz'altro optare per i tartufi al cacao e nocciole. Si tratta di una ricetta davvero deliziosa che potrebbe sembrare piuttosto complessa da realizzare ma in realtà non lo è affatto. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per poter preparare i tartufi al caco e nocciole.

25

Occorrente

  • 100 g. cacao amaro - 150 g. mascarpone - 120 g. nocciole - 100 g. zucchero - 1 bicchierino di rum - cacao amaro in polvere q.b. per guarnire
35

Tostare le nocciole

La prima cosa da fare consiste sicuramente nel tostare le nocciole. Per farlo bisogna disporle su una teglia abbastanza capiente e inserirle in forno per almeno dieci minuti ad una temperatura di 180 gradi. Per una perfetta riuscita bisogna girare le nocciole di tanto in tanto ed assicurarsi che non diventino eccessivamente scure. Successivamente, trascorsi i dieci minuti, bisogna toglierle dal forno e disporle su un panno umido in modo da togliere delicatamente la buccia. A questo punto quando si saranno raffreddate bisogna tritarle utilizzando un frullatore.

45

Realizzare l'impasto

Nel frattempo lasciate il mascarpone fuori dal frigorifero per farlo ammorbidire. A questo punto nel tritatutto mettete il mascarpone, il cacao, lo zucchero ed il rum. Amalgamate tutto a media velocità fino ad ottenere una crema omogenea. Unite per ultimo le nocciole precedentemente tritate. L'impasto ora è pronto. Assaggiate per verificare se è troppo dolce (in questo caso aggiungete del cacao) o se è troppo amaro (in questo caso correggete con dello zucchero). L'impasto deve risultare modellabile, morbido, ma non cremoso (dovete riuscire a ricavarne delle palline che non si attacchino alle mani). Se il composto dovesse risultare troppo cremoso, potete aggiungere un paio di cucchiai di cacao amaro e uno di zucchero. Mettete in frigo l'impasto per almeno mezzora.

Continua la lettura
55

Mettere in frigorifero

Trascorso il tempo stabilito, versate la polvere di cacao in un piatto. Ora tirate fuori dal frigorifero l'impasto di mascarpone e nocciole e, con l'aiuto di due cucchiaini, ricavate delle palline di uguali dimensioni. Passatele nel cacao e lavoratele a mano per ottenere una forma regolare. Ora mettete i vostri tartufi di cacao e nocciole in un piatto da portata e riponeteli in frigorifero fino al momento di servire. Per ottenere dei tartufi diversi fra loro potete eventualmente passarne metà nel cacao e metà in un po' di granella di nocciole sminuzzata più finemente. Per fare una variante di questa ricetta basta sostituire il mascarpone con del burro ammorbidito: l'impasto che otterrete sarà più denso ma altrettanto gustoso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Ricetta: Tartufi siciliani alla panna

I tartufi siciliani alla panna sono un dessert molto goloso, tipico di questa regione d’Italia. Sono dei grossi bignè riempiti con crema chantilly o al mascarpone, spennellati con della panna montata per dolci e poi cosparsi da briciole bianche di...
Consigli di Cucina

Frutta secca: 10 ricete per utilizzarla

Un ingrediente che si può utilizzare per poter realizzare qualsiasi tipo di ricetta è la frutta secca. Quest'ultimo è un alimento ricco di caratteristiche benefiche per l'organismo. Si tratta di frutta essiccata, attraverso un processo che la priva...
Dolci

Tartufi di cioccolato e rum

Oggi vi mostrerò passo dopo passo come preparare degli squisiti tartufi di cioccolato e rum. Per la preparazione utilizzerò, per i tartufi: panna fresca, cioccolato fondente, tagliato a scaglie, miele e rum. A seconda dei propri gusti il cioccolato...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchetti di baccalà ai tartufi di mare

Se si vuole stupire i propri commensali con un buon primo a base di pesce si può considerare la preparazione dei gnocchetti. Anche se si tratta di una pasta a base di patate questa può essere amalgamata con la preparazione del pesce, unendo così i...
Antipasti

Ricetta: involtini di melanzane con crema di tartufi

Le melanzane rappresentano da sempre un ingrediente molto interessante della cucina italiana e non solo. Tonde o allungate, nere o viola, si prestano benissimo a tante preparazioni originali e gustose. Possiamo utilizzare le melanzane per un primo piatto,...
Dolci

Ricetta: tartufi al rhum

Se desideriamo stupire i nostri ospiti con un fine pasto irresistibile prepariamo dei tartufi al rhum, dolcetti sfiziosi e buonissimi, a cui difficilmente si riesce a resistere, preparati a base di cioccolato ed aromatizzati al rhum. Facilissimi e velocissimi...
Dolci

3 dolci con il cocco

Il cocco è un frutto esotico, tipico della stagione estiva. Ricco di fibre, vitamina B, C, K, E, sali minerali ed amminoacidi essenziali regola il metabolismo e l'immunità. È un toccasana per il sistema nervoso ed il cervello. Ottimo al naturale, il...
Dolci

Come fare i tartufi di castagne

Volendo preparare un dolce innovativo e dal gusto particolare, possiamo cimentarci nell'elaborazione di tartufi di castagne. La ricetta è tipica del Piemonte, e se ben eseguita ci regala un raffinato dessert da servire ad ospiti di riguardo dopo una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.