Ricetta: zeppole di baccalà

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Ricetta: zeppole di baccalà
15

Introduzione

A Napoli le zeppole di baccalà sono famose ed amate per il loro sapore gustoso. Generalmente si preparano durante le festività di Natale, ma in realtà in famiglia ed in rosticceria si cucinano tutto l'anno. Gli amanti di queste zeppole sanno che è fondamentale non farle inzuppare nell'olio di cottura. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazione su come è possibile preparare questa ricetta.

25

Occorrente

  • Baccalà
  • Farina
  • Lievito
  • Prezzemolo e pepe nero
  • Olio da frittura
35

Come preparare il baccalà prima di cuocerlo

La prima cosa da fare è quella di acquistare un pezzo di baccalà abbastanza alto. Esso deve essere messo in una ciotola con dell'acqua per fargli perdere il sale. Successivamente bisogna cambiare l'acqua con frequenza; in questo modo il sale in eccesso va via rapidamente. Si deve mettere la ciotola sotto l'acqua corrente per qualche minuto e poi ripetere il cambio dopo un'ora. Per verificare se il processo è completo basta assaggiarne un pezzo (anche crudo). Appena il baccalà è pronto si deve mettere a bollire in acqua fredda e poi bisogna trasferirlo in un colapasta.

45

Come cucinare il baccalà

Quando il baccalà si è raffreddato bisogna eliminare le spine e dividerlo in pezzetti da mettere nel piatto. In una ciotola alta bisogna sciogliere un panetto di lievito di birra con un bicchiere d'acqua ed un po' di birra. Quest'ultima viene utilizzata per far crescere rapidamente la pasta e renderla croccante e gustosa. Poi, si devono aggiungere all'acqua un pizzico di pepe nero macinato e del prezzemolo tritato. In seguito si deve versare a pioggia nella ciotola circa 400 g di farina e mescolare per bene, senza far formare dei grumi.

Continua la lettura
55

Come cuocere le zeppole con baccalà

La miscela che si forma deve essere gommosa ed appiccicosa. Si mette poi la ciotola in un posto riparato e coperta da un canovaccio. Dopo circa un'oretta la pasta è cresciuta di circa il doppio e si sono create delle bollicine. A questo punto si devono immergere i pezzetti di baccalà nella pasta e mescolare con un cucchiaio di legno. Poi, in una padella si fa scaldare dell'olio per friggere. Successivamente si deve prendere con un cucchiaio la pasta e mettere nella padella, lasciando friggere le zeppole. Queste ultime si devono rigirare quando sono dorate al punto giusto. Una volta che sono dorate da tutti i lati si deve abbassare la fiamma e lasciarle cuocere anche nella parte interna. A questo punto le zeppole sono cotte, ma siccome sono imbevute d'olio è opportuno metterle su della carta assorbente. In seguito si possono servire calde e guarnite con sale, in base ai propri gusti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare le zeppole sarde

La tradizione culinaria italiana è ricca di ricette tramandate di generazione in generazione. Le feste rappresentano i momenti ideali per mettersi in cucina e preparare piatti tipici e gustosi. Ogni festa che si rispetti in Italia ha il proprio piatto...
Dolci

Come preparare le zeppole di riso

Le zeppole fatte con il riso come si sa sono tipiche della cucina siciliana; la ricetta si tramanda di generazione in generazione. Queste zeppole si preparano il 19 marzo, cioè per la Festa del Papà. Esse vanno mangiate dopo il pasto; vengono fritte,...
Dolci

Zeppole di carnevale con crema chantilly

Le zeppole sono dolci tradizionali di Carnevale. Come la maggior parte delle preparazioni tipiche di questo periodo, si tratta di paste fritte in abbondante olio di semi. Le zeppole di Carnevale con crema chantilly sono una versione ancora più golosa...
Dolci

Come fare le zeppole all'acqua

Le zeppole all'acqua sono una variante più leggera, ma sempre saporita, delle classiche zeppole che si preparano per il carnevale. Sono perfette da portare in tavola come fine cena. Sono ottime per una colazione od una merenda sostanziosa accompagnate...
Dolci

Come preparare le pettole di Carnevale

Le pettole, chiamate anche "zeppole", sono delle deliziose ciambelline che possono essere fatte fritte, oppure cotte al forno, e potranno essere sia salate che dolci. Esse vengono preparate per festeggiare il Carnevale solitamente, oppure per la festa...
Antipasti

Come preparare le crocchette di baccalà alla salsa di yogurt

La salsa allo yogurt serve da accompagnamento a svariati piatti. È molto fresca, leggera e sfiziosa. Abbastanza versatile in cucina, è ottima per rendere i fritti ancora più saporiti. In questa guida abbineremo la salsa allo yogurt, proprio ad un fritto....
Pesce

4 secondi piatti con il baccalà

Il baccalà è un pesce molto saporito a cui è possibile accostare tanti ingredienti e fare molti abbinamenti. In questa breve guida voglio proporvi quattro secondi piatti a base di baccalà. La prima ricetta sono delle saporite e croccanti “crocchette...
Antipasti

Come preparare i filetti di baccalà in pastella

I filetti di baccalà in pastella sono una tipica pietanza della cucina laziale. È un piatto gustoso che richiede pochi ingredienti e una semplice preparazione.È uso comune mangiare il baccalà come antipasto per la cena della vigilia di natale oppure...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.