Ricetta toscana: la ribollita

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una ricetta tipica della tradizione Toscana è sicuramente la cosiddetta ribollita, ovvero un piatto davvero gustoso e soprattutto gradevole. Si tratta infatti, di una zuppa a base di ortaggi e verdure, che viene servita con dei crostini di pane. Per ottenere una ribollita perfetta, non devono però mai mancare tre ingredienti fondamentali vale a dire i fagioli, la verza ed il cavolo nero. A tale proposito, ecco una guida su come preparare questa tradizionale ricetta della Toscana.

26

Occorrente

  • 250g di cavolo verza
  • 250g di cavolo nero
  • 250g di fagioli cannellini secchi
  • 100g di pomodori pelati
  • 1 patata
  • 1 cipolla
  • 1 porro
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • Olio extravergine d’oliva
  • Prezzemolo
  • Timo
  • Rosmarino
  • Sale
  • Pepe nero in polvere
  • Pane raffermo
36

Scegliere i fagioli adatti

La scelta dei fagioli adatti è indispensabile per la buona riuscita della ribollita. Dovete optare per dei fagioli cannellini secchi. Metteteli a bagno in acqua fredda per almeno 24 ore. Quindi, cuoceteli a fuoco moderato per circa un’ora. Vi consigliamo di unire all’acqua delle cotiche di maiale, oppure un osso di prosciutto. Quando i fagioli saranno pronti, non buttate via l’acqua della cottura, poiché dovrete utilizzarla proprio per la preparazione della ribollita.

46

Utilizzare ortaggi e verdure

Gli altri ingredienti base della ricetta da utilizzare sono gli ortaggi e le verdure e per cui dopo averle scelte vanno accuratamente lavate e tra queste per quanto riguarda i primi non devono mancare carote, sedano, cipolle e il porro che vanno ridotti tutti in piccoli pezzi. A questo punto bisogna farli soffriggere in una pentola capiente, con un filo d’olio extravergine d’oliva, e poi insaporirli con del basilico fresco e dei pomodori pelati. Adesso potete procedere con le verdure, per cui mondate il cavolo verza e quello nero, eliminando i gambi, dopodiché con un coltello ben affilato, sbucciate la patata e tagliatela. Unite il tutto al soffritto ed insaporite con un rametto di rosmarino, qualche foglia di timo ed un pizzico di sale. Durante la fase di cottura utilizzate un cucchiaio di legno, per mescolare di tanto in tanto la ribollita, e se tende ad asciugarsi, potete bagnarla con l’acqua avanzata dalla cottura dei fagioli.

Continua la lettura
56

Servire la ribollita

Quando le verdure risulteranno ben cotte, prendete metà della ribollita e trasferitela in un frullatore, in modo da ottenere una sorta di purea liscia ed omogenea. Fate lo stesso anche con la metà dei fagioli, e versate poi la purea ed il resto dei fagioli nella pentola e mescolate con cura. Sul fondo del piatto da portata, disponete infine del pane raffermo, servendo la ribollita ben calda. In alternativa potete usare dei crostini già pronti in buste ed acquistabili nei supermercati, oppure tostare del pane avanzato nei giorni precedenti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vi consigliamo di cuocere la vostra ribollita in una pentola di coccio. La cottura risulterà più lenta ed omogenea, per un risultato veramente gustoso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 utilizzi dei legumi secchi

In questa guida vedremo 10 utilizzi dei legumi secchi. I legumi secchi sono un importante alimento, tuttavia necessitano sempre di reidratazione prima di cuocerli. Sono una fonte di proteine per cui è consigliabile non abbinarli con cibi troppo pesanti...
Antipasti

Ricetta: fagottini di verza alla vegetariana

Eccovi proposta la ricetta di un secondo piatto assolutamente saporito, originale e sfizioso: fagottini di verza alla vegetariana. Siamo soliti consumare questo ortaggio in zuppe, stufati, minestroni e involtini a base di salsiccia. Tuttavia esiste una...
Antipasti

3 ricette con il cavolo nero

Il cavolo nero è una verdura invernale ricca di vitamina C e sali minerali, famoso soprattutto per le sue proprietà depurative, antivirali e immunostimolanti. I maggiori benefici si ottengono mangiandolo crudo, o comunque attuando una cottura che non...
Cucina Etnica

La cucina tradizionale dell'Ecuador

La cucina tradizionale dell'Ecuador è abbastanza varia, nonostante sia un piccolo Paese, e cambia di zona in zona. L'Ecuador è una Repubblica del Sud America che comprende diverse tipologie geologiche e climatiche ognuna delle quali ha tradizioni culinarie...
Primi Piatti

Come si prepara la zuppa toscana di fagioli e bietole

La zuppa toscana di fagioli e bietole è un piatto tipicamente invernale, ottimo per le serate più fredde. La preparazione è molto semplice, ma prevede un lungo periodo di cottura dei fagioli cannellini: per prepararli infatti, bisogna pensarci in anticipo,...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di cavolo nero

La zuppa di cavolo nero è uno dei piatti più antichi e gustosi dell'antica tradizione culinaria toscana. La preparazione di questa prelibatezza dal sapore rustico richiede circa tre ore e la presenza molte verdure e molti legumi da tenere in ammollo...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa toscana

La zuppa è il piatto per eccellenza che permette di riscaldarsi soprattutto durante la stagione fredda. Una delle preparazioni più famose è la zuppa toscana. Si tratta di una pietanza che prevede l'aggiunta del cavolo nero. Inoltre, la tradizione prevede...
Carne

Come accompagnare una bistecca fiorentina

Quando si parla di Italia, è inevitabile citare le sue tante meraviglie. Il bel paese è terra di arte, di storia, di cultura e - naturalmente - di buon cibo. Ogni regione d'Italia offre le sue specialità inimitabili. Solo recandoci in tali zone potremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.